Sport

Corsa: i consigli prima di iniziare

Di Angela Bisceglia
corsa.600
13 marzo 2017 | Aggiornato il 24 agosto 2017
La corsa è una delle attività sportive più benefiche per il nostro organismo. Se si vogliono trarre i massimi benefici senza rischi per la salute, non serve spingere troppo sull’acceleratore ma è consigliabile mantenersi su livelli di intensità lievi o moderati. A meno che non vogliamo partecipare ad una maratona, quindi, questi i consigli prima di cominciare!

 

L’intensità giusta? Da lieve a moderata

 


Per trarre i massimi benefici e non correre rischi, la corsa deve essere praticata ad intensità da lieve a moderata. “Pensiamo al nostro corpo come ad una macchina” spiega il professor Paolo Zeppilli, direttore del centro di medicina dello sport del Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma: “se la velocità massima che può fare sono 160 kmh e noi la spingiamo sempre al suo limite, il motore si brucerà prima, se si va abitualmente ad una velocità moderata, durerà molti anni di più.

 

LEGGI ANCHE: 10 BUONI MOTIVI PER ANDARE A CORRERE

 


 

 

Come si calcola l’intensità della corsa

 

Quale la frequenza cardiaca da non superare? “Per calcolarla basta applicare una formula facilissima” risponde l’esperto: “220 meno l’età ci danno la frequenza cardiaca massima; un’attività si considera lieve se la frequenza cardiaca arriva al 50% del proprio massimale, moderata se arriva al 70%. Al di sopra di questi limiti si va verso un’intensità media e poi massimale”. Per fare un esempio: una donna di 40 anni avrà una frequenza cardiaca massima di 180 battiti al minuto; se vuol mantenersi su un allenamento lieve, non dovrà superare i 90 battiti, se di intensità moderata, il tetto sarà di 126 battiti. Ci sono anche cardiofrequenzimetri che segnalano con un allarme quando si supera una certa frequenza.