Home Feste Pasqua

Caccia alle uova di Pasqua con i bambini, come organizzarla

di Sara De Giorgi - 07.04.2020 - Scrivici

bambini-e-uova-di-pasqua
Fonte: Shutterstock
Si avvicina la Pasqua. Il gioco per eccellenza da fare con i bambini in questo periodo è la caccia all'uovo pasquale. Come organizzarne una? Lo abbiamo chiesto a Sivia Longoni di "Kikolle Lab", che ci ha spiegato come preparare una caccia all'uovo a casa o nel giardino di casa.

Quest'anno tutte le famiglie italiane trascorreranno la Pasqua a casa per via della quarantena. Nonostante la situazione eccezionale, è possibile fare divertire i bambini organizzando giochi stimolanti nei giorni di Pasqua, di Pasquetta oppure nella settimana che precedequeste festività. Il gioco per eccellenza da fare in questo periodo è la caccia all'uovo di Pasqua. Come organizzarne una?

Lo abbiamo chiesto a Sivia Longoni, di Kikolle Lab, spazio polifunzionale per bambini (Milano), che ci ha spiegato come organizzare una caccia all'uovo a casa o nel giardino di casa e che ci ha dato alcune indicazioni al riguardo che garantiscono il divertimento di adulti e di piccini.

Caccia alle uova di Pasqua, come si organizza

«Il gioco delle uova pasquali ha origine da una tradizione inglese, che prevede che nella giornata di Pasqua i bambini si divertano facendo una sorta di caccia al tesoro, al termine della quale, al posto del tesoro, trovano, appunto, le uova.

Per organizzare una caccia, basta procurarsi tante uova (di carta, legno, cioccolato, ecc.) e nasconderle in vari angoli della casa (sotto il divano, banalmente dentro il frigo, ecc.). Il gioco può essere organizzato durante la mattina del giorno di Pasqua, ma è divertente preparare i piccoli a tale festività nei giorni precedenti, facendoli entrare nell'atmosfera pasquale.

Infatti, durante la settimana che precede la domenica di Pasqua, si può creare per loro un "percorso di aspettativa", che rende poi il gioco più divertente. Si possono, ad esempio, fare dei lavoretti. Uno di questi è il lavoretto delle "orecchiette di coniglio" per bimbi. Per realizzarle basta procurarsi del cartoncino bianco, un po' di stoffa, pastelli per colorarle, un filo di spago o un nastrino.

Occorre poi ritagliare la sagoma di due vere e proprie orecchie da coniglio lasciando alle basse estremità una base di cartoncino, fare poi due fori proprio sulla base, farci passare lo spago o il nastro e decorarle con pennarelli. Saranno perfette per le testoline dei bambini! In più, potete realizzare con i bambini anche un cestino con la carta o, se preferite, con la plastilina, che conterrà tutte le uova.

La mattina di Pasqua, dopo il risveglio dei bambini, fate indossare loro le orecchiette da coniglio. I genitori possono dare ai piccoli degli indizi, scrivendo su un foglio prove o indovinelli, il cui grado di difficoltà varia in base alle età. Quindi, ha inizio la caccia all'uovo! I bambini devono trovare le uova nascoste e gli eventuali foglietti annessi. Nel caso degli indizi, per riuscire a trovare l'ovetto successivo, si deve risolvere l'indovinello, il quale magari riguarda la stanza o il luogo in cui cercare il prossimo indizio. Le prove, invece, possono consistere, ad esempio, in semplici azioni o esercizi vocali, come fare un salto "allo stesso modi di un coniglietto" oppure cantare una canzone.

Se volete, potete creare anche una sorta di segnaletica per indicare le varie tappe della caccia all'uovo, disegnando magari sulla carta coniglietti pasquali o vere e proprie frecce che indicano la strada corretta per arrivare al tesoro. In ogni stanza è possibile anche tenere nascosta una pergamena, dove i piccoli trovano il prossimo indizio. 

I piccoli si sposteranno così nelle varie stanze e cercheranno le varie uova. Al termine del percorso troveranno il tesoro, cioè il loro uovo di cioccolato.

Con questo gioco si riesce a stimolare la sfera emozionale e quella cognitiva dei bambini, passando dalla sorpresa e dalla scoperta al movimento e all'apprendimento. Per i bambini la caccia al tesoro è stimolante e divertente e può diventare una tradizione per la famiglia, da fare sempre la mattina del giorno di Pasqua».

La caccia all'uovo in base alle fasce d'età

«Questo gioco si può fare con i bambini di tutte le età. Nei bambini dai 3 ai 5 anni viene stimolata molto, tramite la caccia all'uovo, la parte dello stupore, della curiosità, del cercare, del movimento: è questo ciò che piace loro. Nel caso dei più grandi (scuola primaria), possono anche essere coinvolte abilità come la lettura, il ragionamento e il calcolo.

In particolare, per i più piccoli la caccia al tesoro deve essere molto semplice, basata su uova nascoste, lavoretti (orecchiette), segnaletica. L'obiettivo è stimolare in loro la sfera del movimento e della ricerca. 

Per i più grandi si possono inserire, nella caccia all'uovo, anche indovinelli da capire e da risolvere o altro simile: dunque, in tal modo, si unisce al semplice movimento e allo stimolo emozionale anche la parte che riguarda lo sviluppo delle abilità». 

Uova, quali usare?

«Occorre sicuramente procurarsi delle uova. Ma queste non devono essere per forza di cioccolato: possono anche essere in legno, di carta o magari vere (e svuotate). È possibile anche creare un mix di uova di vario tipo (carta, legno, ecc.) e metterle tutte, dopo che i bimbi le trovano nel corso della caccia, nel cestino».

In giardino o dentro casa, che differenza c'è?

«Sicuramente in un giardino la caccia alle uova è divertente e richiama la primavera, iniziata da poco. Ma ci si può anche divertire allo stesso modo dentro casa.

A mio parere, è importante non dare un limite spaziale ai bambini, dicendo loro che il gioco della caccia all'uovo si dovrebbe fare per forza in giardino. Occorre invece far capire loro che la casa può essere un luogo magico che nasconde numerosi tesori e che offre grande divertimento», conclude Silvia Longoni.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli