Home Feste Carnevale

Che cosa è il Carnevale ambrosiano

di Luisa Perego - 23.02.2023 - Scrivici

carnevale
Fonte: shutterstock
Quando e dove si festeggia il Carnevale ambrosiano, quali sono le maschere tradizionali e quando è la data per il 2023

In questo articolo

Se in tutta Italia con il mercoledì delle Ceneri inizia la Quaresima, a Milano e per alcune zone che erano sotto alla diocesi di Milano, i festeggiamenti si protraggono fino al sabato che precede la prima domenica di Quaresima (quindi il 26 febbraio 2023). Come mai questa differenza?

Scopriamo che cosa è il Carnevale ambrosiamo, perché si festeggia, quando si festeggia e dove ricorre.

Quando è Carnevale nel 2023

Carnevale, come anche Pasqua, cade ogni anno in una data differente. Per sapere quando sarà Carnevale, bisogna partire dalla data della domenica di Pasqua.

Pasqua è una cosiddetta "festa mobile", cioè non cade mai nella stessa data quindi ogni anno è necessario sfogliare agende e calendari per sapere quando verrà celebrata. L'unica certezza intorno alla data riguarda il giorno della settimana e il periodo dell'anno: è sempre di domenica e questa domenica è sempre compresa tra il 22 marzo e il 25 aprile. E cade sempre la domenica dopo il primo plenilunio (luna piena) di primavera. Si parla di Pasqua bassa se cade entro l'otto aprile, di Pasqua alta se cade dopo.

Quest'anno Pasqua cadrà domenica 9 aprile.

Partendo dalla Pasqua si sottraggono sei settimane: le prime cinque sono di Quaresima (che dura 40 giorni), la sesta è Carnevale.

Quindi nel 2023, il 16 febbraio sarà giovedì grasso, il 21 febbraio martedì grasso e mercoledì 22 febbraio, mercoledì delle Ceneri, giorno che fa iniziare la Quaresima.

Date del Carnevale 2023:

  • giovedì grasso: 16 febbraio
  • martedì grasso: 21 febbraio
  • mercoledì delle Ceneri: 22 febbraio
  • ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano: sabato 25 febbraio

Dove si festeggia il Carnevale ambrosiano

Il Carnevale ambrosiano si festeggia a Milano e in alcune diocesi vicine. 

Si tratta di molti comuni che fanno attualmente parte dell'arcidiocesi di Milano (province di Milano, Monza, Lecco, Varese e una parte della provincia di Como) e di alcune zone che un tempo ne facevano parte, come alcune località della provincia di Bergamo.

Non solo loro, anche altre possono scegliere di seguire il rito ambrosiano.

Come si festeggia a Milano

Sfilate, carri allegorici e i più importanti eventi legati al Carnevale hanno luogo generalmente il sabato, il giorno del cosiddetto Carnevalone, che segna definitivamente la chiusura del periodo di Carnevale.  

Perché il Carnevale ambrosiano termina dopo

Secondo al tradizione, questa usanza è nata da una richiesta di Sant'Ambriogio, in pellegrinaggio lontano da Milano abbia fatto richiesta alla popolazione di attendere il proprio rientro per poter dare inizio alle celebrazioni della Quaresima.  

Quindi ancora oggi il rito delle Ceneri si celebra la prima domenica di Quaresima, come avveniva anticamente e il Carnevale viene spostato al sabato dopo al mercoledì delle ceneri.

Le maschere tipiche

Ma quali sarebbero le maschere tipiche del Carnevale ambrosiano?

Ne abbiamo due:

  • Meneghino
  • Cecca

Meneghino era un servo che si burlava dei nobili e che sceglieva sempre di trovarsi accanto al popolo quando c'era da ribellarsi. Il suo costume consiste in una lunga giacca di colore marrone, pantaloni corti, calze a righe bianche e rosse, una parrucca con codino e un cappello a tre punte. E' molto goloso, ama mangiare, soprattutto il panettone, e si vanta spesso del so Domm, il suo Duomo.

Il suo nome è in realtà Domenico, il cui diminutivo è Domeneghin (poi trasformato in Meneghin ).

Cecca è la moglie di Meneghino, o sciura Cecca. Cecca è il diminutivo di Francesca. La sua maschera tipica ha tanti nastrini 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli