Sondaggio

Assolti i 'genitori' affidatari di Vika-Maria

coniugi-giusto
19 Febbraio 2009
Il fatto risale a oltre due anni fa: per 20 giorni i coniugi Giusti nascosero la bambina che avevano in affido per impedire che tornasse nell'orfanotrofio in Bielorussia, dove - dissero - subiva violenze. Che cosa avresti fatto al loro posto? Dì la tua.
Facebook Twitter Google Plus More

Il fatto non costituisce reato perché gli imputati hanno agito in stato di necessità. Il tribunale di Genova ha assolto i sette imputati del processo relativo alla vicenda di Maria-Vika, la bambina bielorussa affidata ai coniugi Giusto, una coppia di Cogoleto e nascosta per circa un mese per non farla tornare in patria dove, secondo loro, rischiava di subire abusi nell’orfanotrofio di Vileika.

 

Oltre ai due affidatari Alessandro e Chiara Giusto, sono stati assolti il ‘nonno’ Aldo, le ‘nonne’ (Maria Elena Dagnino e Maria Biondi) che nascosero la piccola in un convento in Val d’Aosta, assolti anche il priore del convento Francis Darbellay e il parroco di Cogoleto Danilo Grillo.

 

Le motivazioni dell’assoluzione non sono ancora pubbliche ma la sentenza sembra avvalorare la tesi dei Giusti secondo i quali “Vika subiva violenze nell’orfanotrofio in Bielorussia, dovevamo salvarla, a qualunque costo”. 

 

Il pm Paola Calleri aveva chiesto otto mesi di reclusione. Ora presenterà appello ritenendo – si legge sul Corriere – la sentenza un precedente nel campo minato degli affidi.

 

LA STORIA – Dal 7 al 27 settembre 2006 i Giusto nascosero Vika ai carabinieri e all’Interpol, per protesta le autorità bielorusse bloccavano i viaggi dei bambini di Cernobyl in Italia. Vika, ritrovata, fu rimpatriata su ordine del Tribunale dei minori. La bambina, che ora ha 12 anni, è stata affidata a una famiglia che ha adottato anche il fratello. “Bravissime persone – dicono i Giusto, ma per loro il caso si chiuderà solo quando potranno rivederla. “Vika è una prigioniera politica – ha detto Maria Elena Dagnino – il fratello ha potuto venire in Italia per le vacanze, lei no”.

 

I coniugi Giusto sono stati assolti perché il giudice ha ritenuto che, nascondendo Vika-Maria, abbiano agito in stato di necessità. Che cosa pensi della vicenda?