tempo libero

1000 attività da fare in casa con i bambini

Di Sara Sirtori
attivita-bambini
9 marzo 2020 | Aggiornato il 12 maggio 2020
Come tenere impegnati i bambini chiusi in casa in queste giornate? Vi proponiamo tante idee per passare il tempo con i bambini: dalle attività online ai giochi e lavoretti da fare in casa.

 

Attività da fare in casa con i bambini

 

Ascolta su Spreaker.

 

1. Giochi da fare online

 

Lezioni online e lavoretti


Per i ragazzi più grandi, le scuole hanno attivato programmi di didattica a distanza: i giovani riescono a impegnare parte delle loro giornate svolgendo compiti a casa, e portandosi avanti con i programmi didattici in autonomia. In alcuni casi è anche possibile fare lezioni online con i professori. Il resto del tempo lo passano giocando ai videogames.

Cosa fanno i più piccoli? Come possiamo tenere impegnati i bambini con attività che riprendano quelle svolte alla scuola dell'infanzia o a quella primaria?
Molte maestre delle scuole primarie, mandano ai bambini video e lezioni online, spesso utilizzando i social. Nella scuola d'infanzia si moltiplicano progetti educativi di comunicazione e anche di intrattenimento.

Oltre ai compiti e alle attività online, possiamo proporre ai bambini di realizzare dei semplici lavoretti. Possiamo prendere un foglio bianco su cui realizzare un quadretto-collage, incollando frasi, immagini ritagliate dalle riviste oppure figure stampate da Internet. Oppure, in tema viaggi, possiamo creare una mappa dei posti che vorremmo visitare, incollando le più belle foto di questi luoghi. 

 

2. Giochi e attività da fare in casa

 

Giochi da fare in casa suddivisi per fascia d'età

  • Giochi per bambini 0-3 anni
    Potete proporre ai bambini in questa fascia d'età dei giochi utili per lo sviluppo psico-motorio come ad esempio il "rotolone aquilone": procuratevi tanti rotoli di carta colorati e fateli srotolare ai bambini a ritmo di musica, inventando le figure che preferiscono. 
    Un'altra attività che va bene sia per grandi che per piccini è la caccia al tesoro casalinga. Potete adattarla in base all'età di vostro figlio.
    Per i piccolissimi, c'è poi il gioco dello specchio. Un'idea semplice e divertente è appoggiare uno specchio davanti al bebè (magari sistemandolo vicino a una parete per sicurezza), mentre lui è a pancia in giù, sul lettone o su un morbido tappeto. Giocate con la sua immagine e la vostra per qualche secondo. (Leggi gli altri giochi e attività per stimolare il bebè 0-12 mesi)
  • Giochi per bambini 2-3 anni
    Preparate mini palline di carta leggera, o procuratevi palline da ping pong: date ai bambini una cannuccia larga e stabilite una riga di partenza e una di arrivo. Ogni giocatore dovrà soffiare la sua pallina fino al traguardo.
  • Giochi per bambini 3-5 anni
    Il gioco dei mimi è sempre molto divertente: potete spaziare da un animale, a un proverbio più complesso da indovinare. Oppure create dei mini canestri dentro casa con piccole scatole e palline o sassolini.
Ascolta su Spreaker.

 

3. Lavoretti da fare in casa

 

Lavoretti a tema primavera

  • Fiori di carta
    Da cartoncini colorati ritagliate delle striscioline (o dei cerchietti), piegatele e incollatele a un cartoncino rotondo in modo da formare una corolla. Poi sul retro, con del nastro adesivo, fissate una cannuccia o su un cartoncino verde

  • Biglietto floreale di bottoni
    Prendete diversi bottoni di diversi colori e incollateli a un cartoncino colorato. Utilizzate un nastro di tessuto per fare il gambo.


  • Arcobaleno di primavera
    Procurateci dei bastoncini dei ghiaccioli. Dipingeteli con i colori dell'arcobaleno e poi incollateli in sequenza con la colla vinilica.

    Ecco gli altri lavoretti da fare con i bambini sulla Privamera

Lavoretti da fare quando fuori piove

  • Scatola a collage

Ritagliate insieme ai bambini dei fogli di giornale. Il bambino sceglierà su quali dettagli concentrarsi: animali, colori, prati verdi, cieli azzurri. Dopo aver effettuato questa operazione, aiutatelo a personalizzare la sua scatola dei giochi. Incollate sopra di essa tutti i ritagli, fino a ricoprirla, aiutandovi con della colla vinilica. Una volta fatta asciugare la colla, il bambino avrà realizzato un bellissimo collage.

  • Sonagli delle meraviglie

Utilizzate dei piccoli barattolini di plastica facilmente richiudibili e inserite al loro interno dei chicchi di riso, della frutta secca, del sale o dei piccoli sonagli. Il bambino dovrà indovinare cosa c'è dentro, interpretando i singoli suoni.

Ecco gli altri giochi da fare quando fuori piove

 

4. Attività Montessori da fare in casa

 

Creatività, materiali di recupero e tanta voglia di creare dei giochi intelligenti e stimolanti per i vostri piccini, ispirati al metodo creato dalla celebre dottoressa e pedagogista Maria Montessori (dalla quale il metodo prende appunto il nome). 

Ecco alcune proposte di attività Montessori da fare in casa tra lequali potreste scegliere, adatte a bimbi dai tre anni in su.

  • il gioco del silenzio
  • le carte tematiche
  • il cartone per imbucare

 

Il gioco del silenzio

Maria Montessori racconta che, giocando al silenzio in classe, i bambini scoprirono il rumore della pioggia e ne furono profondamente felici. Toglietevi dalla testa le attività punitivo-intimidatorie che vi facevano fare da piccoli: qui si tratta di far stendere i bambini in terra su di un tappetino ed insegnare loro a stare in silenzio per un po'di tempo. Finito il timing (si può iniziare anche solo con 5 minuti) invitateli a raccontare tutti i suoni della casa che hanno percepito.

Le carte tematiche

Per i bimbi che muovono i primi passi nel campo della lettura e della scrittura, un utilissimo passatempo è quello delle carte tematiche. Preparate tante carta con da una parte l'immagine di un animale e dall'altra il nome. Ritagliatele e separatele e poi fate ricongiungere i due elementi dal bimbo.

Potete anche incollare delle foto di animali prese da giornali e riviste e incollarle su un cartoncino.

Il cartone per imbucare

Prendete

  • una scatola da scarpe,
  • una pallina,
  • forbici o taglierino,
  • colla o scotch.

Rimuovete dalla scatola uno dei lati corti, e tagliate il fondo fino a ridurre la scatola della metà. Ripiegate il fondo e tagliare le parti laterali di troppo. Passate poi alla parte centrale: tagliate in modo che la pallina possa passare attraverso la fenditura che ricaverete. Fissate il tutto con del nastro adesivo. Tracciate poi il contorno della pallina sulla scatola. Tagliate lungo la sagoma precedentemente tracciata e rimuovete il disco di cartone. Infilate la scatola nel coperchio e fissatela con del nastro adesivo.

 

5. Giochi intelligenti ed educativi da fare in casa

 

Torri, incastri, travasi, oggetti che compaiono e scompaiono, puzzle e memory con le foto di famiglia: basta davvero poco per divertire il vostro bambino, stimolando la sua voglia di sperimentare e la fantasia.Ecco una selezione divisa per fascia d'età di giochi intelligenti e creativi per bimbi da 0 a 3 anni.

  • 12-14 mesi: un classico gioco dal un grande valore educativo. Selezionate un buon numero di oggetti noti al piccolo (cucchiaino, biberon, palla, librino, pupazzo) e metteteli in un cestino. Poi, uno alla volta, mostrate un oggetto al bimbo – invitatelo a dire di cosa si tratta - e nascondetelo. La palla c'è e poi... non c'è, l'oggetto scompare e poi riappare. Questo gioca insegna al bimbo che giochi appaiono e scompaiono... e ritornano! Come la mamma.
  • 24-36 mesi: voglia di puzzle? Ce ne sono tanti adatti ai bimbi di tutte le età, in versione cartonata e resistente, perfino in carta riciclata. A cosa servono? A molto.... riconoscimento visivo, motricità fine. Stimolano abilità cognitive e motorie.
Ascolta su Spreaker.

 

6. Leggere

 

La lettura ad alta voce e non solo è importantissima per i bambini. Ecco perché abbiamo raccolto alcune idee per farla apprezzare ancora di più ai vostri bimbi.

Come inventare una storia insieme al vostro bambino

Basta solo un po' di creatività e un bambino con la voglia di volare con la fantasia. 

Gli aspetti principali per iniziare sono:

  • pensare al tema (come amicizia, avventura, giochi e sogni)
  • pensare ai personaggi (sarà un racconto personale? Con voi protagonisti? O tutto di fantasia?)
  • pensare alla trama e andare avanti nel racconto alternandovi
  • la fine? Lasciatela un po' avvincente. Così il giorno dopo si può andare avanti con un altro pezzo di racconto

 

Come fare amare la lettura ai bambini

Come motivare un bambino alla lettura?

  1. Far vedere il libro come un giocattolo: da toccare, con cui giocare e da avere sempre vicino. 
  2. Non costringendo il bambino.
  3. Chiedere consigli e visitare le biblioteche può essere molto utile per trovare il libro giusto. Se non potete uscire di casa, consultate la vostra libreria!
  4. Lasciate che i bambini scelgano da soli i libri. 
  5. Infine... gli adulti devono dare l'esempio e leggere.

Come inventare favole

Le favole hanno dei punti fermi:

  • si parte da uno stato di benessere;
  • poi succede qualcosa che porta una difficoltà nella vita del protagonista, che per superarla deve affrontare un viaggio, concreto o metaforico, un cambiamento, durante il quale incontra qualcuno che gli dà una mano attraverso consigli o strumenti magici, permettendogli di superare la difficoltà;
  • sconfitto il nemico, superata la difficoltà, il protagonista approda a una nuova situazione di benessere.

Poi basta aggiungere un pizzico di creatività e fantasia.

Basta creare un parallelo tra la situazione concreta e una situazione fantastica.

Per esempio se il bambino se il bambino ha paura di un altro bimbo un po' bulletto, il bambino potrebbe essere una tartaruga e il bullo un leoncino. La favola va poi arricchita di ulteriori elementi, non presenti nella realtà, per non rendere il parallelo troppo esplicito. Attenzione al finale che deve essere positivo ma non in contrasto con la realtà. Se la nonna è morta non può tornare in vita nella favola. Alla fine semplicemente, il protagonista sarà in grado di superare la difficoltà e ritrovare un nuovo equilibrio.

Ascolta il podcast con la fiaba "Mamma Nastrino" tratta dal libro edito da Piemme, "Mamma Nastrino, Papà Luna", scritto da Emanuela Nava.

Ascolta su Spreaker.

Leggere filastrocche

Il tuo bambino si divertirà un mondo con le filastrocche e i giochi. Non sono soltanto divertenti, stimolano anche il linguaggio e aiutano a prendere coscienza del proprio corpo.

Filastrocca corta

 

Filastrocca corta corta

hai trovato chiusa la porta,

per mangiare la minestra

sei entrata dalla finestra,

ma minestra non ce n'era più

e a digiuno sei rimasto tu!

 

Batti batti le manine

 

Batti batti le manine,
fai volar le farfalline,
gira gira il mulinello,
questo bimbo è molto bello!

 

Ambarabà Ciccì Coccò

 

Ambarabà Ciccì Coccò
tre civette sul comò
che facevano l'amore
con la figlia del dottore.

Il dottore si ammalò
Ambarabà Ciccì Coccò!

 

Stella stellina

 

Stella stellina, 
la notte si avvicina, 
la fiamma traballa, 
la mucca è nella stalla, 
la mucca e il vitello, 
la pecora e l'agnello, 
la chioccia con i pulcini, 
la mamma coi bambini: 
ognuno ha la sua mamma 
e tutti fan la nanna.

 

Le attività semplici consigliate dai pediatri

 

Sono attività pensate dai pediatri SIPPS per bimbi con meno di sei anni. Ma che vanno bene anche per i più grandicelli.

Eccole:

  1. Giochiamo a scoprire come farci aiutare dai bambini nelle situazioni quotidiane?
  2. Giochiamo ad insegnare ai bambini a vestirsi?
  3. Giochiamo a condividere le attività di cucina?
  4. Giochiamo ad infilare, ad usare mollette, a raggruppare oggetti?
  5. Giochiamo a fare nodi, nastri, fiocchi?
  6. Giochiamo con la palla, palline di carta, con la corda?
  7. Leggiamo loro storie drammatizzandole e costruendole?
  8. Utilizziamo scatole di cartone di diverse dimensioni?
  9. Aiutiamoli a danzare, ballare ascoltando musica con noi?
  10. Aiutiamoli a cantare, singolarmente e con noi?

 

8 - Attività fisica da fare in casa (anche con YouTube)

 

Perché il movimento per i bambini è così importante?

Per:

  • la maturazione cerebrale
  •  le caratteristiche biomeccaniche del corpo e il suo cambiamento nel tempo
  • le influenze ambientali 

Vi proponiamo quindi canzoncine per cantare e ballare, lavoretti da fare insieme, yoga, imparare l'inglese divertendosi...

Abbiamo selezionato i canali YouTube adatti ai bambini per farli muovere un po', anche se a casa.

  1. Nostrofiglio-Pianetamamma

  2. Fuori di Fitness Kids 

  3. Cosmic Kids Yoga 

  4. Jack Hartmann Kids Music Channel 

  5. The Kiboomers 

 

 

9 - Come allenare la motricità fine

 

Se il bambino inciampa spesso ed è un po' pasticcione, si può allenare insieme la motricità fine. Come? Con queste semplici attività da fare insieme: per esempio potete

  • infilare insieme una collana (per migliorare il controllo e la coordinazione delle mani, delle dita e degli occhi)
  • disegnare un quadro con le dita.

Altro gioco retrò che piace sempre:

  • giocare alle ombre cinesi
  • o a sasso, carta, forbice.

 

10 - Come insegnare l'alfabeto

 

Se il bambino ha voglia ed è interessato si può iniziare già da 4 anni a insegnare, grazie ad attività semplici, l'alfabeto.

Ricordandosi che l'attività non può limitarsi all'insegnamento della fonetica, ma dovrebbe essere molto manuale, ovvero passare attraverso l'oggetto.

Ecco cosa si può fare:

  1. costruire le lettere
  2. giocare tutti gli oggetti che iniziano per...
  3. contare le scale quando si fanno
  4. imparare a tenere la penna
  5. ricopiare

Per saperne di più: come insegnare l'alfabeto ai bambini

 

11 - Come insegnare la matematica

 

Come farsi entrare nella testa qualcosa che esiste nella mente o su un foglio di carta? E che spesso ci fanno imparare a memoria? Rendendo la matematica da astratta a concreta. Ci viene in aiuto in questo il metodo Montessori.

  1. rendiamo visibili i numeri, qualcosa di concreto, da vedere, toccare, spostare;
  2. facciamo scoprire concetti propedeutici al numero, come la lunghezza. Prendete delle aste di misure differenti, ognuna in scala con quella precedente;
  3. sempre grazie alle aste, si impara a contare imparando il concetto di unità. Le aste fanno vedere al bambino che ogni numero è composto da unità. Un bastoncino è formato da tante unità. Si possono contare: si arriva fino alla fine dell'asta e si associa a quel numero di unità il conteggio finale.

 

12 - Come fare amare la pittura

 

Allenamento per la motricità fine e per la coordinazione mano-occhio. Ma non solo. Dipingere è creatività, movimento, divertimento. E una palestra per imparare a scrivere.

Per questo è importante lasciare giocare e sperimentare il bambino il più possibile, usando diverse tecniche e materiali. Ecco alcuni esempi di lavoretti da realizzare insieme.

 

13. Cuciniamo insieme ai bambini

 

Cucinare è un ottimo modo per trascorre delle ore insieme ai propri bambini

 

Cuciniamo con i bambini: per loro è un'attività divertente e inoltre si tramandano ricette tradizionali: ecco quali si prestano per essere preparate insieme ai bambini.

Vi consigliamo ricette in cui ci si aiuta e ci sono più passaggi: ad esempio i bignè, le lasagne, le polpette, la torta di mele o lo strudel, le crostatine o il tiramisù.

Potete scrivere insieme ai bambini un ricettario di famiglia: prendete un quaderno e annotate le ricette, inserite le foto delle vostre creazioni come un album fotografico.

 

Ricetta del Millefoglie:

 

E' una ricetta è semplice da eseguire e garantisce tanto divertimento (inoltre la cucina si sporca poco). 

 

Ingredienti

  • 2 bustine di preparato per crema istantanea
  • latte fresco intero (nel dosaggio indicato sulla confezione della crema)
  • 2 fogli di millefoglie pronti all'uso
  • frutti di bosco misti (mirtilli, more, lamponi, fragoline)
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo per il tocco finale

 

Procedimento

Versate in una ciotola il preparato per crema e aggiungete (o fate aggiungere) un po' di latte e fate mescolare dolcemente il composto, continuando a versare latte fino a raggiungere una consistenza simile alla besciamella.

A questo punto procedete con l'assemblaggio: ponete una sfoglia sul fondo della teglietta o del vassoio, fate spalmare la crema e cospargere di frutti di bosco e poi chiudete con un altro strato di sfoglia. La chef consiglia di raccontare ai bimbi, mentre assemblano la millefoglie, la magia della sfoglia: la sua lunga preparazione, la cottura in forno e la sua versatilità per piatti dolci e salati.

Terminate spolverizzando con l'aiuto di un colino l'ultimo strato con dello zucchero a velo.

Ascolta su Spreaker.

 

14. Musei on line da esplorare con i bambini

 

La tecnologia va incontro alle persone e molti musei, da quando è iniziata la quarantena, hanno messo a disposizione bellissimi tour virtuali.

 

Un riferimento fisso, per restare aggiornati sulle inziative virtuali dei musei in questo periodo, è il sito del Ministero dei Beni Culturali: qui tutte le realtà italiane aggiungono le loro proposte.

 

Per restare in contatto "virtuale" con musei ed enti culturali ci sono tanti e vari modi: è possibile navigare nei loro siti web o nelle rispettive pagine social, come Facebook o YouTube, ad esempio. Ecco alcuni splendidi musei da esplorare con i più piccoli, mediante tour virtuali e canali social.

 

  1. MUSEI VATICANI (Roma). I musei Vaticani offorno splendidi tour virtuali, tra cui quello dell'affascinante Cappella Sistina.
  2. PINACOTECA DI BRERA (Milano). Anche la Pinacoteca di Brera si è attivata per mostrare a tutti le meravigliose opere esposte attraverso tour virtuali.
  3. GALLERIA DEGLI UFFIZI (Firenze). La Galleria degli Uffizi propone mostre virtuali con capolavori esposti e sale allestite alla perfezione.  

 

15. Il gioco simbolico, o di finzione

 

Il gioco simbolico o di finzione è una modalità di gioco autonomo in cui i bambini agiscono "come se" fossero nei panni di un altro (il dottore o la dottoressa, una mamma o un papà, il maestro o la maestra) oppure nei propri stessi panni, impegnati a fare qualcosa di particolare (mettere in scena un viaggio al mare, ad esempio).

 

Il pedagogista ludico Antonio Di Pietro, docente all'Università di Firenze e presidente del Cemea Toscana, durante la nostra diretta social dedicata appunto al gioco, ha detto "In questo momento di chiusura dei nidi e delle scuole e di confinamento tra le mura domestiche può capitare che i bambini attivino giochi in cui immaginano di uscire, ma non bisogna farsi prendere dalla preoccupazione o dalla tristezza quando li vediamo impegnati in esperienze come queste".

 

Una delle funzioni principali del gioco simbolico è proprio questa: "Addentrarsi nella complessità della vita quotidiana, fatta di persone, cose e situazioni", sottolinea Di Pietro. Nel volume Giocare per crescere insieme, Di Pietro e Alessandra Sila (direttrice del Centro per la Salute del Bambino di Trieste) chiariscono inoltre che il gioco di finzione "fornisce l'occasione per uscire dal proprio ruolo e conoscere quello degli altri, ponendo la base della consapevolezza dei propri pensieri e delle proprie idee".

E ancora: è una splendida occasione per esplorare in una cornice protetta il mondo delle emozioni.

Ecco un po' di suggerimenti, per incentivare i bimbi al gioco simbolico, tratti dal volume "Giocare per crescere insieme" (CSB Onlus, 2018).

 

16. Muoversi in casa: i consigli dell'Istituto Superiore di Sanità per tutte le fasce d'età

 

Per i bambini che sono a casa da scuola da tre o più settimane e per tutte le persone che hanno interrotto le attività lavorative all'esterno, questo periodo è caratterizzato dal confinamento tra le pareti domestiche. In questa situazione tanto eccezionale, l'Istituto Superiore di Sanità ricorda quanto sia fondamentale per tutti – dai bambini di pochi mesi agli anziani over 65 – mantenere uno stile di vita il più possibile regolare e con un'adeguata attività fisica.

 

L'esercizio fisico quotidiano, infatti, riduce il rischio di sviluppare sovrappeso, obesità, favorisce un buon funzionamento del sistema muscolo-scheletrico e promuove il benessere mentale, migliorando la qualità del sonno, l'umore, l'autostima e favorendo la gestione di stress, ansia e frustrazione. Per i più piccoli, inoltre, è in genere molto divertente. Ecco allora una serie di consigli dell'ISS su quale e quanta attività fisica svolgere, età per età.

0-6 mesi

  • realizzare pannelli sensoriali e cestini dei tesori per la manipolazione;
  • ballare dolcemente con il proprio bambino in braccio, facendo attenzione a sorreggergli la testa;
  • favorire il contatto pelle a pelle.

6-12 mesi

  • favorire il gioco libero su un tappetino morbido per stimolare la motricità e il contatto corporeo con altri oggetti e individui;
  • posizionare il bambino sulla pancia per un breve periodo ogni giorno;
  • posizionare il bambino sul tappetino morbido ponendo un giocattolo appena fuori dalla sua portata, in modo che il bambino possa cercare di raggiungerlo.

1-2 anni

  • incoraggiare il bambino a mimare le movenze del mondo animale: strisciare come un serpente, saltare come una rana, galoppare come un cavallo o camminare come un orso a quattro zampe;
  • realizzare percorsi domestici di "psicomotricità". Il bambino si muove a piedi nudi in casa e può essere invitato ad attraversare/superare alcuni ostacoli fisici, come cubi di legno, scatole, tappeti morbidi, cilindri, ecc.

2-3 anni

  • far camminare il bambino (un piede dietro l'altro) su un filo di scotch colorato o di carta messo sul pavimento; per aumentare la difficoltà si possono fare delle richieste come grattarsi la testa, o camminare ad occhi chiusi;
  • allestire un bowling casalingo con bottiglie del latte e palline da tennis;
  • incollare sul pavimento delle strisce di nastro adesivo, a distanza di circa 1-2 passi adulti. Su ogni striscia porre l'immagine di un animale che salta (la rana, il canguro, la scimmia, il coniglio, ecc.), il bambino dovrà imitare il tipo di salto per raggiungere la striscia successiva.

3-4 anni

  • saltare la corda: con un tappeto morbido e una corda creare un ostacolo da saltare.
  • gioco dell'alligatore: spargere alcune "isole" o "barche" sul pavimento (usando cuscini, animali di peluche, libri, ecc.) e far saltare i bambini da un oggetto all'altro, lo scopo è di non cadere "nell'acqua" rischiando di essere mangiati dall'alligatore affamato, impersonato dal genitore.
  • gioco dello specchio: porsi di fronte al bambino, a circa un piede di distanza, e invitarlo a copiare tutti i movimenti. Allungare le braccia verso il cielo, in avanti e di lato, correre sul posto, imitare una scimmia, una rana o qualsiasi animale. Cambiare ruolo ora è l'adulto a copiare i movimenti del bambino.
  • organizzare una caccia al tesoro domestica che cerchi di coprire tutti gli ambienti della casa.

5-7 anni

  • trova la forma: creare con dello scotch delle forme (quadrati, cerchi, etc.), lettere o numeri sul pavimento. Chiedere al bambino di porsi sulla forma preferita. Dare istruzioni fantasiose per raggiungere le altre forme (ad esempio: "strisciare come un serpente verso la lettera B", "saltare come un canguro sul cerchio", "Correre verso il numero 3", ecc.).
  • lettere musicali: una variante del gioco precedente, consiste nel mettere una musica ritmata per ballare. Fermare la musica e dire una delle lettere, forme o numeri. Il bambino deve trovare la lettera, forma o numero indicata e sedersi su di essa;
  • il ballo del cuscino: posizionare un cuscino per terra, mettere una musica ritmata e iniziare a ballare, uno dei giocatori dice "cuscino". Chi riesce a sedersi sul cuscino per primo, vince;
  • vola palloncino: gonfiare un palloncino colorato, i giocatori dovranno colpire il palloncino lanciandolo in aria come se stessero giocando a tennis, ma senza farlo cadere al suolo. Si può contare ad alta voce quante volte viene colpito il palloncino e tentare di superare il record;
  • raggiungi il palloncino: appendere un palloncino con una corda alla porta, più in alto rispetto alla lunghezza del braccio del bambino, quindi sfidarlo a toccare il palloncino con la mano. Contare quanti salti si riescono a fare toccando il palloncino;
  • percorso a ostacoli: creare un percorso ad ostacoli divertente che includa diversi movimenti (saltare, strisciare, camminare su una linea con un piede, andare a zig zag, ecc). Per creare il percorso possono essere utilizzati hula-hoop, nastro adesivo, cuscini, coperte o tappetini su cui rotolare, bicchieri o bottiglie di plastica come ostacoli per creare un percorso a zig zag;
  • basket: si può creare un canestro casalingo con cesti per la biancheria, cestini o borse rigide e giocare con una palla morbida (anche fatta con fogli di giornali, peluche o calze arrotolate);
  • campana: questo classico gioco può facilmente essere adattato agli ambienti chiusi utilizzando lo scotch per disegnare la campana sul pavimento. Al posto dei sassi possono essere utilizzati bottoni o calze arrotolate.

 

17 - Come fare un album di foto

 

Fare un album di foto insieme ha un alto valore educativo ed è un investimento per il futuro.

Allarga gli orizzonti dei bambini, che sono sempre concentrati sull'oggi e sul loro mondo.

Si può iniziare già dai due anni a proporre questa attività. Vediamo come:

  • dai 2 anni: già dai 2 anni, in forma molto semplificata, ha senso iniziare a parlare a vostro figlio dei componenti della famiglia, a spiegargli che esistevano anche prima della sua nascita. E' un modo per raccontare e ascoltare storie. Inserite figure essenziali e abbellite l'album con disegnini.
  • da 3 a 5 anni: si può introdurre il concetto di albero genealogico.
  • età prescolare: le domande aumenteranno e l'album si struttura come un libro, con tante pagine e didascalie per ricordare i dettagli. E poi spazio alla creatività. Dagli 8 anni si può catalogare a raggruppare insieme le cose. Inizieranno anche a chiedere i gradi di parentela.

 

 

18 - 10 semplici (e divertentissimi) esperimenti con l'acqua per bambini

 

L'acqua, fonte di vita, primordiale culla dell'esistenza... e ottima per tantissimi esperimenti super-divertenti! Inizia a fare un po' più caldo e mettersi con i bambini a provare qualche esperimento con l'acqua può essere un bel modo per stimolare la loro curiosità nei confronti della scienza e delle meraviglie che compongono la realtà che ci circonda. Nell'articolo troverete le varie proposte.

L'arancia che galleggia

Materiale:

  • Un'arancia intera
  • Una bacinella d'acqua
  • Un coltello

Procedimento:

  • Immergete l'arancia nella bacinella. L'agrume galleggerà.
  • Poi togliete la buccia e rimettete il frutto in acqua. L'arancia non galleggerà più!

Perché? Potete spiegare a vostro figlio come la buccia spugnosa dell'arancia faccia da "salvagente" all'agrume!

 

19 - Lavoretti semplici e con materiali di riciclo da fare in casa

 

Per realizzare lavoretti divertenti e per giocare in casa con i bambini non occorrono materiali particolari, ma è consigliabile soltanto avere cartone, bottoni, piatti di carta, ecc. Insomma, si tratta di materiale facilmente reperibile e di riciclo.

Abbiamo chiesto alla dottoressa Martina Verdese, esperta in riabilitazione neuropsicomotoria, supporto genitoriale e progetti educativo/preventivi, di darci qualche spunto in più per fare a casa con i bambini lavoretti e giochi semplici, con materiali poveri e facilmente reperibili. Nell'articolo è possibile leggere tutti i lavoretti facili e con materiali di riciclo da lei suggeriti.

Lavoretti da fare con materiali di riciclo

  1. COLLANINE DI PASTA. Potete colorare la pasta e creare poi delle collanine allegre. 
  2. ABACO DI PASTA. Realizzate un abaco: infilate la pasta dall'alto su una cannuccia, lasciando cadere i vari pezzi verso il basso. Mettete sulla stessa cannuccia la pasta dello stesso colore o della stessa forma. Potete usare anche gli spaghetti al posto delle cannucce. Infine, unite le estremità inferiori delle cannucce con il pongo, la plastilina, ecc. Avrete così il vostro abaco!
  3. TRAVASI. Se invece avete il giardino, fate buchi nelle bottiglie o tagliatele, aiutando i bambini a fare i travasi. Quest'ultimo può essere di farina di mais, palline, biglie, acqua colorata o normale. Magari mettete poi tutte le bottiglie su un cartone e fate poi in modo che, bottiglia dopo bottiglia, il bambino versi il contenuto, all fine, in una vaschetta. 

 

20 - Giochi da tavolo che favoriscono l'apprendimento

 

I giochi da tavolo stimolano e 'allenano' requisiti e competenze fondamentali per un migliore apprendimento. Divertendosi migliorano la capacità logico-matematiche, linguistiche e di risoluzione dei problemi. In più, quasi tutti i giochi da tavolo affinano i riflessi, l'intuizione e l'abitudine alla concentrazione. 

Ecco qualche suggerimento di giochi da tavolo particolari e che allenano la mente.

 

21 - Giocare con le scarpe

 

Quando sono in casa, i bimbi sono capaci di giocare con le cose più semplici alla portata delle loro manine. Tra queste… le scarpe. Riscopriamo il bello e l'importanza di questa attività per i più piccini insieme ad Antonio Di Pietro, pedagogista ludico, in collaborazione con il Centro Salute Bambino di Trieste.

Ascolta su Spreaker.

 

22 - Giochi da fare sul balcone

 

Un balcone, anche se piccolo, è davvero una fortuna in questo periodo. Che cosa fare insieme ai bambini in terrazza? Come sfruttarla?

  • Si può pensare di dare forma a questo rifugio, ad esempio con una tenda o anche con un semplice lenzuolo attaccato al davanzale o sorretto da due bastoni.
  • Giocare giocare con la terra o con la sabbia, per simulare con la bella stagione le attività da spiaggia: va bene anche della farina gialla, insieme a un secchiello e dell'acqua: i bambini hanno bisogno di fare un po' di paciughi!
  • Si possono portare bambole e giochi e trasferirsi all'aperto sul balcone per un po'.
  • Ci si può dedicare ad attività di giardinaggio e preparare un piccolo orto sul balcone.
  • Si possono realizzare pranzi e picnic!
Domande e risposte
Quali sono i giochi più belli che si possono fare in casa con i bambini?
Dipende dalla fascia di età. Per i bimbi fino ai 3 anni, giochi creativi e intelligenti come torri, puzzle o il vecchio bubù settete. Per bimbi più grandi, lavoretti con carta, case di cartone, pasta modellabile.
Quali attività Montessori si possono fare in casa?
Tra le attività Montessori da fare in casa, il gioco del silenzio, gli alfabeti tattili, il sonaglio delle meraviglie.