Home Feste

L'estate sta finendo, un anno se ne va

di Mimmo Mollica - 02.09.2021 - Scrivici

neonato-estate
Fonte: shutterstock
La fine dell'estate e il rientro dalla vacanze sono momenti davvero stressanti e si torna alla normalità. E allora proviamo a tingere di buonumore questo momento carico di nostalgia, con un po' di ironia e l'aiuto di qualche canzone, di Mafalda e di grandi scrittori.

La fine dell'estate e il rientro dalla vacanze sono momenti davvero stressanti, che sembrano arrivare sempre prima del previsto. Finite le ferie si torna alla normalità, alle abitudini quotidiane per un po' dimenticate. L'estate è la stagione della passione e del sole, ma ecco che adesso ci vuole quel sorriso che forse manca. E allora proviamo a tingere di buonumore questo momento carico di nostalgia, con un po' di ironia e l'aiuto di qualche canzone, di Mafalda e di grandi scrittori.

L'estate sta finendo e un anno se ne va / sto diventando grande / lo sai che non mi va. / In spiaggia di ombrelloni non ce ne sono più… 

L'estate, l'estate…  "Non c'è che una stagione: l'estate. Tanto bella che le altre le girano attorno", scrive Ennio Flaiano, grande umorista e critico cinematografico. Come se l'estate fosse la Terra e le altre stagioni satelliti che come la Luna le ruotano attorno.

"Siamo fatti di sale / Di sole, di sabbia e di mare", cantano Thegiornalisti.

- "Cosa fai questa estate?"

 - Quello che faccio ogni anno. Tiro in dentro la pancia. Devo cambiare crema dimagrante, quella pasticcera non funziona", sospira Mafalda, candida e disarmante.

Ed aggiunge: - "Tutti a preoccuparsi della prova costume di agosto, nessuno che si preoccupi della prova cervello per gli altri 11 mesi".

- "Sapete mica se la prova costume si può fare anche scritta? Se Dio ci avesse voluti tutti magri e snelli si sarebbe limitato a creare solo sedani e finocchi".

L'estate e l'isola deserta

- "Perché la mia non è proprio stanchezza, è più bisogno di un anno su un'isola deserta, accanto a un chiosco di gelati". É ancora Mafalda.

William Shakespeare, il più importante scrittore inglese, ritiene che "se uno passasse un anno intero in vacanza, divertirsi sarebbe stressante come lavorare".

E più modestamente Zziagenio78 (Daniele Villa), molto simpaticamente scrive su Twitter: "Domani 32 Agosto sarà la Giornata Mondiale di chi non si rassegna alla fine dell'estate".

Cosa davvero non facile. È la fine delle vacanze, è come il lunedì della settimana.

- "È ora di chiudere le storie estive. Addio melone e prosciutto, addio insalata di riso. Vi ho amato tanto", sospira disarmante Mafalda.

Cavolo, domani è lunedì

 Il primo giorno di settembre è il lunedì mattina dell'anno.

"La domenica è una tragedia, / non riesco ad andare a dormire. / Il lunedì mi fa male / dalla scuola elementare. / Non c'è rimedio logico alla tristezza / e la libertà non mi dà gioia a volte, / ma solo insicurezza" – cantano Thegiornalisti.

Secondo Mafalda "si chiama domenica fino alle 17, poi si chiama «cavolo domani è lunedì».

E comunque una sola domenica a settimana è poco. Quattro lunedì al mese e una sola estate all'anno. I conti non tornano… Il problema non è il lunedì in sé, ma il lunedì in me.

L'anno non comincia il 1° gennaio. Lo sanno tutti. Solo gli inglesi continuano a crederlo. L'anno comincia il primo lunedì di settembre.

-  "Se trovate la voglia di fare potrebbe essere la mia, non preoccupatevi, tenetevela pure".

- "Buongiorno, per me un caffè e un bicchiere d'acqua di Lourdes".

- "Per me un caffè e un bombolone".

- "Di crema o di cioccolato?"

- "D'ossigeno!"

… ma l'estate somiglia a un gioco, / è stupenda ma dura poco. / Ma l'estate va e porta via con sé / anche il meglio delle favole canta Franco Califano.

Del resto "nessuna estate dura per sempre".

Dice bene Stephen King.

Mimmo Mòllica

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli