Capelli

Come scegliere i prodotti per i capelli

capelli
22 Febbraio 2017
Shampoo, balsamo, maschera; lisciante, volumizzante, nutriente, riequilibrante: gli scaffali dei negozi sono pieni di prodotti per capelli. Ma come scegliere quello giusto? Lo abbiamo chiesto all’esperto!
Facebook Twitter Google Plus More

Quale prodotto per capelli scegliere? Meglio balsamo, districante, lisciane o maschera? Dipende.

“Per scegliere il prodotto giusto bisogna innanzitutto conoscere i propri capelli” premette Cristian Sinopoli, hair stylist Compagnia della Bellezza. “E a grandi linee i capelli si possono dividere in quattro grandi categorie”.


1.    Capelli grossi o crespi


Sono i classici capelli ribelli, difficili da domare. In tal caso è bene scegliere uno shampoo lisciante o lenitivo, che attenua il crespo, e, come trattamento dopo shampoo, una maschera da lasciare in posa per alcuni minuti, per darle il tempo di essere assorbita dal fusto.  Come prodotto jolly, sono ok i cristalli liquidi o i semi di lino in gocce, che si possono applicare anche ogni mattina per lucidare e rendere più docili i capelli per tutta la giornata.

 

LEGGI ANCHE: CAPELLI, I COLORI MODA PER LA PRIMAVERA ESTATE 2017 
 

2.    Capelli fini e sottili


Sono capelli senza volume e proprio per questo hanno bisogno di prodotti volumizzanti, che diano corposità e sostegno al capello ma senza appesantirlo. "Dopo lo shampoo, va bene un balsamo, un gel o una crema da risciacquare, mentre vanno evitati i prodotti senza risciacquo, che tendono a creare un involucro intorno al capello che appesantisce" dice Sinopoli. Al massimo si può usare uno spray liquido districante, che sostiene senza togliere volume.       

3.    Capelli secchi o trattati


Per i capelli secchi o stressati da trattamenti, vanno bene i prodotti classificati come nutrienti, ristrutturanti, rigeneranti. "Per questo tipo di capelli, ma anche per chi usa spesso phon, piastra o  ferro arricciacapelli, sono ottime le creme doposhampo senza risciacquo (ce ne sono anche di specifiche pre-piastra o pre-ferro), che formano una guaina protettiva intorno al fusto che preserva meglio dallo stress del calore" spiega il parrucchiere.

  

4.    Capelli porosi


Un tempo sarebbero stati definiti capelli grassi, in realtà è una definizione impropria. Più che di capelli grassi si può parlare infatti di capelli porosi, che cioè assorbono più facilmente il sebo o il sudore del cuoio capelluto, così come l’umidità o gli odori dell’ambiente, e quindi si sporcano più facilmente. In tal caso è consigliabile adoperare prodotti riequilibranti o adatti per lavaggi frequenti. Sbagliato invece usare il tipico shampoo per capelli grassi, che, oltre a seccare eccessivamente il fusto, rischia di stimolare maggiormente la produzione di sebo a livello del cuoio capelluto. Come dopo-shampoo, va benissimo uno spray senza risciacquo, che ha un effetto molto leggero. 

 

Leggi tutto sui capelli e capelli, i colori di moda del 2017