Festa del papà

I papà del Terzo millennio

Brad-Pitt-Angelina-Jolie
19 Marzo 2009
Maschi che si aggirano per la città con marsupio o passeggino e che sanno tutto di gravidanza e allattamento. Non sono creature aliene, ma i papà di oggi. I tempi in cui le madri minacciavano i pargoli con “lo dico a tuo padre” sono un ricordo lontano. "Per molti uomini partecipare alla vita del bambino è stata una scoperta meravigliosa, così come per le donne non essere più relegate in casa. In questa nuova coppia paritaria, i genitori devono però stare più attenti a non creare dissidi sull’allevamento dei figli" avverte la psicologa Anna Oliverio Ferraris.
Facebook Twitter Google Plus More

L'articolo continua nella pagina seguente

No al mammo.
Ma parità non vuol dire uguaglianza. I modi di un padre sono necessariamente diversi da quelli di una madre. Per esempio rispetto al parto o all’allattamento, l’uomo può essere solo d’aiuto. Un maschio che si intromette troppo, che vuol fare il mammo, può suscitare nella donna gelosia e incomprensione. Inoltre è importante per il bambino che un padre sia “altro” rispetto alla madre. "Con la gravidanza e l’allattamento la donna crea un rapporto quasi di fusione col piccolo, il padre serve per aprire questo rapporto così esclusivo".

Un papà nuovo. Se il padre di oggi non è più la figura autoritaria di un tempo, ma non è neanche una mamma, allora chi è? Severino Colombo e Gianni Biondillo nel Manuale di soppravvivenza del padre contemporaneo definisce i nuovi padri come coloro che “non intendono re