Home Famiglia Costume

Sami Modiano: "Finché avrò vita parlerò ai giovani"

di Nostrofiglio Redazione - 26.01.2024 - Scrivici

olocausto
Fonte: shutterstock
Sami Modiano, testimone della Shoah, ha fiducia e speranza in chi verrà dopo. In occasione del Giorno della memoria, il Senato pubblica un video inedito

In questo articolo

Sami Modiano incontra i ragazzi

Venerdì 20 gennaio 2023, a Palazzo Giustiniani, nella Sala dove venne firmata la Costituzione, Sami Modiano ha incontrato gli studenti del Liceo scientifico Morgagni di Roma e ha risposto alle domande di SenatoTV riportando la sua testimonianza dell'Olocausto.  

Ecco parte di quello che ha raccontato ai ragazzi.

"Ero un bambino. Andavo bene a scuola, mi piaceva. E poi, quando mi sento chiamare dal mio insegnente e che mi dice di presentarmi davanti alla cattedra, vado tutto contento. Mi immaginavo e credevo che mi avrebbe interrogato. Ero tutto felice, perché mi ero preparato al compito. Lui mi dice 'Sami Modiano, sei espulso dalla scuola'. Mi mette la mani in testa, mi asciuga le lacrime. 'Vai a casa, papà ti spiegherà'".

E' una colpa essere Ebrei? E' la domanda di Sami Modiano. Da quel momento in poi non ha più potuto andare a scuola. E' stato l'inizio della sua vita.

Poi li hanno mandati nel campo di Birkenau, lui e suo papà. Li hanno numerati, tatuati sul braccio. Uno dopo l'altro. Prima suo padre, poi lui. "E questo papà io avevo ancora la fortuna, il primo mese, di andare a trovarlo nella baracca numero 15. Lui mi aspettava. Dopo una chiacchierata, una carezza, mi diceva di andare a riposarmi.

Era la routine di questo ingranaggio, di questa fabbrica della morte, fino a quando non sarebbe venuto il momento della morte. E dopo un mese, aveva saputo che qualche giorno prima mia sorella Lucia ci aveva lasciato. Mi disse ' Avvicinati'. Mi guardava, mi fissava e non parlava. E io lo guardavo e poi ho detto 'Scusa papà, mi vuoi dire qualche cosa?'

'Sì, domani non venire a trovarmi perché non ci sarò. Domani mi presento all'ambulatorio'."

Andare all'ambulatorio significava non stare bene, andare a farsi 'curare' per sempre.

Non fare più ritorno.

La marcia della morte

"Mi ricordo qualche giorno prima del 27 gennaio: ho dovuto fare la "marcia della morte" come hanno fatto molti. Ero un ragazzo di 14 anni. Ero distrutto, agonizzavo. Però qualcuno ha voluto che rimanessi in vita.

Sono caduto durante la "marcia della morte", ma non ho ricevuto il colpo di grazia. Per quale motivo? Non lo so. Perché l'ordine preciso era di dare il colpo di grazia, perché nessuno doveva testimoniare ai russi. E poi, come ho detto sempre, sono uscito vivo ma sono uscito vivo chiedendomi il perché. E, grazie a Dio, dopo tanti anni, ho capito che dovevo essere un testimone per raccontare quello che è stato. Vi ringrazio di essere venuti, anche voi sarete dei testimoni."

Il video con la testimonianza di Sami Modiano

In occasione del Giorno della memoria, il Senato ha pubblicato sul proprio sito questo video inedito di Sami Modiano dal titolo: 'La lacrima di un sopravvissuto'. 

Sami Modiano, la sua storia

Sami Modiano è nato nel 1930 nell'isola di Rodi, all'epoca provincia italiana. Quando vengono promulgate le leggi razziali fasciste nel 1938 era in terza elementare ed essendo ebreo venne espulso. 

La situazione a Rodi durante la Guerra rimase tranquilla, fino all'armistizio dell'8 settembre 1943. A quel punto i Tedeschi invasero Rodi e prelevarono tutti gli Ebrei presenti. 

Sami Modiano venne mandato al campo di Birkenau. In quel campo perse la sua famiglia. Prima la sorella e poi il padre, che decise volontariamente di consegnarsi dopo aver saputo della perdita della figlia.

Sami tenne duro e scampò diverse volte alla selezione. Fino al 1945. Le truppe sovietiche erano a poca distanza dal campo e i Tedeschi presero i superstiti di Birkenau e li fecero camminare fino ad Auschwitz. Sami Modiano cadde ma venne risollevato da dei compagni sconosciuti che lo mimetizzarono tra i cadaveri. Quando si risvegliò vide una casa in lontananza, la raggiunse e il giorno dopo venne salvato dalle truppe sovietiche.

Il libro di Sami Modiano

Per questo ho vissuto

Come tanti sopravvissuti all'Olocausto, per molti anni Sami Modiano è rimasto in silenzio. In che modo dare voce al dolore di un'adolescenza bruciata, di una famiglia dissolta, di un'intera comunità spazzata via? Con un libro, che si intitola "Per questo ho vissuto. La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili".

Nato nella Rodi degli anni Trenta, un'isola nella quale ebrei, cristiani e musulmani convivono pacificamente da secoli, Sami non conosce la lingua dell'odio e della discriminazione. Ma quando le leggi razziali colpiscono la sua terra, all'improvviso si ritrova bollato come "diverso". E a tredici anni, nell'inferno di Auschwitz-Birkenau, vedrà morire familiari e amici fino a rimanere solo al mondo a lottare per la sopravvivenza. Al miracolo che lo porta fuori dal campo non seguono tempi facili: Sami si ritrova in prima linea con l'esercito sovietico ed è poi costretto a fuggire a piedi attraverso mezza Europa per poi giungere in un'Italia messa in ginocchio dalla guerra. Dopo due anni di lavoretti malsicuri e pessimi alloggi, ma rallegrati dagli amici e dalla scoperta dell'amore, appena diciassettenne Sami sceglie di nuovo di andarsene, questa volta in Congo belga. Qui gli arriderà il successo professionale ma lo attendono nuovi pericoli, allo scoppio della guerra civile. La storia di Sami Modiano è una trama intessuta di addii e partenze alle quali lui ha sempre opposto la determinazione a riappropriarsi delle sue radici.

  • "Vedevi tuo padre lavorare fino a spezzarsi la schiena e capivi che il compito di un uomo era di fare il possibile per mettere il pane sulla tavola della famiglia, che l'unico modo per affrontare la vita era con perseveranza, operosità e rettitudine. Le parole non servivano, o almeno così credeva quella generazione di padri."
    Sami Modiano, Per questo ho vissuto: La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili
  • "Quel giorno ho perso la mia innocenza. Quella mattina mi ero svegliato come un bambino. La notte mi addormentai come un ebreo"
    Sami Modiano
  • "I giovani sono la speranza del domani"
    Sami Modiano

Contenuto sponsorizzato: Nostrofiglio.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Nostrofiglio.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli