Home Famiglia Soldi e lavoro

Dichiarazione dei redditi, agevolazioni per i figli

di Nostrofiglio Redazione - 18.05.2022 - Scrivici

bambina-e-soldi
Fonte: Shutterstock
Il fisco favorisce i contribuenti che hanno figli e familiari a carico. Questi aiuti si traducono in detrazioni e deduzioni da far valere con la dichiarazione dei redditi (Unico e 730)

Dichiarazione dei redditi: le detrazioni per i figli

Detrazioni figli a carico 2022

Dal 1°marzo 2022, a seguito dell'istituzione dell'Assegno Unico Universale per i figli a carico (AUUF) le detrazioni per figli a carico spettano esclusivamente se il figlio è di età pari o superiore a 21 anni.

E' stato istituito dal decreto legislativo n. 230 del 21 dicembre 2021, a decorrere dal 1° marzo 2022:

  • è una prestazione erogata mensilmente dall'INPS a tutti i nuclei familiari con figli di età inferiore a 21 anni che ne faranno richiesta mediante un'apposita domanda; l'erogazione avviene tramite bonifico sul conto corrente dei genitori;
  • spetta a tutti i nuclei familiari indipendentemente dalla condizione lavorativa dei genitori (non occupati, disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza, lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi e pensionati) e senza limiti di reddito;
  • ha un importo commisurato all'ISEE; tuttavia nel caso in cui non si volesse presentare un ISEE, è comunque possibile fare domanda e ottenere l'importo minimo per ciascun figlio.

Per poter percepire l'assegno unico a partire dal mese di marzo, gli aventi diritto hanno potuto presentare le domande già da gennaio 2022 tramite il sito dell'Inps, i patronati o il contact center dell'Inps.

L'assegno assorbirà fino al 31 dicembre 2022 le detrazioni fiscali per figli fino a 21 anni. Restano invariate le detrazioni delle spese sostenute per i familiari a carico: è possibile ancora oggi detrarre le spese sostenute per i figli a carico di qualsiasi età (istruzione, spese mediche e così via).

Non sono più riconosciute maggiorazioni in caso di disabilità del figlio, né se il numero di figli a carico è superiore a tre, mentre nulla cambia per il coniuge e per gli altri familiari a carico.

Non si ha più diritto, inoltre, all'ulteriore detrazione per famiglie numerose (presenza di almeno quattro figli).

Condizione imprescindibile per essere considerati fiscalmente a carico è il reddito complessivo conseguito dal familiare per il quale si chiedono le detrazioni. Il familiare non deve aver percepito nell'anno d'imposta redditi superiori a 2.840,51 euro, fatta eccezione per i figli di età non superiore a 24 anni per i quali il limite del reddito è elevato a 4.000 euro

I cittadini extra-comunitari residenti in Italia possono chiedere le detrazioni anche per familiari a carico residenti all'estero, sia attraverso il sostituto d'imposta sia con la dichiarazione dei redditi.

In questo articolo

Detrazioni spese sanitarie

Le spese mediche sono detraibili, quindi si potrà recuperare il 19% delle spese sostenute  che complessivamente superano la franchigia di 129,11 euro.

Per le spese sostenute a partire dal 2020, per ottenere la detrazione occorre pagare esclusivamente con mezzi di pagamento tracciabile (non sono ammessi i contanti), sono escluse da quest'obbligo solo le spese per farmaci, dispositivi medici e per prestazioni sanitarie rese da enti pubblici o convenzionati col SSN.

Le detrazioni per le spese mediche sostenute per il figlio spettano al genitore che lo dichiara a suo carico.

In caso di detrazione del figlio al 50% tra i genitori (le spese possono essere detratte anche in percentuali diverse), basta annotare sulla documentazione la ripartizione tra madre e padre. Allo stesso modo si può, quindi, decidere di farle detrarre interamente da uno solo dei coniugi. Questa scelta è particolarmente conveniente se uno dei due genitori non ha spese mediche da detrarre per sé: infatti, lasciando quelle sostenute per il figlio interamente all'altro genitore, si sconta la franchigia di 129,11 euro una sola volta.

Nelle spese sanitarie rientrano:

  • prestazioni chirurgiche,
  • visite mediche specialistiche,
  • protesi dentarie e sanitarie in genere,
  • occhiali,
  • spese per farmaci e analisi di laboratorio,
  • spese mediche generiche.

