Home Famiglia Costume

Covid-19 e mascherine: tutte le risposte dell'Organizzazione mondiale della sanità ai dubbi più comuni

di Valentina Murelli - 09.06.2020 - Scrivici

mascherine-nuovo-coronavirus
Fonte: Shutterstock
Chi e come dovrebbe indossare le mascherine chirurgiche; quando sono consigliate le mascherine in tessuto o fai da te, e come dovrebbero essere e altro ancora: facciamo - ancora - chiarezza sull'utilizzo delle mascherine

A diversi mesi dall'inizio della pandemia di Covid-19, causata dal coronavirus Sars-Cov-2, persiste ancora qualche incertezza sull'uso delle mascherine. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha fatto chiarezza il 7 giugno scorso, con un documento contenente le risposte ai dubbi più comuni sull'argomento mascherine.

In questo articolo

Le mascherine servono davvero?

Le mascherine possono essere un importante strumento di protezione individuale e di limitazione della diffusione del virus, per cui sono sicuramente consigliate in varie circostanze. Detto questo, l'OMS sottolinea più volte con insistenza il fatto che le mascherine da sole non sono in grado di fornire un livello adeguato di protezione contro Covid-19 e dovrebbero essere usate come parte di un insieme generale di misure che devono comprendere:

Quanti tipi di mascherine esistono?

Ne esistono tre tipi.

Respiratori

Sono le famose mascherine FFP2, FFP3, N95, N99. Sono specifiche per operatori sanitari che forniscono assistenza a pazienti con Covid-19 in situazioni e aree in cui possono essere generati aerosol. Ogni operatore che le utilizzi deve assicurarsi di indossare la taglia corretta, in modo che il dispositivo aderisca perfettamente.

Mascherine mediche o chirurgiche

Sono quelle classiche azzurre o verdi che abbiamo imparato a conoscere in questi mesi. Riducono la diffusione nell'ambiente delle goccioline respiratorie emesse da chi le porta e l'eventuale trasmissione del virus da parte di altri verso chi le porta.

Mascherine in tessuto o fai da te (non mediche)

Agiscono soprattutto come barriera per prevenire la diffusione del virus da parte di chi le indossa verso gli altri. Possono essere acquistate o prodotte in casa, ma in ogni caso dovrebbero coprire naso, bocca e mento, includere più strati, essere lavabili e riutilizzabili.

Quando usare le mascherine chirurgiche?

L'OMS ne raccomanda l'utilizzo alle seguenti categorie di persone:

  • operatori sanitari;
  • chiunque abbia sintomi – anche lievi – che possono far pensare alla Covid-19;
  • persone che assistono pazienti con Covid-19 (o casi sospetti), anche al di fuori di strutture sanitarie
  • persone a rischio quando si trovano in aree caratterizzate da elevati livelli di trasmissione e non si riesce a garantire il distanziamento di almeno un metro. In particolare: over 60 e persone di ogni età con altri problemi di salute (diabete, ipertensione, cancro, malattie cardiache o polmonari).  

Come indossare e togliere una mascherina chirurgica

Come indossarla

  • Prima di indossare la mascherina, lava bene le mani con acqua e sapone o con una soluzione alcolica
  • Controlla che sia integra e non indossare mascherine danneggiate o con strappi
  • Controlla bene qual è la parte superiore della mascherina (quella con la striscia di metallo) e qual è la parte interna (in genere è bianca)
  • Posiziona la mascherina in modo che copra naso, bocca e mento, assicurandoti che non ci siano spazi liberi tra la mascherina stessa e il tuo volto
  • Stringi sul naso la barretta metallica

Attenzione: una volta indossata, non toccare mai la mascherina per evitare eventuali contaminazioni. Se ti capita di toccarla, lavati le mani. Se si inumidisce o si danneggia durante l'uso, rimuovila e sostituiscila. 

Come toglierla

  • Prima ti toccarla, lavati le mani con acqua e sapone o con una soluzione alcolica
  • Rimuovila afferrandola per gli elastici e allontanandola dal volto
  • Ricorda che le mascherine chirurgiche sono per uso singolo: gettala immediatamente dopo l'uso in un contenitore chiuso
  • Lava le mani dopo aver toccato la maschera

Quando indossare le mascherine in tessuto o fai da te

Dopo aver sottolineato che al momento non ci sono prove scientifiche solidissime a favore dell'utilizzo diffuso, in ogni circostanza, delle mascherine, L'OMS raccomanda comunque l'utilizzo di quelle in tessuto in particolari circostanze e cioè nelle comunità in cui c'è ampia diffusione del virus e specialmente dove non può essere mantenuta la distanza fisica di almeno un metro dagli altri. Per esempio:

  • negli ambienti affollati
  • nei negozi
  • nei trasporti pubblici

Nulla vieta in queste circostanze di utilizzare le mascherine chirurgiche, ma se ci sono limitazioni nell'approvigionamento, queste andrebbero indirizzate in modo prioritario alle categorie elencate in precedenza. 

