Nostrofiglio

Rimettersi in forma

7 trucchi per rimettersi in forma

25 Gennaio 2017 | Aggiornato il 11 Gennaio 2018
Disintossicarsi: serve per far funzionare meglio l’organismo, per fargli svolgere in modo ottimale tutti i processi metabolici e di conseguenza per rimettersi in forma. “Sì, perché un eccesso di scorie e tossine impedisce il corretto svolgimento di tutte le reazioni chimiche che avvengono nel nostro organismo e fa diminuire l’efficienza del metabolismo, che potrebbe assimilare più di quel che è necessario e farci quindi ingrassare di più” dice il nutrizionista Giorgio Donegani. “E’ un po’ come se in una macchina a gasolio mettessimo benzina: magari cammina lo stesso, ma a lungo andare potrebbe incepparsi”. Meglio allora fare subito una bella ripulita e mettere il carburante giusto! In fondo bastano 7 mosse! 

Facebook Twitter Google Plus More
fuoripasto

Eliminare i fouripasto.
La prima regola per disintossicare l’organismo è tornare… alla regolarità! Mangiucchiare tutto il giorno mette in crisi il nostro orologio biologico e manda in tilt il metabolismo. Il giusto ritmo? I classici cinque pasti al giorno, ossia colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, spuntino del pomeriggio e cena.

carne

Ridurre gli alimenti che producono tossine.
E cioè diminuire innanzitutto l'apporto di proteine, in particolare di quelle provenienti dalla carne rossa. “Durante il metabolismo delle proteine della carne si formano molti acidi, come l’acido urico, che tendono ad acidificare l’organismo ed appesantiscono la funzionalità dei reni, che sono i principali organi deputati alla disintossicazione” commenta il nutrizionista.

verdure

Rimettere a posto l’intestino.
Innanzitutto aumentando il consumo di fibre, provenienti da verdure o cibi integrali, che aiutano ad eliminare le scorie dall’intestino. “Un aiuto in più possono darcelo i probiotici, poiché sono ricchissimi di batteri ‘buoni’, dello stesso tipo di quelli che compongono la nostra flora microbica intestinale" suggerisce Donegani. Si comprano in farmacia o al supermercato, l’importante è che sia specificata la dicitura ‘probiotico’

radicchio

Fare scorpacciate di radicchio, cicoria e carciofi.
Il radicchio ha una forte azione depurativa grazie alle sostanze amare che favoriscono la produzione della bile e il corretto funzionamento del fegato, che è il ‘laboratorio’ dove si distruggono le tossine. Ottimi anche cicoria e carciofi, che contengono una fibra preziosa, l’inulina, che ha azione prebiotica, cioè serve per alimentare la flora batterica dell’intestino.

acqua

Bere molta acqua.
Dando la preferenza a quella di tipo oligominerale o addirittura minimamente mineralizzata, poiché ha un effetto diuretico maggiore. Ok anche alle varie tisane, del gusto che piace di più: l’importante è non aggiungerci lo zucchero!

agrumiefruttirossi

Consumare agrumi e frutti rossi.
Gli agrumi contengono acido citrico e ascorbico che, abbassando i livelli di acidità nell’organismo, contribuiscono alla sua depurazione. I frutti rossi invece migliorano l’elasticità dei vasi sanguigni e quindi la circolazione, favorendo lo smaltimento delle tossine. Se i frutti rossi non si trovano freschi, vanno benissimo anche quelli surgelati.

Eliminare i fouripasto.
La prima regola per disintossicare l’organismo è tornare… alla regolarità! Mangiucchiare tutto il giorno mette in crisi il nostro orologio biologico e manda in tilt il metabolismo. Il giusto ritmo? I classici cinque pasti al giorno, ossia colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, spuntino del pomeriggio e cena.
Facebook Twitter Google Plus More