Home Famiglia Costume

Come capire se hai la sindrome di Wonder Woman

di Ines Delio - 02.05.2024 - Scrivici

sindrome-di-wonder-woman
Fonte: Shutterstock
Cos'è la sindrome di Wonder Woman che coinvolge sempre più donne: quali sono i segnali e gli effetti sul benessere di chi ne soffre

In questo articolo

Sindrome di Wonder Woman

Prende il nome dalla famosa supereroina creata nel 1941 da William Moulston Marston, la sindrome che negli ultimi anni ha contagiato molte donne, spingendole ad avere aspettative eccessive nei confronti di se stesse e a impegnarsi al limite delle loro forze per affrontare i vari aspetti della propria vita, sempre alla ricerca del successo e della perfezione. Si tratta della sindrome di Wonder Woman. Scopriamola più da vicino.

Cosa vuol dire avere la sindrome di Wonder Woman

Nel mondo di oggi, caratterizzato da ritmi sempre più frenetici, le donne si destreggiano continuamente tra responsabilità personali, professionali e sociali. Di conseguenza, molte cercano di raggiungere un equilibrio impeccabile tra i vari aspetti della loro vita. Questa continua ricerca della perfezione porta spesso alla cosiddetta "sindrome di Wonder Woman". Il termine si riferisce al fenomeno per cui una donna si spinge a eccellere in tutti gli ambiti della sua vita, ritrovandosi però sovraccarica di lavoro, di impegni e di stress e sperimentando effetti negativi sul proprio benessere generale.

Le caratteristiche di una donna con la sindrome di Wonder Woman

La "wonder-donna" è ambiziosa e perfezionista, per cui la sua missione è quella di eccellere in ogni cosa. Ecco alcune delle caratteristiche che la contraddistinguono:

  • è impeccabile e brillante al lavoro
  • è amorevole, paziente e disponibile verso il proprio partner e i figli
  • ha una casa sempre pulita e ordinata
  • prepara cibi sani e gustosi
  • è amabile e accogliente quando invita amici e parenti a casa
  • mette i bisogni degli altri davanti ai suoi

I segnali della sindrome di Wonder Woman

Sforzandosi di raggiungere la perfezione in tutti gli ambiti della sua vita, chi soffre della sindrome di Wonder Woman finisce per sentirsi sopraffatta e molto stressata. Ecco alcuni dei campanelli di allarme:

  • stanchezza cronica
  • insonnia e altri disturbi del sonno
  • mal di testa o emicranie frequenti
  • ansia e depressione
  • difficoltà di concentrazione e nel prendere decisioni
  • incapacità di rilassarsi e di godere del tempo libero
  • trascuratezza delle proprie esigenze personali

Le donne sono più stressate degli uomini: lo studio

Essere donna oggi significa spesso dover gestire molteplici ruoli e volersi fare carico di tutto e tutti, il più delle volte senza chiedere aiuto o delegare ad altre persone.

Questo è il motivo per cui molte accusano uno stress debilitante. Secondo uno studio dell'American Psychological Association, che ha incluso un campione rappresentativo a livello nazionale di oltre 3.000 adulti, le donne hanno riferito un livello medio di stress più alto rispetto agli uomini (5,3 contro 4,8 su 10) e hanno presentato maggiori probabilità di valutare i propri livelli di stress tra 8 e 10 rispetto agli uomini (27% contro 21%).

Come affrontare la sindrome di Wonder Woman

Inizialmente la "wonder-donna" può sentirsi appagata dall'essere considerata una colonna portante, sia a casa sia sul posto di lavoro. La capacità di portare avanti con successo molte attività contemporaneamente può essere entusiasmante, per un po', andando a compensare il senso di fatica. Tuttavia, quando il carico di lavoro e delle aspettative, non solo altrui ma soprattutto proprie, si fa eccessivo, bisogna guardare in faccia la realtà e accettare l'idea che nessuna persona è dotata di super-poteri. Per prima cosa, quindi, è importante riconoscere che esiste un problema.

Ecco alcuni modi per affrontare la sindrome di Wonder Woman.

  • Stabilite delle priorità. Riconoscete gli aspetti della vita più importanti per voi e concentratevi su di essi. È essenziale rendersi conto che non è possibile raggiungere la perfezione in ogni cosa e che è giusto lasciare andare alcune responsabilità.
  • Stabilite aspettative realistiche. È fondamentale comprendere che è impossibile essere perfette in tutto. Stabilite aspettative e obiettivi realistici per voi stesse e non rimproveratevi se non siete impeccabili.
  • Rinunciate alla perfezione. Concentratevi sui progressi piuttosto che sulla perfezione, accettando che gli errori sono una parte normale della vita.
  • Imparate a dire di no. Non potete soddisfare i desideri o le richieste di tutti. Siate assertive e dite di no quando è necessario: questo vi aiuterà a ridurre il carico di lavoro e i livelli di stress.
  • Delegate i compiti. Non è necessario portare a termine tutti i compiti da sole. Rivolgetevi al vostro sistema di supporto, compresi amici, familiari e colleghi, e delegate loro quello che non riuscite a fare.
  • Praticate l'autocompassione. Ricordate che siete solo esseri umani ed è naturale avere difetti e commettere errori. Siate gentili e comprensive con voi stesse.
  • Date priorità alla cura di voi stesse. Dedicate del tempo alla cura del vostro benessere fisico, mentale ed emotivo. Dedicatevi ad attività che vi portano gioia e relax, come un hobby, passare del tempo con i vostri cari o praticare esercizi di mindfulness.
  • Stabilite dei limiti. Stabilire dei limiti è importante per gestire la sindrome della superdonna. Si può dire di no alle richieste o alle esigenze che non sono in linea con le proprie priorità, porre dei limiti al lavoro o ai social media e proteggere il proprio tempo e la propria energia.
  • Cercate un aiuto professionale. Se trovate difficile liberarvi dalla sindrome di Wonder Woman e dai suoi effetti negativi sulla vostra salute, non esitate a chiedere aiuto a un professionista della salute mentale.

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli