Al Festival

Sanremo, apre Antonella Clerici con la figlia Maelle

antonella-clerici-maelle
16 Febbraio 2011
La 61ma edizione de Festival della canzone è stata aperta dalla 'regina dei fornelli' della tv, conduttrice dell'edizione dell'anno scorso. Ad accompagnarla la figlioletta di due anni. Polemiche per la scelta ma non sarà solo orgoglio di mamma?
Facebook Twitter Google Plus More

Passaggio del testimone annunciato da giorni: si sapeva che ad aprire la 61ma edizione del Festival di Sanremo sarebbe stata Antonella Clerici, conduttrice del Festival del 2010 per poi passare a Gianni Morandi. Nessuno però si aspettava che la 'regina dei fornelli' della tv avrebbe portato con se la figlia Maelle, nata due anni fa proprio durante il festival di Sanremo 2009. La bimba - occhioni sgranati - era in braccio alla mamma, seduta a sua volta su uno dei gradini del palcoscenico, ed è apparsa intimorita dal pubblico, mentre la Clerici le raccontava che era nata quando era in corso il Festival condotto da Paolo Bonolis e in quell'occasione ci fu anche un collegamento telefonico con la clinica dove era avvenuto il parto.

Le agenzie riportano lo sconcerto tra i giornalisti per la scelta della Clerici di portare la piccola e anche di parte della platea del teatro Ariston specie quando la conduttrice ha invitato la piccola a salutare tutti con la manina.

Ma non sarà semplicemente l'orgoglio di mamma ad avere spinto la Clerici a presentare la figlia a 'tutto il mondo'? Chi ha seguito le difficoltà della Clerici nella gravidanza post-40 e ha letto il suo libro 'Aspettando te', sottotitolo: 'la mia storia più bella, diventare mamma' propende per questa tesi.

Maelle (il significato del nome sarebbe principessa) è nata dopo anni di tentativi infruttuosi, quando la conduttrice aveva 44 anni, dall'unione con il ballerino Eddy Martens di 10 anni più giovane. La scorsa estate la Clerici ha rilasciato un'intervista a Ok Salute in cui diceva: "Mi permettete di essere franca? Voglio servirmi delle pagine di OK Salute per un appello diretto, forse controcorrente. Donne, non aspettate una vita intera per fare un figlio! Informatevi sui limiti, i rischi e le difficoltà di una gravidanza dopo i 40. E non credete a chi vi rassicura: con un paio di esami e due punturine, oggi si diventa mamme senza fatica. Falso. ..."

Che cosa ne pensi? Entra nel forum e dì la tua