Film

"Figlia mia", nei cinema italiani il film che indaga che cosa significa essere madri

Di Sara De Giorgi
figliamia
27 Febbraio 2018
Dal 22 febbraio nei cinema italiani è possibile assistere alla proiezione del film "Figlia mia", emozionante lungometraggio sul tema della maternità. Il film è ambientato in una Sardegna soleggiata, nella quale due madri si contendono la tutela e l'affetto di una bimba di 10 anni.
Facebook Twitter Google Plus More

Dal 22 febbraio nelle sale cinematografiche italiane è proiettato il film "Figlia mia". La regia è di Laura Bispuri e il lungometraggio è in concorso al Festival di Berlino.

 

Il film è ambientato in una Sardegna desolata e soleggiata, nella quale due madri si contendono la tutela e l'affetto di una bimba di 10 anni. Angelica, interpretata da Alba Rohrwacher, è la madre naturale, ma è spesso ubriaca e cerca affetto tra le braccia di uomini che sono solo interessati al sesso. Invece Tina, che è Valeria Golino, è la donna affidabile che ha allevato la bambina. 

 

Vittoria, il cui ruolo è affidato alla piccola attrice Sara Casu, ha 10 anni e ha una stretta relazione con sua madre Tina, che l'ha cresciuta. In una casa fatiscente fuori dal paese vive Angelica, la madre naturale di Vittoria, che viene sfrattata. 

 

LEGGI ANCHE: Genitori e figli, 10 consigli per educare i bambini con rispetto e amore

 

Dopo lo sfratto Tina spera di liberarsi in modo definitivo della presenza di Angelica, perché esiste il rischio che riveli la propria maternità alla bambina. Ma Vittoria e Angelica iniziano ad avvicinarsi.

 

Alba Rohrwacher ha spiegato che "Il film è la storia di 2 madri inadeguate, anche se in modo differente. Angelica ha abbandonato sua figlia Vittoria e le si riavvicina solo per convenienza, Tina ha cresciuto la piccola nella menzogna, nascondendole le sue vere origini".

 

Le due madri sono paragonate dalla Rohrwacher a "due creature zoppe, che quando finalmente si incontrano, imparano a camminare".

 

Il film indaga tematiche connesse alla maternità, che ancora oggi, in tutte le società e con diverse modalità, è un bellissimo mistero. 

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: