Nostrofiglio

Guida anti-crisi

Risparmiare in gravidanza e quando arriva il bambino

neonato-soldi

24 Febbraio 2009
Già nel periodo della gravidanza ci sono più spese da affrontare ma è soprattutto con l'arrivo del bambino che la situazione sembra aggravarsi. Ma tutte le spese che pensiamo di dover affrontare sono necessarie e servono a rendere il nostro bambino felice? Giorgia Cozza, autrice del libro 'Bebè a costo zero', sostiene di no.

Facebook Twitter Google Plus More

Alzi la mano chi non si è trovato in casa uno scalda-biberon per poi non usarlo mai perché se allatti al seno non ti serve oppure ciucci e porta-ciucci per poi scoprire che il proprio bambino non ne voleva sapere? Alzi la mano chi non ha in casa almeno uno o due completini ancora con l’etichetta oppure giochi mai usati?

Giorgia Cozza, giornalista e autrice del libro “Bebè a costo zero – Guida al consumo critico per neomamme e futuri genitori”, Ed. Il leone verde, ha calcolato che nei nove mesi dell’attesa e nel primo anno di vita del bebè, evitando di farsi venire l’ansia da acquisto e le spese inutili, si può arrivare a risparmiare fino a 3.500-4mila euro. Questo senza far mancare nulla al bambino. Anzi, tenendo conto delle reali esigenze del bebè.

Mica male in tempi di crisi. Acquisti più consapevoli sono anche più eco-sostenibili. Con Cozza abbiamo stilato un elenco di ‘buone pratiche’ per futuri e neo genitori.

Risparmiare in gravidanza

Risparmiare quando nasce il bebè

Risparmiare durante lo svezzamento

Risparmiare con giochi e giocattoli low cost

Vuoi confrontarti con altre famiglie in fatto di risparmio? Entra nel forum Fai da te in casa