Nostrofiglio

Bellezza pelle

Pelle dopo l’estate: mantienila bella in 5 mosse

bellezzadopovacanze

19 Settembre 2018
Finita l’estate e finita l’esposizione al sole, la pelle appare un po’ spenta, il colorito poco omogeneo e quella bella aria di vacanze che ci si leggeva sul viso è solo un lontano ricordo. Come rimettere la pelle in sesto e come preservare il più a lungo possibile l’abbronzatura? Seguendo i 5 consigli della dermatologa Angela Giuliano, esperta in dermatologia estetica e correttiva

Facebook Twitter Google Plus More

I benefici dell’esposizione al sole sono tanti, dal punto di vista sia fisico che psicologico, ma quel che forse ci piace di più è il beneficio estetico. E cioè quel colorito ambrato che sa tanto di salute e benessere. Peccato però che a fine estate di quella bella abbronzatura ci si ritrovi poco più che un colorito opaco, screpolato e spesso a chiazze. Come rimediare?

 

“Il risultato del ‘dopo’ vacanze dipende in buona parte da quel che si è fatto ‘prima’ e ‘durante’ le vacanze” premette la dermatologa. “Prima e durante l’esposizione al sole ad esempio sarebbe buona regola assumere integratori anti-radicali liberi e antiossidanti, utili per rinforzare le difese della pelle e limitare i danni a breve termine, come ustioni ed eritemi, e a medio-lungo termine, come invecchiamento o  tumori della pelle. Ed è fondamentale che la pelle sia stata sempre protetta da una crema solare con filtri medio-alti, che garantiscono un’abbronzatura più graduale ma più duratura ed omogenea”.

Ma anche se abbiamo cercato di essere ligie nel seguire le corrette regole di esposizione al sole, a fine estate la tintarella a poco a poco va via e la pelle merita attenzioni in più, perché riprenda idratazione, luminosità e omogeneità.

 

Per rimetterla a posto, occorre agire su 5 fronti:

 

  1. Alimentazione: bere acqua sempre e in abbondanza per garantire l’idratazione dall’interno, in un periodo in cui facilmente la pelle appare secca e disidratata dal mix di sole, salsedine, calore e vento al quale è stata esposta; e poi consumare in abbondanza verdure e frutta soprattutto di colore giallo, arancione e rosso, ricche di vitamina C e carotenoidi
  2. Esfoliazione: in risposta allo stress al quale è sottoposta la pelle, in estate si verifica un’accelerazione del turn over cellulare, con la conseguenza che le cellule morte,  accumulandosi sulla superficie cutanea, fanno ispessire lo strato corneo, regalandoci quell’aspetto a chiazze che più odiamo. “Per rimuovere le cellule morte il solo detergente non basta, ma è necessario massaggiare la pelle con uno scrub che, grazie ai microgranuli, favorisce l’asportazione meccanica dello strato cutaneo superficiale, uniformando il colorito, levigando la pelle e rendendola più ricettiva alla penetrazione delle creme che applicheremo dopo” sottolinea la dermatologa. E' bene però scegliere una formulazione non troppo aggressiva e ‘grattante’ e seguire la frequenza d’applicazione consigliata, senza esagerare per non irritare la pelle.  
  3. Detersione: sia sul viso che sul corpo la detersione va fatta quotidianamente, mettendo da parte schiume troppo ricche di tensioattivi e dando la preferenza a formulazioni su base cremosa ed oleosa, contenenti ad esempio aloe vera, burro di karitè, calendula, che puliscono senza ‘sgrassare’.
  4. Idratazione: è la fase più importante, che va eseguita due volte al giorno: al mattino scegliendo una formulazione adatta al proprio tipo di pelle; alla sera con prodotti più nutrienti e corposi che, grazie al leggero effetto occlusivo, favoriscono la penetrazione dei principi attivi e limitano la perdita di acqua attraverso la cute, che si verifica soprattutto nelle ore notturne.
  5. Trattamenti concentrati: è questo il periodo in cui dare spazio a trattamenti più ‘strong’, come sieri e maschere. “I sieri, da applicare prima della crema, hanno una texture leggera che si assorbe facilmente e per questo sembrano avere una minor valenza idratante, in realtà contengono principi attivi in concentrazioni più elevate e sostanze che veicolano più in profondità i principi attivi” dice la dermatologa. “Le maschere, grazie alla combinazione di ingredienti, effetto occlusivo e tempi di posa prolungati, hanno un vero e proprio effetto terapeutico sulla pelle”. Le più indicate dopo l’estate? Le maschere illuminanti, idratanti e antiage.
Il consiglio finale. Approfittare degli ultimi weekend di bel tempo per esporre ancora un po’ la pelle al sole (sempre con la giusta protezione!) e farsi dare un aiutino dal make up. Fondotinta, fard, terra: ogni prodotto, usato con sapienza e senza esagerare, contribuirà a ricreare, almeno in parte, quel colorito luminoso che tanto rimpiangiamo!