Home Famiglia Soldi e lavoro

Congedo parentale per COVID: proroga estesa al 31 marzo 2022

di Niccolò De Rosa - 15.03.2021 - Scrivici

congedo-parentale-per-covid
Fonte: Shutterstock
Proroga del Congedo parentale per Covid: il nuovo Dl ha esteso il congedo parentale per i genitori che dovranno badare ai figli a casa per tampone positivo, quarantena e chiusure  

Congedo parentale Covid-19: proroga al 31 marzo 2022

Il Consiglio dei Ministri n. 51 ha prorogato fino al 31 marzo 2022 lo stato di emergenza sanitaria approvando il decreto-legge 1/2022 che introduce ulteriori misure per fronteggiare l'emergenza COVID-19, in particolare nei luoghi di lavoro e nelle scuole.

Il decreto mira a "rallentare" la curva di crescita dei contagi relativi alla pandemia e a fornire maggiore protezione a quelle categorie che sono maggiormente esposte e che sono a maggior rischio di ospedalizzazione.

Tra le niuove misure adottate vi è l'estensione dell'obbligo vaccinale per la prevenzione dell'infezione da Covid-19 agli ultra cinquantenni.

Quello che interessa maggiormente le famiglie riguarda la proroga del congedo parentale estesa fino a fine marzo. Il congedo parentale riguarda le cause legate al Covid:

  • quarantena,
  • malattia dei figli,
  • sospensioni dell'attività didattica in presenza.

L'Inps ha reso operativa la proroga, contestuale allo stato di emergenza e ha fornito le istruzioni per fare domanda.

Sono interessati tutti i lavoratori, sia dipendenti che autonomi iscritti alla Gestione separata e alle Gestioni speciali Inps.

Il congedo parentale per Covid

Il ricorso allo smart working rimane la soluzione privilegiata, ma non tutte le aziende o le imprese possono garantire questa possibilità ai loro dipendenti e in tal case entra il gioco il congedo parentale per Covid, ossia un periodo di astensione dal lavoro che viene regolamentato nell'Articolo 2 entrato in vigore il 13/03/2021 che permette di gestire gli impegni lavorativi dei genitori e allo stesso tempo badare ai figli a casa perchè positivi o in qurantena o per la chiusura delle attività solastiche, dovuta all'umento dei contagi.

Le regole del nuovo congedo parentale per Covid

Stando alle disposizioni del Decreto Legge, ecco come funziona il congedo parentale, chi può usufruirne e come richiederlo. 

Congedo parentale Covid: chi può richiederlo?

Il congedo parentale Covid spetta a:

  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori iscritti in via esclusiva alla Gestione separata;
  • lavoratori autonomi iscritti all'INPS.

Il congedo può essere usufruito sia in modalità giornaliera che oraria, ma comunque i due genitori non potranno beneficiarne negli stessi giorni, fatta eccezione per i figli affetti da disabilità grave.

Chi può beneficiarne?

  • I genitori di minori conviventi di 14 anni qualora non fosse possibile ricorrere allo smartworking potranno - sempre uno per famiglia - richiedere il congedo parentale retribuito al 50% del consueto compenso da contratto.
  • Tale astensione dal lavoro viene accordata anche ai genitori di figli con disabilità iscritti a scuole di ogni ordine e grado che abbiano adottato la didattica a distanza, senza limiti di età e indipendentemente dalla convivenza. 
  • Un genitore di figli di età compresa tra i 14 e i 16 anni può anche rifiutare lo smartworking e richiedere la totale astensione dal lavoro, ma senza corresponsione di retribuzione o indennità né riconoscimento di contribuzione figurativa. Tuttava in caso di tale scelta non potrà essrevi licenziamento o demansionamento da parte del datore di lavoro.
  • Le relative domande di astensione dal lavoro devono essere presentate ai soli datori di lavoro e non all'Inps.

Come viene pagato?

Per i periodi di astensione fruiti è riconosciuta un'indennità pari al 50% della retribuzione o del reddito a seconda della categoria lavorativa di appartenenza del genitore richiedente il congedo e i periodi sono coperti da contribuzione figurativa.

Come accedervi?

Per beneficiare delle misure sopra elencate bisognerà rivolgersi all'INPS.

Come fare domanda?

La domanda per fruire del congedo parentale Covid deve essere presentata esclusivamente in modalità telematica, attraverso uno dei seguenti canali:

  • tramite il portale web dell'Istituto nell'ambito dei servizi "Maternità e congedo parentale lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata", con SPID di secondo livello, Carta di identità elettronica o Carta Nazionale dei Servizi;
  • tramite il Contact center integrato;
  • chiamando il numero verde 803.164;
  • tramite gli Istituti di Patronato.

Domande e risposte

Chi può richiedere il congedo parentale per Covid?

I genitori lavoratori dipendenti, per la cura dei figli conviventi minori di 14 anni, affetti da Covid-19, in quarantena da contatto o con attività didattica o educativa in presenza sospesa. I genitori di figli affetti da disabilità grave, senza limiti di età e indipendemente dalla convivenza.     

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli