Home Feste

Lavoro festivo e genitore lavoratore: cosa dice la legge

di Ines Delio - 15.08.2023 - Scrivici

lavoro-festivo-e-genitore-lavoratore
Fonte: Shutterstock
Lavoro festivo e genitore lavoratore: cosa accade quando si lavora nei giorni di festa e come conciliare il lavoro festivo con la famiglia

In questo articolo

Lavoro festivo e genitore lavoratore

Quando arrivano le vacanze, i bambini sono entusiasti delle lunghe giornate di ozio che li attendono. Al contrario, voi vi sentite sempre più in ansia, chiedendovi come farete a tenere occupati i vostri figli per nei giorni di festa mentre gestite un'attività. Un altro aspetto da considerare è conciliare lavoro festivo e genitore lavoratore. Ma cosa accade quando si lavora il 15 agosto?

Lavorare nei giorni festivi: cosa dice la legge

Come ricorda il portale Lavoro e Diritti nei giorni festivi il dipendente ha diritto a non lavorare e a percepire ugualmente la retribuzione. La prestazione può essere chiesta solo previo accordo con l'azienda.

In caso di festività lavorata, al dipendente oltre alla retribuzione mensile spetta a seconda dei casi:

  • La normale retribuzione oraria o giornaliera cui si aggiunge la maggiorazione per lo straordinario festivo, se non sono previsti riposi compensativi
  • La sola maggiorazione per lavoro festivo, se è previsto il riposo compensativo in altra giornata.

In ogni caso, a scegliere tra i due trattamenti è sempre l'azienda.

Quali sono le giornate festive

Sono considerate giornate festive le domeniche e le festività nazionali e infrasettimanali individuate dalla legge durante le quali solitamente il dipendente non lavora, ma percepisce comunque la retribuzione. In caso contrario, per lavorare durante le festività, come nel giorno di Ferragosto, è necessario un accordo individuale tra azienda e dipendente. Per legge, sono giorni festivi:

  • Capodanno - 1 Gennaio
  • Epifania - 6 Gennaio
  • Giorno dell'Angelo - Lunedì di Pasqua
  • Anniversario della Liberazione - 25 Aprile
  • Festa dei Lavoratori - 1 Maggio
  • Assunzione Beata Vergine - 15 Agosto
  • Ognissanti - 1 Novembre
  • Immacolata Concezione - 8 Dicembre
  • Santo Natale - 25 Dicembre
  • Santo Stefano - 26 Dicembre
  • Santo Patrono del Comune sede di lavoro
  • Festa della repubblica - 2 giugno

È obbligatorio lavorare nei giorni festivi?

Sono numerose le sentenze della Cassazione su questo tema. Questo l'orientamento prevalente: "Il lavoratore può rifiutare la prestazione lavorativa durante i festivi anche se questa viene richiesta dal datore di lavoro.

Anche in presenza del suo rifiuto a fornire attività lavorativa, infatti, il lavoratore non perde il diritto alla normale retribuzione. Inoltre non può essergli contestata l'assenza ingiustificata, costituendo la presenza al lavoro nelle festività una libera scelta del lavoratore. È chiaro quindi che al lavoratore non essere imposto di lavorare nei giorni festivi e di conseguenza il lavoro festivo non è obbligatorio".

Cosa succede se un genitore si rifiuta di lavorare nei giorni festivi

In questo articolo l'Avvocato del Lavoro di Milano/Torino chiarisce quali sono le conseguenze che derivano dal rifiuto di prestare servizio la domenica o nei giorni festivi per tutti i genitori lavoratori con figli in tenera età.

In alcuni casi particolari è possibile rifiutarsi di prestare servizio festivo e domenicale. Ad esempio nel caso dei lavoratori del commercio e del terziario, se rientrano in una delle seguenti categorie:

  • madri, o padri affidatari, di bambini di età fino a 3 anni
  • lavoratori che assistono portatori di handicap conviventi o persone non autosufficienti titolari di assegno di accompagnamento conviventi

Ipotesi ulteriori possono essere previste dai contratti di secondo livello, vale a dire dagli accordi collettivi territoriali o aziendali.

Mamme che lavorano a casa durante vacanze e festivi

Come fare, invece, quando il binomio 'lavoro festivo e genitore lavoratore' interessa le libere professioniste che lavorano da casa? Ecco alcuni consigli che potrebbero esservi utili.

Coinvolgete il vostro partner

Spiegate che non riuscirete a fare nulla se dovrete occuparvi dei bambini tutto il giorno da soli e chiedete il loro aiuto. Dite di sì a tutte le offerte di aiuto estivo.

Siate flessibili

Durante l'estate potreste aver bisogno di lavorare la mattina presto, la sera o nei fine settimana, quindi siate pronte a cambiare ritmi e stili di vita.

Sfruttate le mattine

Iniziate ad alzarvi un po' prima ogni giorno e a fare un po' di lavoro prima che gli altri siano in giro. Lasciate che i bambini vadano a letto più tardi, se questo significa che dormiranno al mattino, e utilizzate anche questo tempo extra per lavorare.

Pianificare, pianificare, pianificare

Stabilite un programma estivo per tutti, i momenti in cui avete l'aiuto del partner, dei nonni o di una babysitter, e programmate le riunioni di lavoro e le telefonate per quel lasso di tempo. Poi inserite il tempo dedicato alla mamma e alle uscite di gioco e svago. Colorate il programma in modo che i bambini possano vedere quando lavorate e quando sarete con loro.

Impostate un timer

Quando iniziate una sessione di lavoro, mettete un timer da cucina per indicare ai bambini quanto tempo sarete impegnate. Pianificate con loro come impiegare il tempo o date loro qualcosa da fare.

Fate scorta di snack

Preparate degli spuntini sani in porzioni individuali per i vostri bambini, in modo che possano prenderli all'occorrenza, senza interrompervi mentre siete al lavoro.

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli