Famiglie numerose

La famiglia Nembrini: in nove sotto a un tetto

Di Luisa Perego
famiglianembrini.600
2 luglio 2018 | Aggiornato il 3 luglio 2018
Due genitori per sette figli. Sono la famiglia Nembrini, di Loppiano, in Toscana. Una famiglia numerosa nella quale tutti si danno una mano e si vive con un solo stipendio

In nove sotto a un tetto. Sette figli per due genitori. Un posto in cui regnano armonia e collaborazione. E nel quale tutti si vogliono bene.

 

Non stiamo parlando di una nuova sitcom, ma della simpatica famiglia extra large composta da papà Gabriele, mamma Eliany, Giulio (25), Sofia (23), Angela (21), Maria (16), Giacomo (10), Renata (7) e Anna (5).

 

Sono i Nembrini. E mentre papà Gabriele è un libero professionista per un’azienda che produce macchinari per la falegnameria, mamma Eliany, di origine brasiliane, si occupa della ciurma al completo.

 

"Io e il mio marito ci siamo conosciuti a Loppiano, cittadella del Movimento dei Focolari di cui facciamo parte" ci spiega Eliany. "Lui lì ci abitava, io mi sono trasferita dal Brasile per partecipare a una delle scuole internazionali di Loppiano".

 

Eliany e Gabriele non si sarebbero mai sognati di avere una "banda" così numerosa. Eppure....

 

"Gabriele è rimasto vedovo alla nascita del quinto figlio. Prima di sposarsi con Chiara non aveva fatto calcoli sul numero dei figli, in quel momento pensava fosse l’ultimo... io invece desideravo una famiglia grande, ma non avrei mai immaginato una storia così!".

 

Come organizzarsi nella quotidianità? "Come tutte le famiglie, che si organizzano con gli orari scolastici e gli impegni di lavoro. Noi siamo tanti e ci aiutiamo. I bambini imparano ad aiutare quando 'facciamo insieme', quando vedono l’esempio di chi lo fa con amore e dedizione, quando capiscono che 'è bello darsi una mano'. Ci vuole un po’ di pazienza da parte dell’adulto che accoglie e valorizza l’aiuto del più piccolo" spiega Eliany.

 

Il messaggio che mamma Eliany vuole passare a tutte le mamme e i papà è: "Volersi bene! Indipendentemente di quanti siamo... prima di tutto dando l’esempio volendosi bene tra papà e mamma: i figli 'si nutrono' di questa relazione d’amore. Abbiamo accolto ogni figlio come un dono, e come tale va amato, curato e educato, per il suo bene, nel rispetto della sua libertà come persona e della mia responsabilità come genitore. E soprattutto essere coscienti che non siamo genitori perfetti, che possiamo sbagliare, chiedere scusa e ricominciare!"