Nostrofiglio

Lavoretto

Lavoretto dai 4 anni: un cavaliere burattino per allenare la motricità fine

burattino-ok

18 Febbraio 2015 | Aggiornato il 15 Maggio 2018
La costruzione di un allegro burattino con materiali di recupero, facilmente reperibili, offre al bimbo la possibilità di affinare il controllo mani-dita attraverso azioni 'precise'

Facebook Twitter Google Plus More

Scopo dell'attività:  Allenare la motricità fine, la precisione, la concentrazione e dare via libera alla creatività

 

Età indicativa consigliata: 4-5 anni


 Occorrente/cosa serve: Vecchie calze di cotone, cotone idrofilo, un bastoncino di legno, lana, bottoncini, ritagli di stoffa di diverso tipo e colori (panno lenci, cotone, pizzo), nastri colorati, colla vinavil, ago grosso e filo, pennello piccolo e un tubetto di tempera ad acqua rossa 


Come proporre l'attività/procedimento

Le storie di cavalieri senza paura, pronti a sconfiggere streghe e draghi, esercitano un grande fascino su quasi ogni bambino. Ecco, dunque, lo spunto di partenza per proporre al bimbo di costruire un burattino che si potrà, poi, trasformare anche nel protagonista di mille avventure.

 

Il lavoro è un'ottima palestra per allenare la manualità fine e la concentrazione perché richiede impegno e pazienza, soprattutto per i dettagli. Per alcune operazioni, infatti, potrebbe essere necessario un piccolo aiuto da parte dell'adulto.  
 
Per prima cosa, è necessario fare una bella palla con il cotone idrofilo e poi infilarla - modellandola e schiacciandola bene - nella parte finale del calzino. Poi, con il dito, il bimbo deve creare un buco al centro della palla e incastrare il bastoncino di legno, coperto dalla lunghezza della calza, che servirà per tenere in mano il burattino.

 

Una volta terminata questa operazione, basta legare un nastro colorato sotto la palla, ovvero la testa, per ottenere il 'corpo' del burattino. Da questo momento, è anche possibile - se risulta comodo per il bimbo - lavorare con una mano infilata nel calzino afferrando il bastoncino. (Leggi anche: giochi per migliorare la motricità)

 

Per preparare l'abito-mantello del cavaliere, invitate il bimbo a scegliere tra le stoffe (meglio in panno che non sfilaccia) e a tagliare due rettangoli seguendo i bordi tracciati prima con un gessetto. 

 

A questo punto, è il momento della parte più 'difficile', usare ago e filo: un'attività molto efficace (comune anche nella scuola dell'infanzia) per esercitare precisione e coordinazione mano-occhi. 


Con un ago abbastanza grosso (ci sono anche di plastica per non pungersi!), mostrate al bimbo come cucire il rettangolo di stoffa vicino alla testa: provare a farlo da solo, dà grande soddisfazione. E' sufficiente dare 3 o 4 punti su ogni 'lato spalla' per fissare i due pezzi dell'abito, uno davanti e uno dietro.  

 

Ora, non resta che aggiungere qualche decorazione al vestito, per esempio, una croce fatta con due pezzi di nastro rosso incollati (la colla vinavilica attacca bene sul panno). E' sufficiente, poi, annodare intorno alla testa una striscia di tessuto bianco o pizzo per un elegante effetto colletto-sciarpa. 

 

L'ultimo passaggio è dedicarsi alla testa e alla faccia del cavaliere. Per fare i capelli, un buon sistema è quello di arrotolare un po' di lana intorno a un rotolo di carta igienica creando una matassina. Occorre, poi, passare un filo di lana - tra quella arrotolata e il cilindro - e legarlo non troppo stretto. E, infine, basta tagliare la lana dalla parte opposta del cilindro per ottenere un bel mazzetto di capelli, più o meno uguali, sui due lati.


In alternativa è anche possibile 'prestare le vostre mani' al bimbo e dirgli di arrotolare la lana intorno, seguendo poi lo stesso procedimento descritto sopra.

 

Con un po' di colla, è comodo attaccare i capelli, a partire dalla parte più stretta legata con il filo di lana - la riga! - allargando poi le matasse ai lati. Se la lunghezza non andasse bene, basta u nattimo per accorciarli al volo.

 

Una volta asciugata la colla dei capelli, il bambino può attaccare i bottoni per gli occhi e, se desidera, fare al centro un puntino con un pennarello colorato indelebile per l'iride. 

Infine, con un pennello piuttosto sottile e un po' di tempera rossa poco diluita può dipingere la bocca. Attenzione, però, la calza di cotone tende ad assorbire il colore, quindi potrebbe essere necessario ripassarla più volte. 

 

Dopo questo lungo lavoro - meglio farlo in due sessioni così da lasciar asciugare anche la colla - il burattino cavaliere è l'alleato ideale per inventare tante storie emozionanti...