Home Famiglia

Come fare se i genitori non sono d’accordo su come si educano i figli

di Elena Berti - 23.08.2022 - Scrivici

litigio-genitori
Fonte: Shutterstock
Discordanza metodo educativo genitori: come fare se mamma e papà non vanno d'accordo sul modo di educare i figli e litigano

Discordanza metodo educativo genitori

Prima di avere un bambino si ha una visione romantica di quel che sarà: finalmente la famiglia, il completamento della coppia. Quando però il bebè arriva in casa, le cose si complicano: come superare la discordanza metodo educativo genitori?

In questo articolo

Perché i genitori non sono d’accordo

La discordanza metodo educativo genitori è più comune di quanto si creda, nonostante il più delle volte, soprattutto nei primi tempi per ovvi motivi di congedo obbligatorio, siano le mamme a occuparsi dei bambini. Proprio per questo motivo, spesso si sentono le sole detentrici della verità e le uniche a sapere cosa fare e come farlo. Sebbene non sia proprio così, è pure vero che la realtà parla chiaro: oltre a passare più tempo coi figli, le mamme si informano (anche troppo). Libri, confronti con altre mamme, gruppi, social… I papà invece basano le proprie esperienze solitamente su come sono cresciuti, senza aggiornarsi troppo. Ovviamente si tratta di una generalizzazione, ma questo è spesso il motivo per cui i genitori non si trovano d'accordo.  

Su cosa i genitori non sono d’accordo

Questa discordanza di metodo educativo alcune volte è superabile, altre sembra davvero far entrare in conflitto i genitori. In genere, le probabilità di scontro sono tanto più elevate quanto è "importante" il tema. Quando i bambini sono neonati si tratta per esempio del sonno (farlo dormire nel lettone, avere orari rigidi), quando sono bambini della gestione dei capricci e dei "vizi", via via che crescono mamma e papà si rendono conto che le discordanze possono solo aumentare: che scuola scegliere, quando uscire, quando dare il cellulare, per quanto tempo, chi frequentare… Quando si hanno figli adolescenti, infatti, le discussioni si fanno molto più importanti: è bene arrivarci preparati, e soprattutto d'accordo!

Come essere d’accordo sul metodo educativo

Se non avete ancora figli, è tutto più facile: stilate prima delle regole che vi serviranno come riferimento una volta diventati genitori.

Possono riguardare chi ha più voce in capitolo (per esempio chi passa più tempo col bambino) oppure una lista dei "campi" di cui ciascuno genitore si occupa. Potete anche leggere gli stessi libri e poi discutere insieme su quel che avete letto.

Se invece siete già genitori e vi rendete conto che non siete mai d'accordo, è meglio risolvere la situazione prima che i figli crescano, perché poi il disaccordo può creare conflitti molto forti all'interno della famiglia. Ecco alcuni consigli: 

  • evitate di discutere davanti ai figli, se non siete d'accordo parlatene dopo, in privato, e arrivate a una soluzione
  • non contraddite l'altro genitore davanti ai figli: potrebbe sembrarvi una mossa intelligente, ma potrebbe ritorcervisi contro
  • non siate fermi sui vostri principi, ma ascoltate le ragioni dell'altro
  • se proprio non siete d'accordo, fatevi aiutare da una terza persona (uno specialista)

Un consiglio per le mamme: se è vero che passate più tempo coi bambini e quindi "li conoscete meglio", è anche vero che se non lasciate che i padri intervengano e facciano a modo loro la situazione non cambierà mai. Lasciate che abbiano voce in capitolo e, se pensate che siano nel torto, spiegate loro perché in maniera chiara e pratica.  

Ricordatevi inoltre che non esiste un solo metodo educativo giusto: i genitori sono sottoposti a pressioni continue che impediscono di vivere con serenità l'educazione dei figli. Per questo bisogna vedere la coppia come una squadra e non come due elementi in competizione: la cosa più saggia è parlare prima dei grandi temi (il cellulare, le uscite, ecc) per non farsi trovare impreparati e non litigare. Il miglior modo per educare i figli, infatti, è far vedere che si è d'accordo su un punto che si vuole mantenere fermo.

 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli