Sposarsi incinta

Abiti da sposa ... col pancione

Di Nostrofiglio Redazione
sposa-incinta.1500x1000
21 maggio 2011
I modelli stile impero, quelli a vita alta, tagliata sotto il seno, e gonna leggermente arricciata o svasata, sono perfetti per camuffare o esaltare una gravidanza, inoltre donano a chi ha spalle e seno minuti, ma fianchi e vita abbondanti. Da evitare i modelli troppo rigidi

Anche una futura sposa che aspetta un bambino ha diritto a indossare un bell’abito nel suo giorno del sì, sia che abbia scelto una cerimonia religiosa sia una civile. Una volta superati i problemi dell’etichetta, rimangono tuttavia quelli pratici.

 

La moda propone abiti deliziosi anche per quelle donne che aspettano un bambino e sono già a uno stadio un po’ avanzato della gravidanza, quando la pancia è già tonda ed evidente. Gran parte degli atelier, infatti, dispone di una sezione appositamente dedicata agli abiti da sposa per le future mamme e mette a loro disposizione l’esperienza delle sarte per eventuali interventi di personalizzazione dell’abito.

 

Gli abiti da sposa premaman sono comprensibilmente strutturati per rispondere alle esigenze di praticità e comodità di chi li indossa. I modelli stile impero, quelli a vita alta, tagliata sotto il seno, e gonna leggermente arricciata o svasata, sono perfetti per camuffare o esaltare una gravidanza, inoltre donano a chi ha spalle e seno minuti, ma fianchi e vita abbondanti.

 

Si addicono alle donne in attesa anche gli abiti con tagli morbidi e soffici o quelli a palloncino, con gonna arricciata, mossa e generosa sui fianchi, ma anche tutti quei modelli che mettono in risalto la scollatura, purché non siano troppo prorompenti per non eccedere nella volgarità: ricordate che in gravidanza il seno cresce a dismisura.

 

Scegliete comunque un abito morbido, magari di chiffon, che sottolinei il vostro fisico in evoluzione, ed evitate sempre i modelli troppo rigidi o i tentativi di stringere e fasciare la pancia per nasconderla: otterreste l’effetto contrario.

 

L’importante, insomma, è non voler fare le “rivoluzionarie” a tutti i costi: ovvero, la novità c’è, ma non va né nascosta né evidenziata per poter rimanere nell’ambito del buon gusto.

 

Un consiglio valido per tutte è di non aspettare l’ottavo mese per celebrare le nozze: nel secondo trimestre non solo avrete una pancia ancora mimetizzabile che vi permetterà ancora di scegliere tra vari modelli, ma sarete nel pieno delle energie e senza affaticarvi per una giornata che sarà, comunque, faticosa.

 

Bianco sì o bianco no?

Il bianco da sempre è simbolo di prezza e verginità, ma oggi al bianco ottico si preferisce l’avorio o il beige. Gli stilisti di recente hanno anche impreziosito gli abiti con dettagli colorati come una cintura rosa o un tocco di rosso sulla scollatura. Anche la sposa in attesa, quindi, può permettersi un’ampia scelta di colori, naturalmente evitando il bianco immacolato, il velo e gli eccessi, sia che si tratti di una cerimonia religiosa che civile.

 

Leggi tutto lo Speciale Matrimonio col pancione

 

di M.Cristina Renis

 

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. Matrimonio col pancione