Estate con i bimbi

Sicurezza in acqua, 10 regole d'oro

Di Sara De Giorgi
marebimbi
29 Luglio 2019
Come bisogna comportarsi al mare o in piscina con i bambini? "Acquaticità e sicurezza 0-12 anni. Dai primi bagnetti alla prima scoperta del mare" è il nome della campagna di sensibilizzazione di "Acquatic Education", patrocinata dal ministero della salute, la quale identifica 10 consigli importanti per le mamme e i papà.
Facebook Twitter Google Plus More

È arrivata l'estate e, con essa, il momento giusto per portare al mare o in piscina i bambini. In questi casi è bene rilassarsi, ma occorre comunque sempre vigilare sui più piccoli. Detto questo, come devono comportarsi esattamente i genitori al mare o in piscina?

La campagna di sensibilizzazione "Acquaticità e sicurezza 0-12 anni. Dai primi bagnetti alla prima scoperta del mare" di "Acquatic Education", patrocinata dal Ministero della Salute, ha stilato un elenco di 10 consigli che il bravo genitore deve seguire. Ecco quali sono.

 

  1. Educa i tuoi figli ad una buona acquaticità, dai primi bagnetti alla prima scoperta del mare: se non sai come affrontare con sicurezza l’ambiente acquatico informati e apprendi.
  2. Ricorda che ogni bambino ha i suoi tempi. Stimola la sua acquaticità rispettando i loro tempi di apprendimento. La comunicazione, il gioco e la prudenza sono alla base di tutto.
  3. Ricorda che la confidenza dell’acqua sul viso va stimolata con specifiche procedure e che la corretta respirazione in acqua è il vero ABC dell’ambiente acquatico.
  4. Tieni sempre a vista i bambini nelle piscine, nei parchi acquatici e nei tratti di mare, anche se sono sorvegliati dai bagnini. Tienili a vista anche quando hanno i braccioli o altri ausili per il galleggiamento!
  5. Non togliere i braccioli o un bracciolo per vedere se stanno a galla, sgonfiali gradualmente e verifica la loro dinamicità ed il loro galleggiamento.
  6. In acqua con i tuoi bambini gioca, divertiti, ma valuta sempre le tue e le sue capacità natatorie. Inoltre rispetta e fai rispettare ai tuoi figli i divieti di balneazione.
  7. La maggior parte di laghi e dei fiumi non è balneabile: In acque torbide e prive di sorveglianza evitate la balneazione anche se siete nuotatori esperti. Ogni azione genera una conseguenza: non avere comportamenti eccessivi e sii un genitore prudente.
  8. Ricordati che l’apnea è pericolosa anche in un metro d’acqua! Fai ammirare i fondali ai tuoi bambini, ma al primo bisogno di respirare digli di riemergere. Nell’apnea utilizza sempre il sistema di coppia: uno in superficie e l’altro si immerge. E utilizza sempre il pallone segnasub!
  9. Attenti a dove vi tuffate! Il fondo deve essere libero e la profondità deve essere adatta ad evitare incidenti. Inoltre rispetta l’ambiente acquatico marino: guardare e non toccare. Alcune specie possono essere pericolose!
  10. In barca o sul gommone prendi visione delle norme. Indossa e fai indossare il giubbetto salvagente ai bambini. Se avvisti una boa con una bandierina stai almeno a 100m di distanza, significa che c’è un subacqueo in immersione.

Altre info: www.educazioneacquatica.it

Leggi anche: Corsi di acquaticità, Al mare senza paura, Un tuffo in piscina, e lo Speciale sullo sport

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: