Nostrofiglio

Vacanze

Viaggiare in aereo con bambini piccoli

neonato-aereo

21 Maggio 2013 | Aggiornato il 26 Giugno 2017
Viaggiare in aereo con un bambino piccolo: si può senza problemi. L’unica accortezza è dargli qualcosa da succhiare al momento di decollo e atterraggio.

Facebook Twitter Google Plus More

Prendere o non prendere un aereo con un neonato? Quali sono le regole in volo? E durante il decollo e l'atterraggio, che cosa fare per la repentina variazione di quota? 

Pressurizzazione in aereo? No problem.

 

Anche i neonati possono andare in aereo, sin dalle prime settimane di vita. La pressurizzazione comporta una diminuzione della pressione atmosferica all’interno della cabina fino a regolarsi a quella che ci sarebbe ad una quota di circa 2000 metri. “Ma si tratta di una variazione alla quale l’organismo di un neonato sano può adattarsi senza difficoltà e senza rischi” evidenzia Costantino Romagnoli, ordinario di Neonatologia dell’Università Cattolica S. Cuore di Roma, Direttore di Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico Gemelli e Presidente della Societa' Italiana di Neonatologia.

Tempo fa si era ipotizzato che la pressurizzazione potrebbe comportare problemi di ipossia (cioè riduzione dei livelli di ossigeno nel sangue): “è un rischio che potrebbe presentarsi per alcune cardiopatie congenite, ma non si pone assolutamente per i neonati sani e probabilmente neppure per i pretermine.” Leggi anche: i documenti per viaggiare all'estero

Decollo e atterraggio? Date il ciuccio al bambino!

 

Il maggior timore delle mamme è che al momento del decollo e dell’atterraggio il bambino possa aver dolore alle orecchie, legato alla repentina variazione di quota. “Quando la quota cambia in breve tempo, per reazione le trombe di Eustachio (i condotti che collegano la faringe con l’orecchio medio) automaticamente si chiudono, in modo da mantenere costante la pressione all’interno dell’orecchio” spiega il prof. Romagnoli. “Per farle riaprire, ad un adulto è sufficiente deglutire o sbadigliare.

I neonati non sanno mettere in atto questi meccanismi in modo spontaneo, ma per indurli a deglutire basta dargli qualcosa da succhiare, che può essere un ciuccio o un po’ d’acqua nel biberon; se è allattato al seno, lo si può attaccare per qualche minuto, oppure, se è più grandicello, fargli soffiare il naso. Sono accortezze da mettere in atto solo durante il decollo e l’atterraggio, perché, una volta raggiunta la quota, l’orecchio si adatta da sé e non è necessaria più alcuna precauzione”.

Le regole in volo

 

In genere i neonati stanno in braccio alla mamma per tutta la durata del volo: in fase di decollo ed atterraggio è la mamma che allaccia le cinture, tenendo il bimbo tra le braccia. Se le viene più comodo, può metterlo nel marsupio o nella fascia porta bebè. Se il viaggio è piuttosto lungo, basta chiedere alle compagnie aeree quali sono le possibili soluzioni offerte: per i più piccoli c’è il baby cot, una culletta per neonati fino a 6 mesi (simile alla navicella della carrozzina), mentre fino ai 2 anni c’è l’infant seat, un seggiolino da fissare al sedile. Alcune compagnie aeree consentono di portare il proprio seggiolino per auto, se rispetta certi requisiti. Si tenga presente però che in genere, se il piccolo occupa un posto a sedere, è necessario acquistare un biglietto a parte.

Ti potrebbero interessare anche gli altri articoli sul tema vacanze in famiglia e in aereo in gravidanza.