Home Famiglia

Camminare: quanti passi bisogna fare

di Sara De Giorgi - 04.05.2022 - Scrivici

camminare
Fonte: shutterstock
Quanto camminare e a che ritmo per trarne il massimo beneficio? Secondo uno studio il segreto della camminata veloce è fare 100 passi al minuto

Che camminare faccia bene alla salute si sa. Ma quanti passi bisogna fare e... quanto velocemente per trarne il massimo giovamento?

Secondo uno studio condotto dall'Università del Massachusetts, negli Stati Uniti, una risposta ragionevole sarebbe circa 100 passi al minuto

LEGGI ANCHE: 10 buoni motivi per andare a correre

Le attuali linee guida sull'esercizio fisico indicano che dovremmo camminare sempre "a ritmo sostenuto" invece che passeggiare tranquillamente. Ma le raccomandazioni non definiscono esattamente cosa significa camminare "a passo sostenuto" e, quando lo fanno, magari impiegano terminologie o tecnicismi scoraggianti.

Per esempio, cosa significa l'affermazione secondo cui camminare "a ritmo sostenuto" aumenta la frequenza cardiaca fino al 70% del massimo cui può giungere? Si tratta di una misura che pochi comprendono.

Alcuni studiosi definiscono la "camminata veloce" (e altre attività di intensità moderata) come "passi realizzati a un ritmo durante il quale le persone possono parlare, ma non cantare".

PUO' INTERESSARE: Corsa, i consigli prima di iniziare

Secondo quanto riporta il New York Times, questa definizione è sembrata poco pratica alla professoressa Catrine Tudor-Locke, docente di kinesiologia all'Università del Massachusetts ad Amherst, negli Stati Uniti, che ha studiato a lungo quanti e quali esercizi fisici sono necessari o sufficienti per mantenersi in salute.

In un articolo pubblicato su un numero speciale del British Journal of Sports Medicine dedicato al tema della camminata, Tudor-Locke e il suo team hanno deciso di capire se era possibile trovare una definizione più utile di camminata veloce. Arrivando alla conslusione che

  • 100 passi/minuto rappresenta un valore minimo ragionevole.

I ricercatori hanno trovato 38 studi che includevano centinaia di uomini e donne dai 18 anni in poi. Dai dati raccolti è emerso che la "camminata svelta" media era caratterizzata da un ritmo di circa 2,7 miglia all'ora (4,3 km/h).

In altre parole, camminare velocemente richiederebbe, per un adulto sano, circa 100 passi al minuto: questa sarebbe la misura che aiuta a mantenere il benessere fisico. 

E questa andatura, secondo la professoressa Catrine Tudor-Locke, è mediamente il ritmo di chi fa una camminata con l'intenzione di fare esercizio fisico e non semplicemente una piacevole passeggiata.

  • Il conteggio dei passi oggi è ampiamente accettato come approccio per valutare l'attività fisica e la tecnologia (smartphone e altri dispositivi indossabili) ci è di aiuto per tracciare la cadenza della nostra camminata.

Ma la professoressa Catrine Tudor-Locke sottolinea che "questo numero di passi al minuto è molto facile da misurare e ognuno di noi può farlo in qualsiasi momento. Non si ha bisogno di attrezzature o di competenze speciali. Bisogna solo contare quanti passi si fanno in 10 secondi e moltiplicare quel numero per sei. Oppure, contare quanti passi si fanno in sei secondi e moltiplicarli per 10. O ancora, contare quanti passi si compiono in un singolo minuto e saltare del tutto la moltiplicazione. Infine, la buona notizia è che questo ritmo non è faticoso per la maggior parte delle persone in buona salute".

In ogni caso, che siano 100 o no i passi al minuto, il messaggio chiave è che muoversi fa bene alla salute e camminare è un modo per farlo, praticamente ovunque. E ognuno secondo il proprio livello di allenamento.

Sempre secondo Catrine Tudor-Locke, 7-8 mila passi al giorno è una soglia ragionevole di attività fisica: un obiettivo per gli adulti sani.

Ma più che puntare a una soglia di passi da raggiungere a tutti i costi, il consiglio dell'esperta è camminare, secondo le proprie possibilità, fino a farsi venire un po' di fiatone e a far aumentare un po' la frequenza cardiaca.

  • In definitva, un po' di attività fisica è meglio di niente!

POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

 

Aggiornato il 31.08.2018

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli