Home Giochi

Attività e giochi bambini, tante idee e spunti originali

di Sara De Giorgi - 19.05.2020 - Scrivici

giochi-bambini
Fonte: Shutterstock
Tutti i bambini amano giocare e divertirsi. Grazie al gioco i più piccoli imparano anche a pensare e ad agire, e allenano le abilità psicofisiche necessarie allo sviluppo. Nell'articolo troverete tanti approfondimenti sulle attività più belle e sui giochi più divertenti e utili da fare con bambini di tutte le età.

I bambini di tutte le età amano giocare e svolgere attività divertenti e creative. Grazie al gioco e ai lavoretti, non solo sviluppano correttamente le abilità psicofisiche utili, ma imparano anche a pensare e ad agire, e ad avere i prerequisiti necessari per la loro vita da adulti.

Per questo motivo abbiamo deciso di realizzare un articolo che comprenda tutti gli approfondimenti necessari al riguardo. Ecco, quindi, tutto quello che occorre sapere su giochi e attività per bambini e, ovviamente, tanti spunti e idee creative da sviluppare insieme. 

In questo articolo

Attività e giochi da fare a casa per bambini

Ecco alcune attività da fare in casa con i nostri bambini. Vi torneranno utili considerando che in questo periodo storico, a causa dell'emergenza epidemiologica, è necessario evitare gli assembramenti e limitare gli spostamenti quanto più possibile. Di seguito le idee per passare del tempo a casa con i bambini, organizzando attività utili, ma anche giochi e lavoretti divertenti.

  1. Giochi da fare online e semplici attività. Per i ragazzi più grandi le scuole hanno attivato programmi di didattica a distanza. Invece, molte maestre delle scuole primarie, mandano ai bambini video e lezioni online, spesso utilizzando i social e nella scuola d'infanzia si moltiplicano progetti educativi di comunicazione e anche di intrattenimento. Ma non limitiamoci ad internet: possiamo proporre ai bambini di realizzare dei semplici lavoretti. Prendete, per esempio, un foglio bianco su cui realizzare un quadretto-collage, incollando frasi, immagini ritagliate dalle riviste oppure figure stampate da Internet. Oppure, in tema viaggi, possiamo creare una mappa dei posti che vorremmo visitare, attaccando le più belle foto di questi luoghi. 
  2. Lavoretti da fare in casa e ispirati alla Primavera. Si possono realizzare insieme dei lavoretti semplici e ispirati alla stagione primaverile. Si possono fare, per esempio, dei fiori di carta: da cartoncini colorati ritagliate delle striscioline (o cerchietti), piegatele e incollatele a un cartoncino rotondo in modo da formare una corolla. Poi sul retro, con del nastro adesivo, fissate il fiore su una cannuccia o su un cartoncino verde.

Attività da fare all'aperto con i bambini

All'aperto si possono realizzare giochi per bambini davvero divertenti: basta solo un minimo di preparazione e anche un po' di spirito organizzativo. Si può scegliere di farle in giardino, nel cortile o nei parchi. 

Naturalmente, un'occasione di incontro e gioco, pur se all'esterno, non dovrebbe mai trasformarsi in caos, con il rischio che i più piccoli si facciano male. Dunque pensate bene al luogo prescelto e controllate anche eventuali pericoli, piccoli e grandi. Di seguito alcuni giochi, divisi per fasce d'età.

  1. Giochi per bambini da fare all'aperto: 2-3 anni. Cinque proposte per i bimbi dai due ai tre anni: la corsa dei bicchierini; all'ultimo chicco; girotondo, chi è via dal mondo; regina reginella; la danza del serpente.
  2. Giochi per bambini da fare all'aperto: 3-5 anni. Altre cinque proposte per i bambini in fascia pre-scolarechi cerca trova; l'arca di Noè; baby bowling; bruco mangia bruco; scoppia il palloncino.

Giochi e lavoretti per tutto l'anno

Per ogni stagione... giochi e lavoretti diversi. Abbiamo selezionato per voi attività divertenti per ogni stagione dell'anno: estate, primavera, autunno, inverno! Per dare valore all'ambiente e per far vivere al cento per cento il ritmo del tempo stagionale ai più piccoli. Eccone alcuni.

  1. AUTUNNO: I sacchettini profumati. Chi non possiede in casa un sacchettino-bomboniera ricevuto a un matrimonio o a un battesimo? Dopo qualche anno è il momento di riutilizzarlo! Potete farvi aiutare dai vostri bimbi a confezionare dei nuovi sacchettini profumati. Riempiteli con batuffoli di cotone e impregnateli bene di olii essenziali di lavanda, caprifoglio, o di qualsiasi altra essenza profumata che potrete trovare in erboristeria.

  2. INVERNO: Il pinguino di ritagli. Con una matita disegnate sul cartoncino azzurro la sagoma di un pinguino. Ritagliate poi almeno due o tre fogli di carta o ritagli di giornale a strisce di varia lunghezza, ma non più larghe di 5 millimetri e poi appallottolarle un po' con le mani. Spargere la colla vinilica lungo tutto il contorno e all'interno dell'animale disegnato. Poi appiccicarte le strisce di carta, così manipolate, all'interno del pinguino, stando molto attenti a conservarne bene i bordi. E il vostro pinguino di ritagli avrà già preso forma! Decorate poi avostro piacimento.

  3. ESTATE: Crea un elefante portamatite. Caos sulla scrivania dove i bambini fanno i compiti? Allora serve proprio un pratico portamatite! Se poi è a forma di elefante, si intonerà perfettamente con la camera del bimbo.

  4. PRIMAVERA: Micio portafiori. Cartoncini, un barattolo, colla, spugnetta e tempera: sono le cose essenziali per fare un bel portafiori dalle sembianze di un micio.

Attività in cucina da fare con i bambini

Far amare la cucina ai bambini è possibile. Esistono, infatti, numerose attività Montessori da fare con i più piccoli in cucina. Eccone alcune suggerite dal giornalista Federico Bastiani, che ha curato il capitolo legato al metodo Montessori e alla cucina con i bambini nel recente libro Racconti a tavola 2019 (Historica Edizioni 2019). 

  1. «Sbucciate l'aglio con le mani o rompete un nuovo. Per fare ciò occorre sapere dosare la forza, non è per niente semplice e richiede pratica: perciò seguite molto i bambini».
  2. «Tagliate insieme il prezzemolo, le cipolle, le altre verdure, ecc. Familiarizzare con frutta e verdura è sempre importante».
  3. «Provate insieme anche a fare cose più complicate, come sbucciare le mazzancolle, sminuzzare il polpo, pulire cozze o vongole, infarinare il baccalà, ecc.».

Attività tranquille da fare a casa con i bambini

Il vostro bimbo è a casa e magari ha la febbre? Ecco alcuni giochi e attività per farlo divertire e per fargli, al contempo, trascorrere un po' di tempo piacevole in tranquillità a casa. 

  1. Memory e puzzle. Questo è il momento giusto per tirare fuori i vecchi giochi dall'armadio: memory, le card con sopra il nome degli animali, puzzle, giochi in scatola.
  2. Disegni pensando al futuro. Aprite una nuova scatola di colori o pastelli e suggerite ai vostri figli di disegnare quello che gli piacerebbe fare quando starà meglio.
  3. Ascolto di audiolibri. Non è necessario che li acquistiate, anche perché moltissimi siti offrono servizi online con podcast con fiabe per bambini.

Giochi neonati, per stimolare lo sviluppo

Il neonato, fin dalle prime settimane di vita, reagisce agli stimoli esterni che lo aiutano ad acquisire nuove competenze. Tutti gli esperti sono d'accordo sul fatto che il gioco è fondamentale per conoscere se stesso e il mondo circostante. Barbara Fulva Bobba, neuropsichiatra infantile, ha affermato: "Già la scoperta del proprio corpo, della musica, delle luci, dell'ambiente è gioco e comincia subito, dalle prime settimane di vita".

Crescendo, le abilità del bambino evolvono ma i principi sulla natura del gioco restano immutati. Secondo la dottoressa "Quello che conta veramente non è "l'oggetto" (cioè il giocattolo) con cui giocare, ma la presenza di qualcuno per condividere l'esperienza". Questo significa che il gioco è vitale per il bambino, ma che non gli servono giocattoli costosi con mille funzioni.

A questo proposito, ecco alcuni semplici e utili giochi per neonati suggeriti dalla pedagogista Mariaelena La Banca, autrice del libro "101 giochi intelligenti e creativi da fare con il tuo bambino" (Newton Compton Editori).

