IN SPIAGGIA

Perché giocare con la sabbia fa bene ai bambini

Di Alice Dutto
ipa_almdacy95
02 Agosto 2018
Un materiale “magico” capace di stimolare la creatività, la manualità e i sensi del bambino, migliorandone la concentrazione e aiutandoli a rilassarsi
Facebook Twitter Google Plus More

Giocare con la sabbia è bello, divertente e importante per lo sviluppo psicofisico del bambino. «È un materiale fantastico perché stimola la creatività, la motricità fine e i sensi del piccolo, dal tatto all'olfatto» spiega Elisabetta Rossini, pedagogista titolare dello Studio di consulenza familiare Rossini-Urso e co-autrice del libro “I bambini devono fare i bambini”.


UN MATERIALE “MAGICO”

Le vacanze al mare sono un'occasione unica per osservare i bambini mentre scoprono questo materiale naturale. «Il consiglio per i genitori è quello di non intervenire e rilassarsi, lasciando che i piccoli si divertano da soli a manipolare la sabbia. Non è necessario proporgli giochi troppo strutturati: spesso a loro basta passarsi i granellini da una mano all'altra, strofinarli sulle gambe, prenderli e lasciarli cadere. Azioni che a noi possono sembrare banali ma che per loro sono nuove e stupefacenti».

La caratteristica principale della sabbia è infatti quella di trasformarsi: è chiara, leggera e asciutta al sole; compatta, scura e pesante se bagnata. «Per i bambini è magia allo stato puro; un prodigio che li affascina e di cui si sentono protagonisti, perché pensano di essere loro ad avere il potere di cambiare questo materiale».

I BENEFICI DEL GIOCO CON LA SABBIA

Tanti sono i benefici della manipolazione della sabbia: dallo sviluppo delle abilità cognitive e fisiche, alla capacità di socializzazione quando giocano con altri bambini.

Ha anche proprietà terapeutiche alla base della SandPlay Therapy, una tecnica della psicologia analitica che, nonostante l'apparente semplicità, può essere applicata solo nello studio di uno psicoterapeuta con un diploma specialistico specifico. Dunque «non improvvisatevi terapeuti ed evitate di interpretare ciò che fanno i bambini con la sabbia: lasciate che giochino liberamente e approfittatene per rilassarvi».
 

Ecco alcuni degli effetti positivi del gioco con la sabbia:


1. Stimola la creatività


Con la sabbia i bimbi possono creare mondi immaginari fantastici costruendo castelli, buche, disegni e tutto ciò che gli suggerisce la fantasia. Ma possono anche solo semplicemente passare il tempo a strofinarsela sulle gambe. «Lo stimolo è dato dalla natura stessa del materiale».

2. Potenzia lo sviluppo fisico


A ogni età la sabbia migliora la manualità dei bambini: «osservate quelli più piccoli, che hanno appena imparato a usare la presa a pinza, e vedrete che per loro il gioco più divertente sarà quello di cercare di prendere i singoli granelli di sabbia potenziando così la mobilità fine e la coordinazione occhio-mano».

Quando crescono poi scavare, versare, raccogliere la sabbia con la paletta e metterla nei secchielli, aumenterà la forza della loro muscolatura, soprattutto quella delle mani.

3. Esercita i cinque sensi


«Toccare la sabbia è un'esperienza tattile molto importante per i piccoli proprio perché è un materiale che si presta alle trasformazioni. Fategli manipolare la sabbia asciutta e poi bagnatela con dell'acqua per fargli provare la differenza. Anche a livello visivo, olfattivo e uditivo questo materiale offre esperienze molto differenti».

I bambini cercheranno di sperimentare anche il senso del gusto: «soprattutto i più piccoli, che conoscono il mondo attraverso la bocca. Cercate di spiegargli che non devono mettere la sabbia in bocca, ma se succedesse non spaventatevi. I bambini sperimentano, ma se l'esperienza non dà loro soddisfazione non ripetono l'azione».
 


4. Allena le abilità grafiche


In età prescolare, giocare a fare disegni nella sabbia con le dita o con altri materiali (ad esempio dei bastoncini di legno) sviluppa le competenze grafiche e di prescrittura.

5. Migliora la concentrazione e rilassa


Questo materiale affascina e rapisce l'attenzione dei piccoli, facendoli concentrare sul gioco. «A seconda dell'età, possono essere in grado di rimanere a manipolarla anche per molto tempo; un'attività che tra l'altro ha un potere rilassante e calmante, ideale da fare prima di metterli a nanna».

GIOCHI DA FARE IN SPIAGGIA CON LA SABBIA


Nelle carte “52 cose da fare sulla spiaggia” di Lynn Gordon (Magazzini Salani) abbiamo trovato una serie di giochi divertenti da proporre ai bimbi al mare.

1. Atlantide di sabbia


Inventate una civiltà preistorica e createne le rovine sulla spiaggia. Le civiltà del passato hanno lasciato tante tracce, dalle piramidi a Stonehenge: che tipo di civiltà preistorica è la vostra? Di che forma sono le case, i templi e le sculture? Usando sabbia e pezzetti di legno create il vostro mondo antico e poi immaginate come mai sia sparito.

2. Ritratti nella sabbia


Fate un ritratto a grandezza naturale disegnandolo nella sabbia. A turno “posate” sdraiandovi sulla sabbia, mentre un'altra persona traccia il vostro profilo con un bastoncino. Poi decorate la figura con legnetti, conchiglie, sassolini e tutto ciò che ispira la vostra fantasia!

3. Mondo sabbioso


Sfidate gli amichetti a indovinare quale strana creatura si aggira per la spiaggia inventando impronte misteriose. Come sarebbero quelle di una creatura a tre gambe un po' zoppa? O di una lucertola saltellante con sette dita? La creatura uscita dal mare saltava o ha spiccato il volo? Ha dei piccoli? Inventate una bella storia e non dimenticate le foto delle prove.

«Il gioco delle impronte è molto divertente anche per i bambini più piccoli - riprende Elisabetta Rossini - metteteli sul bagnasciuga e fategli fare un calco della mano o del piedino, che sparirà con l'arrivo delle onde. Come nel gioco del cucù, il piccolo sperimenterà un piccolo disagio nel vedere che ciò che ha creato svanisce, ma si rassicurerà quando vedrà che, ricalcando la mano sulla sabbia, l'impronta si riforma».

 


4. Sepoltura misteriosa


A turno, ogni giocatore seppellisce un oggetto nella sabbia. Gli altri devono indovinare di che cosa si tratta. Cominciate a porre domande. Per ogni risposta affermativa, togliete una manciata di sabbia. Vince il primo che indovina o che riporta in superficie l'oggetto.

5. Sabbiature


Create dei capolavori con la sabbia disegnando un'immagine con la colla sopra un foglio di carta resistente (meglio se di colore scuro). Prima che la colla sia asciutta, spargete una manciata di sabbia sul disegno. Dopo qualche istante capovolgete la carta per eliminare l'eccesso di sabbia e il vostro disegno emergerà come per magia.