Zoosafari

I 10 zoo più belli in Italia

zoo
21 Maggio 2014 | Aggiornato il 16 Luglio 2019
Con la bella stagione si può programmare una gita fuori porta per portare i bambini in un’oasi naturalistica o in uno zoo safari, per conoscere dal vivo animali che hanno visto sui libri o in televisione. Ecco alcuni tra i parchi zoologici più grandi e belli d'Italia.
Facebook Twitter More
  1. Fasano (BR)
  2. Parco natura viva (VR)
  3. Pompia (NO)
  4. Le Cornelle (BG)
  5. Parco della preistoria (MI)
  6. Safari di Ravenna (RA)
  7. Parco zoo la Rupe (PE)
  8. Parco zoo la Falconara (AN)
  9. Città della domenica (PG)
  10. Alpenzoo di Innsbruck (Austria)

Con la bella stagione si può programmare una gita fuori porta per portare i bambini in un’oasi naturalistica o in uno zoo safari, per conoscere dal vivo animali che hanno visto sui libri o in televisione.

Ricordando che i parchi zoologici non sono soltanto spazi dove l’uomo può divertirsi ad ammirare gli animali, ma diventano sempre più luoghi in cui l’impegno principale è quello di proteggere dall’estinzione alcune specie e altre meno rare ma altrettanto importanti. Luoghi dove imparare anche il rispetto per il mondo animali e per la natura.

 

1) Fasano, il più grande d’Italia

Ci piace perché... Si trova a Fasano (BR) il più grande parco faunistico italiano, tra i più completi d'Europa. I suoi 140 ettari ospitano circa 1700 esemplari di 200 specie diverse, distribuiti in numerosi settori tematici, dal “Safari”, un circuito di circa 3 km tra gli ulivi dove osservare gli animali in libertà (leoni, tigri, elefanti, giraffe, zebre, antilopi e molti altri) a bordo della propria auto o di trenini attrezzati, alla “Sala tropicale”, una tensostruttura di 700 mq interamente dedicata a rettili, pesci e invertebrati. Il parco offre anche aree pedonali immerse nel verde per l’osservazione dei Primati e divertenti percorsi con i trenini alla scoperta del “Villaggio delle Scimmie” e del “Lago dei Grandi Mammiferi” con rinoceronti, ippopotami e orsi polari.

Ogni anno lo Zoosafari offre ai visitatori novità in ambito faunistico, scientifico e ludico.

Da menzionare anche gli aspetti didattici di vari musei e del Percorso Botanico nel bosco, oltre alle visite guidate nel Safari ed alle lezioni zoologiche nel Polo Didattico, costituito dalla Piccola Fattoria, dalla Sala Madagascar e dal Centro Salvaguardia Testuggini Europee.

Info: www.zoosafari.it

 

2) Parco Natura Viva, tutela della biodiversità

Ci piace perché... Il Parco Natura Viva di Bussolengo (VR), a due passi dal lago di Garda, è uno dei principali centri per la conservazione delle specie animali in pericolo di estinzione. Qui vivono oltre 250 specie animali e circa 2000 esemplari suddivisi in tre grandi aree. A bordo del proprio veicolo si può esplorare il parco safari per scoprire gli abitanti della savana: gnu, antilopi, zebre, giraffe, leoni, ghepardi e iene sono soltanto alcune delle varie specie che vivono in libertà. In un bosco di querce invece è inserito il parco faunistico in cui vivono caprette e altri animali della fattoria, lupi, linci ma anche le renne di Babbo Natale. Nell’Extinction Park infine, si può ripercorrere la storia della vita attraverso ricostruzioni a grandezza naturale dei più spettacolari animali, ora estinti per sempre, che popolarono la Terra prima di noi.

Info: www.parconaturaviva.it

 

3) Pombia, non solo tigri

Ci piace perché... Il Safari Park di Pombia (No) si divide in un’area faunistica che ospita animali che vivono in libertà da osservare a bordo dei propri veicoli o dei trenini del parco, fra cui lemuri, ghepardi, zebre e specie a rischio di estinzione come rinoceronti bianchi e tigri siberiane che però qui si sono riprodotte con successo. Inoltre è possibile ammirare squali, piranha e murene che nuotano nelle 20 vasche dell’acquario, i serpenti del rettilario e le meravigliose farfalle nella riserva degli insetti giganti. Infine si può assistere a dimostrazioni di volo e abilità come quelle dei pappagalli e dei rapaci nella fortezza del falco e a spettacoli dal vivo con cavalli danzanti e gauchos argentini.

Info: www.safaripark.it

 

 

 
 

4) Le Cornelle, tante specie protette

Ci piace perché... Il Parco Le Cornelle di Valbrembo (BG) è un luogo dove il progetto di salvaguardare specie rare e in via d’estinzione è stato raggiunto con successo: molti sono infatti i cuccioli nati qui dalle specie rare qui ospitate. Negli oltre 100.000 mq, dove si entra solo a piedi, vivono circa 120 specie di animali come il casuario, la gru della Manciuria, il leopardo delle nevi o la tigre bianca, oggi completamente estinta in natura il cui mantello si manifesta grazie alla combinazione di caratteri recessivi. Il parco è aperto tutto l’anno e propone interessanti itinerari guidati per scuole di tutte le fasce d’età.

Info: www.lecornelle.it

 

 

5) Parco della preistoria, a tu per tu con i dinosauri

Ci piace perché... Un Jurassic Park a 25 km da Milano. Il parco della preistoria di Rivolta d’Adda (MI) è un percorso naturalistico di oltre 100 ettari dove si possono ammirare da vicino 27 ricostruzioni a grandezza naturale di animali della preistoria, tra i quali il Saltriosauro, il più grande dinosauro carnivoro italiano lungo circa 8 metri. Nel parco ci sono anche tanti animali in libertà tra cui piccoli mammiferi come conigli selvatici, scoiattoli, ghiri, volpi, tassi, ricci, ma anche pavoni, cerbiatti e innumerevoli specie di insetti e uccelli, inoltre anfibi come rane, rospi, salamandre, rettili e lucertole. Un percorso da esplorare con visita guidata, a piedi o in bicicletta.

Info: www.parcodellapreistoria.it

 

6) Ravenna, in treno fra le scimmie

Ci piace perché... Il Safari di Ravenna, in località Mirabilandia, è un percorso di 4 km a bordo della propria auto o del trenino che permette di vedere gli animali da vicino senza barriere. Nei circa 35 ettari di terreno si possono incontrare esemplari di leoni, tigri, ippopotami, giraffe, zebre, bisonti, cammelli, struzzi, lama, antilopi e tante altre specie. Molto divertente da esplorare anche l’Isola dei Babbuini: un ambiente creato ad hoc per queste scimmie, in cui si può entrare a bordo del trenino a rotaia per essere letteralmente immersi nel loro mondo, ma in totale sicurezza. Tutti gli animali si muovono in libertà negli ampi spazi del parco, liberi di avvicinarsi ai visitatori e di vivere in sicurezza e benessere grazie alle cure e attenzioni dei rangers e alla loro abitudine alla presenza umana. Oltre allo zoo safari c’è la fattoria didattica, un’area con spazi recintati in cui è possibile camminare a piedi tra gli animali autoctoni più comuni, come mucche, pecore, capre, galline, pony e cavalli, ma anche bellissimi esemplari di tartarughe leopardo provenienti dall’Etiopia o di capre tibetane.

Info: www.safariravenna.it

 

 

 

7) Parco Zoo La Rupe, orsi dell’Appennino e molto altro

Ci piace perché... A circa 30 km da Pescara, il Parco Zoo La Rupe di Civitella Casanova è nato per creare un ambiente dove allevare e conservare sia gli animali tipici della zona appenninica a rischio come orsi, lupi, linci, sia specie esotiche come tigri, leopardi, scimmie, leoni, yak, mufloni, orsetti lavatori, canguri, bertucce, istrici e struzzi. Qui infatti si possono osservare, dalle 9 al tramonto, mammiferi e uccelli delle più disparate tipologie e provenienza in un ambiente naturale ricco di elementi floreali tipici della zona. La visita non riguarda solo gli animali, ma anche il mondo vegetale con oltre 200 specie arboree e il mondo minerale con antichi fossili, pietre rare e conchiglie. Ai più piccoli è possibile partecipare a laboratori didattici divisi per temi e per età.

Info: www.parcolarupe.it

 

 

8) Parco Zoo La Falconara, nuovi cuccioli

Ci piace perché... Nato come struttura chiusa, il Parco Zoo La Falconara che si estende per circa 60mila mq su una collina di Falconara Marittina (An), si è in seguito dedicato alla creazione di ambienti per la salvaguardia di specie in pericolo di estinzione che qui si sono recentemente riprodotte, come i 3 cuccioli di leone nati di recente. Passeggiando per il parco infatti, si incontra l’area dei ghepardi con la piramide trasparente che consente un originale punto di osservazione, le scimmie ragno e puma, tigri, giraffe, leoni, lemuri, capibara, gibboni dalle mani bianche e tanti altri animali tra cui anfibi come la rana pomodoro e la rana verde minore. Intorno al laghetto vivono anche molte specie di volatili, dalla cicogna nera all’avvoltoio collorosso, dal fenicottero rosa alloca egiziana. Da non perdere il rettilario con iguane, pitoni, testuggini e gechi.

Info: www.parcozoofalconara.com

 

 

9) Città della domenica, tra gli asini bianchi

Ci piace perché… Animali esotici, fattoria di campagna e parco di divertimenti. Tutto questo è la Città della Domenica, un parco di oltre 45 ettari alle porte di Perugia, da visitare a piedi o a bordo dello stoico trenino per raggiungere le varie attrazioni: la fattoria dove i bambini possono mungere le mucche, il villaggio di Pinocchio, il Far West, il Canyon, mentre lungo i viali si possono incontrare daini, mufloni e scoiattoli, oltre a specie protette come asini bianchi, canguri, renne, struzzi, yak, oltre ai simpatici “marà”, le lepri della Patagonia.

Info: www.cittadelladomenica.it

 

 

 

10) Innsbruck, solo animali alpini

Ci piace perché... L’Alpenzoo di Innsbruck (Austria) non solo è il più alto d’Europa (750 m), ma su un’estensione di poco più di 4 ettari ospita circa 2000 animali che rappresentano 150 specie alpine in spazi che riproducono fedelmente i diversi habitat originari. Si possono ammirare circa 20 delle 80 specie di mammiferi presenti sulle Alpi (orsi bruni, alci, lepri bianche, linci, camosci, castori, cinghiali, bisonti, lupi), 60 delle 200 specie di uccelli alpini (aquile reali, gipeti, corvi imperiali, gufi, civette, cicogne nere, civette nane, ecc.), 11 delle 15 specie di rettili e quasi tutte le specie di pesci.

Info: www.alpenzoo.at, www.innsbruck.info