Home Famiglia

Come capire se una relazione è tossica

di Penelope Greco - 06.08.2021 - Scrivici

relazione-tossica
Fonte: Shutterstock
Non sempre le relazioni sono facili. È normale avere qualche momento un po' negativo, ma quando la relazione diventa tossica e come riconoscerla?

È un ritornello comune: le relazioni sono un duro lavoro. I litigi sono normali e i momenti difficili sono all'ordine del giorno. Per quanto vero possa essere, tuttavia, questi luoghi comuni possono distrarre dalle giuste cause di preoccupazione nella propria vita sociale e romantica, compresi i segni che una relazione potrebbe essere diventata, o è sempre stata, tossica. Ecco cosa devi sapere sulle relazioni tossiche e come sapere se ci sei dentro fino al collo.

In questo articolo

Che cos'è una relazione tossica?

Relazioni sane con la famiglia, gli amici e gli altri cari possono essere una grande fonte di sostegno, conforto e amore. Tuttavia, le relazioni sane non nascono necessariamente da sole. Spesso le relazioni sane richiedono compromessi e perdono. Quando qualcuno a cui tieni ti ferisce, puoi trattenere rabbia, risentimento e pensieri di vendetta, oppure puoi abbracciare il perdono e andare avanti.

A volte, una comunicazione onesta è tutto ciò che serve per superare le crisi relazionali e mantenere relazioni sane. In altri casi, può essere utile la terapia familiare o altri tipi di consulenza.

La dottoressa Lillian Glass, un'esperta di comunicazione e psicologia con sede in California, afferma di aver coniato il termine nel suo libro del 1995 Toxic People, definendo una relazione tossica come "qualsiasi relazione [tra persone che] non si sostengono a vicenda, dove c'è conflitto e uno cerca di minare l'altro, dove c'è competizione, dove c'è mancanza di rispetto e di coesione".

Mentre ogni relazione passa attraverso alti e bassi, secondo la dottoressa Glass una relazione tossica è costantemente spiacevole e sfinente per le persone, al punto che i momenti negativi superano quelli positivi.

I diversi tipi di relazione tossica

Possono essere individuati alcuni schemi di comportamento, in grado di generare una relazione tossica. Vediamone alcune tipologie: 

  • Relazione sado-mascochistica
  • Dipendenza affettiva
  • Lotta di potere
  • Innamorarsi della persona sbagliata

Ma quali sono i segnali di una relazione tossica?

  1. Violenza fisica. Il primo segnale è l'abuso fisico. Quando si verificano, è bene uscire il prima possibile dalla relazione
  2. Violenza verbale e manipolazione. Non p visibile come quella fisica, ma è ugualmente dolorosa. Svalutazioni, sarcasmo, offese sono solo alcuni esempi.
  3. Litigiosità. Non ci si ascolta, l'unico scopo diventa ferire l'altro. 
  4. Repentini cambiamenti di "ruolo"
  5. Bassa energia e fatica. Le relazioni tossiche comportano un grande investimento in termini di energia mentale. .
  6. Ansia. Quando si deve incontrare l'altra persona, si sente salire l'ansia.
  7. Bassa autostima. È la conseguenza della svalutazione continua e delle difficoltà che ci si trova ad affrontare ogni giorno nella relazione, che risucchia energie, serenità e benessere
  8. Non vi sentite liberi di essere voi stessi all'interno della relazione
  9. Tutto si trasforma in un dramma
  10. Siete sotto controllo costante
  11. Comportamenti finanziari negativi: Il tuo partner potrebbe prendere decisioni finanziarie, incluso l'acquisto di articoli di grandi dimensioni o il prelievo di ingenti somme di denaro, senza consultarti.
  12. Disonestà: Ti ritrovi a inventare costantemente bugie su dove ti trovi o su chi incontri per evitare di passare del tempo con il tuo partner.
  13. Gelosia: sebbene sia normale provare gelosia di tanto in tanto, può diventare un problema se non riesci a pensare o a sentire positivamente altro
  14. Ti preoccupi che sollevando problemi, provocherai un'estrema tensione, quindi cerchi di evitare conflitti e tieni qualsiasi problema per te.

Che cosa fare se si è in una relazione tossica

Se vi accorgete di essere finiti in una relazioni tossica, ecco qualche consiglio da seguire

  • Rivedete i comportamenti passati e uscite dal diniego. State insieme perché vi amate o perché dovete?
  • Analizzate il presente. Come vi sentite nella relazione? Quali emozioni prevalgono?
  • Recuperate le attività che non fate più a causa della relazione
  • Cercate persone con atteggiamenti diversi
  • Un percorso di psicoterapia potrebbe aiutarvi.
  • Chiedete aiuto. Se la situazione è grave, se cioè il vostro partner vi maltratta o vi perseguita, non esitate a parlarne con qualcuno che possa aiutarvi, o eventualmente ad allertare le forze dell'ordine. 

Fonti articolo: mayoclinic.org

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli