Nostrofiglio

San Nicola

San Nicola: origini e tradizioni

Di Niccolò De Rosa
sannicola

06 Dicembre 2018
Il 6 dicembre si festeggia San Nicola. Bari è in festa per il suo patrono, ma anche in altre parti del mondo questo è un giorno di grandi celebrazioni. Scopriamo dove si festeggia e come mai in Italia e nel mondo

Facebook Twitter Google Plus More

Da Nord a Sud, il culto di San Nicola è diffuso in molte parti del mondo, Italia compresa, dove la città di Bari lo venera da secoli come proprio patrono.

 

Ma quali sono le origini di questa tradizione?

 

 

Il santo

Nicola visse tra il III e il IV secolo d.C.

 

Nato a Pàtara di Licia, un distretto romano dell'odierna Turchia, non si sa molto della sua infanzia. Trasferitosi a Myra, venne ordinato sacerdote e successivamente eletto vescovo in seguito alla morte del vescovo metropolita.

 

Sotto Diocleziano subì le persecuzioni condotte contro i cristiani, ma l'editto di Milano di Costantino gli restituì la libertà di professare il proprio Credo.

 

La tradizione lo vuole essere uno dei più tenaci nemici dell'eresia, in particolare dell'Arianesimo, che non concorda con il Cattolicesimo sulla "parità di divinità" tra Padre e Figlio nella Trinità.

 

La vita di Nicola finì il 6 dicembre del 343 (ma non è sicuro), giorno che in seguito venne adottato per le celebrazioni del santo.

 

Il culto

Come spesso accade, l'agiografia della vita del Santo intreccia storicità e mito.

 

All'imponente caratura spirituale e politica (ottenne dall'Imperatore un abbassamento delle tasse in seguito alla carestia) si associano infatti episodi meno provati ma che hanno alimentato una tradizione secolare adottata sia dai cattolici che dagli ortodossi.

 

San Nicola è passato alla storia come un uomo d'immensa bontà, sempre pronto ad aiutare i poveri e sfortunati.

 

Anche per questo uno dei momenti più famosi e ripresi dalla tradizione riguarda l'aiuto miracoloso che offrì a tre sorelle cadute in disgrazie.

 

 

Queste ragazze erano figlie di un nobile decaduto che in seguito ad eventi sfortunati si ritrovò nella più totale indigenza.

San Nicola, per evitare che le tre sorelle finissero sulla strada a prostituirsi, prese una forte somma di denaro, la avvolse in tre fagotti e per tre notte consecutive gettò ciascun fagotto nella casa della famiglia disgraziata.

In questo modo tutte e tre le figle ebbero la dote per potersi sposare.

 

Si racconta poi che in un'occasione analoga, Nicola donò tre mele ad altrettanti bimbi così poveri da non avere di che mangiare. Il mattino dopo quei tre pomi si erano tramutate in preziose mele d'oro.

 

Simili episodi alimentarono la tradizione che dipinge il Santo come amico dei povero e dei bambini, cui spesso e volentieri porta doni.

 

I festeggiamenti in Italia

 

La festa di San Nicola più famosa d'Italia è ovviamente quella di Bari, dove il Santo è venerato come patrono e le sue reliquie riposano nella basilica a lui dedicata.

 

Nel capoluogo pugliese già nella notte tra il 5 e il 6 dicembre iniziano le prime celebrazioni e le prime messe. Poi nel pomeriggio del 6 una lunga processione porta la statua del Santo attraverso la città.

 

Musiche, danze e spettacoli si protraggono fino a sera e anche la "pancia" viene appagata con cioccolate calde e dolci tipici come le "cartellate" immerse nel vin cotto.

 

Ma anche a Nord San Nicola viene celebrato in grande stile: a Lecco i bimbi si svegliano con una bella mela rossa sul cuscino, a ricordare il miracolo dei tre pomi d'ori, mentre a Trieste e in Val Gardena San Nicola (o San Nicolò) porta i regali ai bambini buoni.

 

 

Nel resto del mondo

 

Nel Nord Europa è San Nicola a portare i doni (infatti il nostro Babbo Natale altro non è che una rivisitazione di "marketing" del buon Santo di Myra!). Lo fa in Austria, Olanda, Russia (dove però si festeggia il 19 dicembre) e Germania.

 

In Olanda San Nicola è addirittura il patrono della capitale, Amsterdam, dove per invocare l'arrivo di Sinter Klaas (poi Santa Klaus) bisogna mettersi a cantare tenendo in mano la scarpa dove poi verranno mesi regali e dolcetti.

 

Anche in Svizzera centrale si celebra San Nicola e la tradizione è condivisa con quelle degli altri Paesi "teutonici" (Germania e Austria): San Nicola, o Santa Klaus o Sunner Klaus si aggira di notte vestito di rosso con un grande sacco pieno di regali. Talvolta ad affiancare il mito di Nicola c'è anche Krampus, una specie di demonietto che punisce i bambini cattivi.