Home Feste Pasqua

Consigli per festeggiare Pasqua e Pasquetta quando si ha il diabete

di Elena Berti - 15.04.2022 - Scrivici

pasqua-e-pasquetta-per-chi-ha-diabete
Fonte: Shutterstock
Pasqua e Pasquetta per chi ha il diabete: consigli di una diabetologa e di una chef blogger per trascorrere le feste facendo attenzione alla gllicemia

Pasqua e Pasquetta per chi ha il diabete

Chi ha il diabete sa che le feste possono rappresentare un problema: tanti dolci, tanti cibi elaborati e una minore attenzione a quel che si trova nel piatto, soprattutto se ci si ritrova con parenti e amici. Pasqua e Pasquetta per chi ha il diabete possono rivelarsi anche frustranti: cosa fare di fronte alle uova e alle bontà che si preparano? Ecco qualche consiglio da due esperte.

In questo articolo

Pasqua e Pasquetta per chi ha il diabete, bisogna rinunciare a festeggiare?

In Italia i diabetici, sia con diabete di tipo 1 che di tipo 2, sono il 6% della popolazione e tra questi ci sono adulti e bambini. I bambini sono più colpiti dal diabete "genetico", ma per fortuna la medicina ha fatto miracoli e permette di vivere loro una vita piena nonostante la malattia. È importante però, in ogni caso, tenere conto delle proprie esigenze di salute in occasioni particolari come le feste, in cui il cibo abbonda e ci si lascia un po' andare. 

Non bisogna infatti rinunciare a festeggiare, ma bisogna comunque tenere conto di alcuni accorgimenti. Ecco i consigli di Natalia Visalli, diabetologa, e di Ilaria Bertinelli, chef blogger. 

Consigli pratici della diabetologa

La dottoressa Visalli è dirigente medico di diabetologia presso l'ASL Roma 1 e Direttrice della Scuola di Formazione dell'Associazione Medici Diabetologi, e ci spiega che prima di tutto è importante evitare il consumo "distratto" di alimenti. Ciò significa che i pazienti diabetici devono avere sempre consapevolezza di quel che stanno mangiano, anche in occasioni particolari come le feste.

Per essere sicuri di quel che si sta mangiando, può essere utile utilizzare la tecnologia: chi è portatore di un dispositivo è avvantaggiato perché la glicemia viene controllata continuamente. Chi invece è ancora legato al "fai da te" con l'uso delle penne di insulina, dovrebbe prestare attenzione a quel che consuma e calcolare esattamente l'apporto non soltanto di zuccheri, ma anche di grassi. La dottoressa spiega che mentre il calcolo degli zuccheri, per un diabetico, avviene in maniera automatica, quello dei grassi viene spesso sottovalutato. Ma i grassi si trasformano in zuccheri, per questo bisogna prestare attenzione per evitare l'innalzamento (imprevisto) della glicemia.

Consigli della chef blogger per il menù di Pasqua

Ilaria Bertinelli è una mamma di due ragazzi diabetici che un bel giorno si è ritrovata a imparare tutto da zero. Ed è così che ha scoperto come cucinare cose gustose a prova di glicemia! Ecco i suoi consigli per il menù di Pasqua:

  • pensare sempre al menù completo, sembra improvvisare
  • includere sempre frutta e verdura
  • se si mangia fuori casa, farsi spiegare come sono preparate le pietanze
  • muoversi dopo i pasti
  • leggere le etichette degli alimenti (soprattutto, in questo caso, delle uova)

È importante quindi calcolare con anticipo quello che si mangerà, senza lasciare niente al caso. Se in famiglia ci sono diabetici, bisogna tener conto del surplus di grassi e zuccheri e prevedere una compensazione, ma soprattutto mettere in pratica le buoni abitudini, che la camminata dopo i pasti, per tenere a bada l'indice glicemico. È meglio quindi "esagerare" a pranzo anziché a cena, quando si tende a restare più fermi. 

Pasqua e Pasquetta possono rappresentare un momento delicato per chi ha il diabete e deve fare i conti con quel che mangia. Ma con qualche accorgimento e i consigli delle esperte è possibile godersi le feste preservando la salute. 

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli