Storie dal forum

Mamma giovane

Di Nostrofiglio Redazione
mamma-bambino.180x120
31 luglio 2012
"Mi sono presa tutte le chiacchiere della gente e sono stata abbandonata da tutte le amiche, ma se potessi tornare indietro lo rifarei, perché tutti questi sacrifici mi sono serviti ad incontrare un uomo meraviglioso più piccolo di me di 4 anni che mi ama infinitamente e con cui ho concepito il mio secondo miracolo. Quindi sono strafelice dei miei doni di Dio e di essere diventata mamma a 18 anni!"

A 17 anni mi sono innamorata di un uomo di 11 anni più grandi di me... quindi di 28 anni, e già a questa notizia a mia madre momenti prende un infarto.

 

Dopo 8 mesi insieme, di cui 5 passati a vivere insieme 24 ore su 24 a casa di mia madre, faccio i miei fatidici 18 anni e qualche giorno dopo finisco al pronto soccorso perché andando in bagno a fare la pipì vedo del sangue e non essendo sotto ciclo e prendendo anche la pillola da un anno non potevano nemmeno anticipare. Mi dicono che si tratta di cistite con emorragia: mi fanno una bella puntura di antibiotico e mi dicono di stare a letto e bere tanta acqua.

 

Il giorno dopo ancora sangue quindi viene il medico di casa e mi dà un altro antibiotico da prendere e il famoso monuril per la cistite. Ok, finalmente quasi 15/20 dopo è tutto passato ritorno a lavoro accanto al mio ragazzo. Mi sento strana stanca, affannata, ma il dottore e gli amici mi dicono che è normale perchè ho preso antibiotici. "Ok", dico io.

 

Poi un giorno come mi alzo dal letto svengo. Rimango a letto e riprovo il giorno dopo. Idem, come mi alzavo giramenti di testa e perdita di sensi. Finisco la mia pillola e niente ciclo. Torna il dottore e dice che è un'influenza che mi ha colpito subito dopo aver fatto la cura perché mi ha trovato debilitata. Uffi, si ricomincia con l'antibiotico.

 

Dopo un po' di giorni, qualche macchietta di sangue non proprio un ciclo, ma il dottore mi tranquillizza dicendo che possono essere i farmaci che bloccano il ciclo.

 

Il secondo mese sempre peggio: a letto con dolori addominali, un po' di febbre e niente ciclo. Mia madre lontana per una vacanza la mia amica mi dice: "Facciamo una visita dal ginecologo per sicurezza?". Io: "Ma sì, in fin dei conti non ne ho mai fatta una, forse è anche ora, no???". Chiama la sua ginecologa, mi carica in macchina e mi porta da lei.

 

Alla mia amica dico di entrare con me perché essendo la prima visita ho un po' di ansia. Mi sdraio sul lettino e nel frattempo spiego alla ginecologa le ultime vicissitudini, che è la prima visita e dello strano ciclo. Poi inizia la visita e io guardo la stanza. Vedo un quadro di una mamma in attesa e di un piccolo embrione in crescita e dico alla mia amica: "Guarda che bello" la mia amica mi sorride e la ginecologa mi dice: "Si. Più o meno è come il suo". Io le dico: "Il mio cosa scusi?" e lei: "Perché non sapeva di essere incinta? E da quello che sento dovrebbe essere di un paio di mesi!!!".

 

Io sobbalzo e le dico che non è possibile perché prendo la pillola. Lei diventa bianca come un cencio e mi dice di smetterla immediatamente e mi manda a fare di cosra un bhcg. Risultato? Ero incinta e stavo al terzo mese! Io ero felicissima, ma ancora non sapevo cosa mi attendeva. Mia madre scongiura il secondo infarto. Il papà del mio bimbo mi dice che non è pronto a fare il padre e se ne va di casa dicendomi di pensare ad un aborto. E finisco in ospedale per minacce di aborto per tutte le schifezze che mi ha fatto prendere il medico...

 

Che brutto periodo ragazze! Ma poi mia madre mi è stata vicina, il mio piccolo si è salvato grazie a Dio senza riportare danni ed oggi è un bellissimo ragazzino di quasi 13 anni. Il papà e tornato quando ero al quinto mese: ci siamo sposati che ero al settimo, ma il matrimonio purtroppo è durato solo un anno... anche se ci siamo trascinati per un altro paio. Niente, non è proprio tagliato né a fare il marito, né il papà, ma oggi abbiamo un buon rapporto di amicizia per il nostro bambino che io continuo a chiamare il mio miracolo.

 

Mi sono presa tutte le chiacchiere della gente e sono stata abbandonata da tutte le amiche, ma se potessi tornare indietro lo rifarei, perché tutti questi sacrifici mi sono serviti ad incontrare un uomo meraviglioso più piccolo di me di 4 anni che mi ama infinitamente e con cui ho concepito il mio secondo miracolo. Quindi sono strafelice dei miei doni di Dio e di essere diventata mamma a 18 anni!

 

(Storia di Elemj tratta dal forum di Nostrofiglio.it)

 

Vuoi leggere altre storie dei nostri utenti? Come ti ha chiesto di sposarlo e La prima volta che ho visto mia figlia