Mascherine e bambini

Da che età i bambini devono indossare la mascherina e in quali circostanze?

"Le mascherine sono obbligatorie per i bambini sopra i sei anni, qualora frequentino luoghi chiusi aperti al pubblico, dove è difficile mantenere le distanze di sicurezza (per esempio mezzi di trasporto)" afferma Adima Lamborghini, pediatra di famiglia e mebro del Comitato scientifico della Federazione italiana medici pediatri (FIMP).

 

"Non è stato posto l'obbligo sotto i sei anni, perché è molto difficile che un bambino piccolo riesca a indossare correttamente la mascherina, con la possibilità di renderla inefficace o rischiosa".

 

Come deve essere indossata la mascherina da parte dei bambini

Valgono le stesse indicazioni valide per gli adulti: la mascherina deve coprire naso, bocca e mente e deve essere ben aderente al volto e per questo bisogna ricorrere a mascherine specifiche per bambini. Poiché è difficile trovare mascherine chirurgiche per bambini, si possono utilizzare quelle in tessuto, anche fai da te. E' importante che in questo caso le mascherine siano fatte combinando più tessuti diversi. 

 

Non bisogna toccarla all'interno o all'esterno (salvo ovviamente gli elastici, per indossarla o toglierla)

 

Come convincere i bambini a indossare la mascherina

Risponde la psicologa Giusy Castiglioni, terapeuta dell'associazione EMDR Italia. "Il primo passo da fare è spiegare loro in modo semplice perché è importante utilizzarla (per esempio perché non sempre si riuscirà a mantenere le distanze di sicurezza), magari sottolineando che la si porterà per un po' ma non per sempre".

 

"Secondo passo: trasformare in un gioco quello che è un obbligo, per esempio ricordando che anche i supereroi portano la mascherina. Come i supereroi indossano la mascherina per non farsi riconoscere dagli altri, noi la indossiamo per non farci riconoscere dal virus e, dunque, sconfiggerlo. E, ancora, inventandosi insieme un gioco per imparare a usare bene la mascherina: chi la tocca o la sposta (anche mamma o papà!) perde punti o altro". 

Come indossare, togliere e riutilizzare le mascherine in tessuto

Come dovrebbero essere fatte

Secondo l'OMS, le mascherine in tessuto riutilizzabili dovrebbero contenere:

  • uno strato interno di materiale assorbente come il cotone;
  • uno strato intermedio di materiale non intessuto, come il polipropilene;
  • uno strato interno di materiale non assorbente, come il poliestere

Come utilizzarle

  • Prima di indossare una mascherina in tessuto, lava le mani
  • Controlla che sia integra e non indossare mascherine danneggiate;
  • Sistemarla in modo che copra naso, bocca e mento, senza lasciare spazi aperti ai lati;
  • Non toccarla mentre la indossi;
  • Cambiala se diventa umida o si bagna;
  • Toglila partendo dagli elastici, allontanandola dal volto senza toccarne la parte frontale;
  • Lavati le mani dopo averla rimossa. 

Come prendersi cura della mascherina in tessuto

  • Se non è sporca o umida e pensi di riutilizzarla, riponila in un sacchettino di plastica che si possa richiudere. Quando la riutilizzi afferrala per gli elastici quando la estrai dal sacchettino;
  • Lavala con acqua calda (almeno 60 °C) e un detergente almeno una volta al giorno;
  • In alternativa, pui lavarla in acqua a temperatura ambiente e poi disinfettarla o mettendola a bollire per un minoto o immergendola in una soluzione a base di cloro (per esempio candeggina o varechina) allo 0,1%. In questo documento del Ministero della salute la spiegazione di come ottenere una soluzione allo 0,1%.
  • Non condividere la mascherina con nessun altro. 

I limiti della mascherine

L'OMS sottolinea che l'utilizzo delle mascherine potrebbe indurre un falso senso di rassicurazione, portando a trascurare altre pratiche fondamentali per la prevenzione. Anche se si indossano le mascherine, dunque, è molto importante continuare a mantenere il distanziamento sociale e a lavarsi frequentemente le mani. Una volta indossate, inoltre, le mascherine non vanno toccate e spostate, perché se c'è stato contatto con particelle contenenti il Sars-Cov-2, questo aumento il rischio di infezione. 

Tutte le misure per proteggersi dalla Covid-19

Come abbiamo detto, le mascherine rappresentano solo una delle misure protettive contro la diffusione del virus e il rischio di infezione. Le altre ricordate dalla OMS sono le seguenti:

  • continuare a evitare spazi affollati;
  • mantenere una distanza fisica di almeno un metro dalle altre persone, specialmente se hanno sintomi;
  • lavare spesso le mani, con una soluzione a base alcolica o con acqua e sapone;
  • coprire naso e bocca con un fazzoletto o con il gomito quando si tossisce o starnutisce. Il fazzoletto va gettato immediatamente in un contenitore possibilmente chiuso, mentre le mani vanno subito lavate;
  • evitare di toccare in continuazione bocca, naso e occhi. 

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli