Nostrofiglio

Festa della donna

8 marzo: qual è la vera origine della Festa delle Donne?

Di Niccolò De Rosa
mimosa-nf

02 Marzo 2017 | Aggiornato il 05 Marzo 2018
Festeggiata per la prima volta in America, la Festa della Donna è ora celebrata in quasi tutto il mondo, ma la vera nascita di tale manifestazione non è ancora molto conosciuta. ecco la vera storia della Giornata internazionale della Donna

Facebook Twitter Google Plus More

La prima Giornata Internazionale della Donna si è festeggiata negli Stati Uniti nel 1909 e negli anni successivi, benché in giorni differenti, sempre più Paesi hanno aderito a questa iniziativa che celebra la donna e tutte le sue peculiarità. In Italia la prima Festa della Donna si è tenuta nel 1922.

 

Le vere origini questa giornata però non sono molo conosciute, soprattutto perché, come spesso accade, ideologie e lotte politiche hanno più volte intorbidito le acque della memoria storica.

 

UNA FESTA DI DIRITTI E RICONOSCIMENTI CIVILI

Il primo Woman's day fu un'iniziativa a chiaro stampo socialista che nacque nel contesto storico della lotta per l'ottenimento del suffragio universale e di maggiori diritti per le donne.

Durante la II Internazionale socialista infatti, i membri del Congresso spinsero per l'organizzazione globale di manifestazioni ed eventi che promuovessero la causa delle cosiddette "suffragette", le donne impegnate per la lotta all'estensione del voto femminile.

L'invito fu raccolto dal partito socialista americano che il 23 febbraio 1909 festeggiò la prima giornata ufficiale dedicata alla Donna.

 

L'anno successivo il tema venne ripreso nel corso della Conferenza internazionale delle donne socialiste tenutasi a Copenaghen e Clara Zetkin, Segretaria del Congresso, ratificò l'istituzione della Giornata Internazionale della Donna in tutti i paesi europei partecipanti.

Negli States la festa rimase l'ultima domenica di febbraio, mentre in Austria, Danimarca, Germania e Svizzera il giorno prescelto fu il 19 marzo (la prima volta si celebrò nel 1911).

Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale però interruppe la cadenza annuale delle celebrazioni.

Clara Zetkin (1857-1933), socialista e voce per i diritti delle donne

L'idea di un giorno votato alla forza femminile però non fu accantonata e nel 1921 la Seconda Conferenza delle donne comuniste istituì per l'otto marzo la giornata internazionale della donna (intesa come lavoratrice e parte attiva della società).

La data scelta voleva ricordare una manifestazione femminile anti-zarista che era stata repressa a S.Pietroburgo nel 1917, innescando la scintilla che portò poi alla Rivoluzione Russa.

 

In Italia la prima Giornata Internazionale della Donna si tenne nel 1922 su iniziativa del partito comunista italiano.

 

EQUIVOCI E FALSI STORICI

Naturalmente la matrice "rossa" della manifestazione, complice anche l'evoluzione post Seconda Guerra Mondiale del conflitto tra il mondo occidentale e l'Unione Sovietica, fece in modo che le vere origini della festa andassero dimenticate, sostituite da motivazioni meno politiche e di forte impatto simbolico.

 

La versione più conosciuta (ma altrettanto falsa) vorrebbe far risalire la giornata dell'otto marzo al ricordo del rogo di una non specificata fabbrica americana in cui perirono oltre un centinaio di lavoratrici che erano state chiuse dentro lo stabile per evitare uno sciopero. Benché l'episodio detenga una certa carica emotiva e simbolica, non è comunque la vera causa dietro l'origine della Festa delle Donne.

 

Partecipa anche al sondaggio: giornata delle donne, stesse opportunità di lavoro? Dì la tua


FONTE: Tilde Capomazza, Marisa Ombra, 8 marzo. Una storia lunga un secolo, Pavona di Albano Laziale, Iacobelli, 2009

Telegraph