maternità

Tempo con i figli, la presenza costante della madre non è sinonimo di “successo”

Di Emanuela Mei
c8481f
21 Aprile 2015
Uno studio americano ridimensiona l'annosa questione della qualità o della quantità del tempo trascorso con i figli che mette in conflitto le mamme e i diversi modi di crescere i propri bambini. Ma la verità è che trovare un equilibrio non è affatto facile. 
Facebook Twitter Google Plus More

Dedichiamo abbastanza tempo ai nostri figli? E' uno dei dilemmi che preoccupano maggiormente i genitori e soprattutto le mamme che lavorano. Il senso di colpa, quando ci si barcamena tra l'ufficio e la gestione della casa, è spesso lacerante perché l'idea dominante è quella che uno sviluppo sano e felice dei bambini sia strettamente legato al tempo che la famiglia investe su di loro e che in particolare la figura materna, sia insostituibile. Potrebbe interessarti l'articolo Lascio il lavoro per i figli, è la scelta giusta?

 

Niente di più scorretto, secondo uno studio americano pubblicato sul Journal of marriage and family, secondo il quale la qualità di tempo speso in famiglia ha poca o nessuna influenza sugli esiti della vita futura dei nostri figli, vale a dire il loro benessere emotivo, il loro comportamento, il rendimento scolastico e i risultati accademici. Potrebbe interessarti anche l'articolo 5 falsi miti sulle mamme che lavorano

 

Lo studio, condotto da tre studiose di sociologia, ha cercato di misurare il legame specifico tra le ore passate dalle madri in casa e la vita futura dei figli. Il risultato smentisce il luogo comune che la presenza costante della mamma sia necessaria al loro "successo". I ricercatori hanno preso in considerazione i dati ricavati da uno studio che va avanti dal 1968 negli Stati Uniti e che coinvolge le famiglie partecipanti con la scrittura di diari e la compilazione due volte a settimana di questionari riguardanti i comportamenti e le attività dei bambini. 

 

Sono state analizzate oltre 3.500 famiglie che nel 1997 avevano almeno un figlio da 3 a 11 anni o un adolescente tra gli 11 e i 14, e le stesse osservazioni sono state ripetute a cinque anni di distanza, nel 2002. I ricercatori hanno analizzato il tempo passato dalla madre con i figli, diversificando tra quello in cui la mamma era semplicemente in casa ma occupata nelle sue attività, e il tempo in cui faceva qualcosa di specifico con i bambini.

 

Il risultato è stato che la quantità di tempo passata con i figli non ha inciso in nessun modo sul loro “successo” futuro: su una ventina di indicatori considerati, dai voti a scuola al benessere emotivo, non ce n’è uno che sia in relazione diretta con il tempo investito dalla madre. Anzi, se la madre è particolarmente stressata o ansiosa, il tempo trascorso con i figli diventa addirittura “dannoso” per loro. E questo vale soprattutto per i bambini più piccoli, dai 3 agli 11 anni. 

 

Diverso invece l'esito riguardante gli adolescenti per i quali, dal maggior tempo passato con la madre deriverebbero comportamenti più “sani” e “responsabili”. Secondo lo studio, infatti, i bambini tra gli 11 e i 14 anni che trascorrono più tempo con la famiglia tendono ad evitare in futuro l’abuso di alcol e  droghe o ad avere altri comportamenti devianti, e registrano migliori risultati scolastici. 

 

Quale sia davvero la strada giusta da seguire nell'educazione dei propri figli è difficile dirlo. Quello del genitore, altrimenti, non sarebbe il mestiere più difficile del mondo. 

 

Leggi anche la storia di mammenellarete Tornare al lavoro con un bimbo di quattro mesi

Dell'argomento maternità e lavoro si parla anche nel forum

Potrebbe interessarti la galleria fotografica Perché fare la mamma vale più di un Master