Spese sanitarie per disabili: 

  • acquisto di mezzi necessari all'accompagnamento, deambulazione, locomozione e al sollevamento disabili: poltrone, carrozzelle, arti artificiali, 
  • modifiche all'ascensore per il contenimento della carrozzella o costruzione di rampe per eliminare le barriere architettoniche

Veicoli per disabili

  • Acquisto di veicoli adatti alla guida e/o alla carrozzeria. E' possibile detrarre anche le spese sostenute per la manutenzione straordianaria del veicolo purchè effettuate entro i 4 anni dall'acquisto e in ogni caso entro il limite complessivo di 18.075,99 Euro.

Cane guida per non vedenti

  • Acquisto di cani addestrati alla guida dei soggetti non vedenti e una detrazione annua pari a 1000 euro relativa alle spese per il mantenimento del cane.

Interpretariato per sordomuti

  • Spese sostenute dai soggetti riconosciuti sordomuti, per i servizi di interpretariato

Spese per addetti all'assistenza personale

  • Spese sostenute per gli addetti alla propria assistenza personale, nell'ipotesi di non autosufficienza, ad esempio la badante. Il limite su cui applicare il 19% è 2.100 Euro con un reddito non superiore al 40000 Euro. 

Spese veterinarie

  • Spese sostenute per la cura di animali legalmente detenuti a scopo di compagnia o pratica sportiva. Il 19% è applicabile fino ad un massimo di euro 500

Spese di istruzione

Le spese relative all'istruzione si dividono in:

  • Spese non Universitarie: il limite su cui applicare il 19% è di Euro 800 per ogni studente. Si tratta di spese relative alla frequenza di scuole dell'infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado del sistema nazionale di istruzione. 
  • Spese Universitarie:il limite su cui applicarei l19% è al 10% per le università statali. Si tratta di spese sostenute per la frequenza di corsi di laurea presso università statali e nn statali, di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria tenuti presso università o isituti universitari pubblici o privati, italiani o stranieri.Il limite per le Università non statali è determinato ogni anno con decreto del Ministero dell'Istruzione. 

Retta asili nido

Sono le spese sostenute dai genitori per la retta di frequenza di asili nidi pubblici e privati. Il 19% è applicabile su una spesa di 632 Euro per figlio. 

Attività sportive dei ragazzi ( 5-18 anni)

Queste spese comprendono le iscrizioni annuali o gli abbonamenti ad associazioni sportive, palestre, piscine e altre strutture ed impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica, per i ragazzi. Il 19% di detrazione è applicabile su una cifra di 210 euro per figlio. 

Erogazioni a favore di istituti scolastici

La detrazione del 19% è prevista al 100% su spese finalizzate all'innovazione tecnologica, all'edilizia scolastica e all'ampliamento dell'offerta formativa.

Riscatto anni di Laurea familiari a carico

I contributi versati ai fini del riscatto degli anni di laurea sono detraibili qualora siano stati versati dai familiari di cui il soggetto interessato è a carica, sono deducibili qualora siano stati versati direttamente dal soggetto interessato. Il 19% è applicabile al 100%.

Spese per Dsa

Il 19% è applicabile al 100% per le spese sostenute per l'acquisto di strumenti compensativi e sussidi tecnici informatici necessari all'apprendimento in favore di minori o maggiorenni con disturbo specifico dell'apprendimento (Dsa) sino al completamento della scuola secondaria di secondo grado. 

Bonus musica

Sono spese relative al 2021 per contribuenti con reddito complessivo non superiore a 36.000 euro per iscrizione annulae e l'abbonamento dei ragazzi di età 5-18 a conservatori di musica, a istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica, scuole di musica, cori e bande. Il 19% è applicabile su un masismo di 1000 Euro.

Trasporto pubblico

Su un totale di 250 Euro è applicabile il 19% per le spese relativo all'acquisto di abbonamneti al servizio di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, che ocnsentono di effettuare un numero illimitato di viaggi, per più giorni, su un determinato percorso o sull'intera rete, in un periodo di tempo specificato.

Per maggiori informazioni è consigliabile rivolgersi ai centri di assistenza fiscale della propria zona (CAF)

Aggiornato il 24.04.2009

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli