Home Famiglia Costume

Perde la memoria dopo il parto, il marito scrive un libro per aiutarla a ricordare

di Luisa Perego - 29.10.2019 - Scrivici

coppiamanonellamano.600
Fonte: shutterstock
Ha perso la memoria a breve e a lungo termine dopo il parto: il primo appuntamento, il primo bacio, la nascita di suo figlio. Tutto andato. E' accaduto all'americana Camre Curto, 31 anni. Il marito, Steve ha scritto un libro "But I know I love you", pubblicato il mese scorso in occasione del loro anniversario di matrimonio.

Dieci anni di relazione. Dieci anni che per Camre sono diventati il nulla assoluto.

Non si ricorda il primo appuntamento con il marito, non si ricorda del primo bacio, del loro matrimonio, di quando era incinta, non si ricorda della nascita di suo figlio.

Ma, in cuor suo, sa di amare il marito. Anche se non ha idea di chi sia.

"Non so chi tu sia. Ma ti amo",

gli avrebbe infatti detto una sera mentre erano sul divano.

Camre Curto, 31 anni, di Fenton, in Michigan, ha perso la memoria a breve e a lungo temine sette anni fa, nel giorno in cui ha dato alla luce il suo bimbo Gavin. La causa è stata un ictus, dovuto a preeclampsia non diagnosticata sfociata in eclampsia.

In questi anni suo marito Steve, 38 anni, non si è dato pace e per fare in modo che la moglie potesse ricordare la loro relazione e i momenti più importanti della loro vita insieme ha scritto un libro, "But I know I love you", (Ma so di amarti) che ha autopubblicato il mese scorso.

La coppia è stata intervistata da Good Morning America e la notizia ha fatto il giro del mondo e dei social.

Non ha più la memoria a breve e a lungo termine

La donna non ricorda proprio nulla di questi anni passati insieme al marito e al figlio. "Tutto quello che c'è scritto nel libro è la testimonianza di quello che è successo e di cosa mi sono persa", ha spiegato a Good Morning America la mamma. "Mi è piaciuto molto leggerlo, ho provato un mix di sentimenti unico. A volte per me è difficile, perché leggo episodi che mi sono successi e di cui non mi è rimasta memoria".

Una gravidanza nella norma, fino al terzo trimestre

La gravidanza di Camre stava procedendo normalmente, fino al terzo trimestre di gravidanza, quando ha iniziato ad avere nausea e vomito frequente.

Alla trentatreesima settimana, ha iniziato a gonfiarsi e ad avere problemi a respirare. Camre e Steve si sono precipitati in ospedale. Il piccolo Gavin è nato poco dopo, con un cesareo d'urgenza.

"Non può ricordare quello che è successo prima di questo incidente e non ha neppure la memoria a breve termine" ha spiegato Ann Arbor, terapista al Galaxy Brain and Therapy Center, Michigan. "Quello che le è successo è estremamente raro".

Camre è stata intubata e indotta in coma farmacologico. "Quando è uscita dal coma e ha iniziato a svegliarsi, ho capito che c'era qualcosa che non andava" ha spiegato il marito Steve. "Non aveva idea di chi fosse o di essere appena diventata mamma. Non riconosceva neppure me e non sapeva chi fossero i suoi genitori".

Carme è rimasta in ospedale trenta giorni dopo il parto, mentre Gavin è rimasto per 36 giorni nel reparto di terapia intensiva neonatale. "Praticamente ho vissuto in ospedale " ha continuato Steve. "Era importante per il bonding con nostro figlio, ma dato che Camre non poteva esserci, ci ho pensato io: dal contatto pelle a pelle all'allattamento".

Quando Carme è stata dimessa dall'ospedale, è stato come avere un altro neonato in casa. "Chi sei? Chi è Gavin?" erano domande comuni. Ha quindi trascorso i primi mesi insieme ai genitori e Steve ha cresciuto il piccolo Gavin come se fosse un papà single. Anche se Carme stava bene fisicamente, aveva perso la cognizione di tutto: non aveva idea di come vestirsi, di come si lavassero i denti. Non si ricordava neppure di Steve e della sua vita prima dell'incidente.

Tutto fino ad arrivare a quella sera. Steve e Camre erano seduti sul divano, quando lei all'improvviso ha detto "Non so chi tu sia, ma so di amarti". Per questo Steve ha deciso di usare queste parole come titolo del suo libro.

"E' quello che mi ha dato la forza per andare avanti".

"Quando l'ho incontrata per la prima volta, mi ha fatto diventare una persona migliore ed è stato quello che amavo di lei". Non si è quindi dato per vinto e insieme a un esperto hanno iniziato a re-imparare insieme tutto: da come cucinare, a come cambiare un pannolino, a come imparare a vestirsi. Camre ha anche imparato alcuni trucchi per ovviare gli scherzi della memoria, come scriversi piccole cose da fare e ripetere all'infinito alcuni gesti per immagazzinarli.

"Grazie a mio figlio e a mio marito sto riuscendo a superare tutto questo" ha detto Camre. "Ogni volta che li vedo, dentro e fuori di me si accende un enorme sorriso. L'amore della mia famiglia è quello che significa più di tutto per me e quello che mi aiuta giorno dopo giorno".

Per saperne di più su Camre, Steve e Gavin:

Che cosa è la preeclampsia e quando diventa eclampsia
La preeclampsia o gestosi è una malattia tipica della gravidanza potenzialmente pericolosa sia per la mamma sia per il feto. Compare, generalmente in modo improvviso. Per evitare danni, anche seri, è fondamentale diagnosticarla per tempo, soprattutto tenendo sotto controllo la pressione arteriosa e con regolari controlli delle urine.
Per approfondire: che cosa è la preeclampsia

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli