Home Famiglia Matrimonio

Usanze e superstizioni legate al matrimonio

di Nostrofiglio Redazione - 09.12.2019 - Scrivici

Per il matrimonio la sposa deve indossare qualcosa di nuovo, qualcosa di vecchio, qualcosa di blu e qualcosa di prestato. Ricordatevi poi che "di venere e di marte non ci si sposa e non si parte". Abbiamo raccolto queste e altre credenze popolari in una simpatica galleria fotografica

Usanze e superstizioni legate al matrimonio

"Di Venere e di Marte non ci si sposa e non si parte". Conoscevate questo detto? Esistono numerose superstizioni e credenze popolari legate al matrimonio, che ovviamente non sono da prendere alla lettera. Eppure, sono molto divertenti e forse serbano... un fondo di verità. Abbiamo raccolto le più comuni per divertirci un po': ecco quali sono.

  1. Fedi per terra? Non raccoglietele... Se per caso le fedi dovessero cadere per terra durante la cerimonia, è bene che le raccolga il sacerdote o l'ufficiale di stato civile per annullare la sfortuna.
  2. Qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo, qualcosa di blu... Secondo la tradizione inglese la sposa il giorno del suo matrimonio deve indossare qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo, qualcosa di blu e qualcosa di prestato.
  3. Mai incontrarsi poco prima delle nozze. Mai incontrare il futuro marito prima del rito: pare che Carlo e Diana abbiano fatto colazione insieme la mattina delle nozze… e sappiamo tutte come finì.
  4. Mai guardarsi allo specchio con... Si dice anche che la sposa non debba mai provare contemporaneamente vestito, scarpe e accessori prima del matrimonio e men che meno guardarsi a figura intera nello specchio. Se proprio non si resiste, meglio non indossare una scarpa.
  5. Di venere e di marte non... "Di venere e di marte non si sposa e non si parte": il sabato è sempre il giorno più richiesto, ma sembrano propizi anche il giovedì e il mercoledì.
  6. Lui non deve vedere l'abito di lei. Lo sposo non deve assolutamente vedere l'abito di lei prima della cerimonia: si dice che Maria Josè del Belgio si fosse fatta disegnare il vestito da sposa dal suo futuro marito, Umberto di Savoia, ma il suo non fu un matrimonio felice perché si sposò pur non essendo affatto innamorata.

Aggiornato il 22.05.2011

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati

ultimi articoli