  1. BIMBO 0-3 MESI. Gioco del "calzino bambolino". Con un calzino colorato realizzate un bambolino da infilare nella vostra mano. Muovete il bambolino in alto e in basso davanti al vostro neonato nella culla o nel seggiolino (se ha superato il mese) e poi cambiate movimento e girate in circolo. Il piccolo cercherà di seguire il pupazzetto con lo sguardo, in un primo tempo forse un po' a fatica, poi con sempre più precisione e si animerà ogni volta che ripeterete il gioco. Il neonato da piccolissimo ha solo la visione periferica, vede cioè "con la coda dell'occhio", quella frontale si sviluppa intorno ai 2-3 mesi e questa attività aiuta proprio a migliorarla.
  2. BIMBO 3-4 MESI. Gioco del "bagnetto in compagnia". L'acqua calda ha un effetto rilassante sul neonato, quindi il momento migliore per questo "ritorno" al suo ambiente naturale è la sera, prima della nanna. Verso i 3-4 mesi il bagnetto si può trasformare in una routine accompagnata dal divertimento. Potete mettere i primi giochini di gomma nell'acqua e aggiungere spugnette di forme e colori diversi per stimolare la vista e le sensazioni tattili del bambino.

Giochi da fare in casa

Volete far trascorrere ai bambini un pomeriggio diverso e divertente? Ci sono tanti giochi per bambini da fare in casa. Ne abbiamo raccolti un po', suddivisi per fasce d'età, per dar vita a una splendida (piccola) festa.

Ovviamente è necessario sgombrare per bene la zona, la stanza, o le parti dell'abitazione dove i bambini potranno giocare e fare merenda senza oggetti preziosi o arredi pericolosi nei paraggi. Per il resto, non riducetevi all'ultimo minuto con i preparativi, pianificate una scaletta con le attività della giornata e ricordate che la musica è sempre un'ottima alleata. Ecco un po' di giochi:

  1. GIOCHI PER BAMBINI 0-3 ANNI. Se organizzate una festa per bambini con meno di 3 anni, è meglio non invitarne troppi, per non creare caos. Se i bimbi hanno già imparato a camminare, potete proporre loro un classico girotondo a suon di musica. Se avete delle grandi scatole, decoratele con cuscini morbidi, ritagliate delle porticine e mettetele a disposizione dei bambini che le useranno come una casetta, oppure con lenzuolo e spago costruite una bella tenda. Si divertiranno un sacco!

  2. GIOCHI PER BAMBINI DI 2-3 ANNI. Ai bambini in questa fascia di età potete proporre tanti giochi ottimi anche per lo sviluppo psico-motorio come il "rotolone aquilone": date loro tanti rotoli di carta colorati e fateglieli srotolare a ritmo di musica, inventando le figure che preferiscono. Un po' di coordinazione e di gioco di squadra sono necessarie per il "telo mangia tutto": procuratevi un lenzuolo con un buco al centro. Agli angoli appoggiate degli animaletti di plastica leggera: a questo punto invitate i bambini a tenere con le mani il telo e a scuoterlo per far cadere i pupazzetti nel buco.

Giochi da fare quando fuori piove

La pioggia può manifestarsi anche in primavera e in estate e non solo in inverno e in autunno. Dunque, è opportuno conoscere quali sono i giochi da fare quando piove per intrattenere i bambini.

Abbiamo raccolto, di seguito, alcune idee originali per giocare e divertirsi durante i giorni di pioggia in casa insieme ai bambini.

  1. SCATOLA A COLLAGE. Per realizzare la scatola a collage, ritagliate insieme ai bambini, con una forbice a punta arrotondata,  dei fogli di giornale. Fate scegliere al piccolo su quali dettagli concentrarsi: animali, colori, prati verdi, cieli azzurri. Dopo questa operazione, aiutatelo poi a personalizzare la sua scatola dei giochi, incollando su di essa tutti i ritagli, fino a ricoprirla, aiutandovi con colla vinilica. Asciugata la colla, il bambino vedrà quanto realizzato e non potrà che essere felice.
  2. CACCIA ALL'ARCOBALENO. Come si gioca? Provata ad andare, con i vostri bambini, alla ricerca di materiali naturali dei colori dell'arcobaleno. Una volta rintracciati, incollateli insieme su strisce di cartone coperte da nastro bi-adesivo. Non sarà poi così facile trovarli! Il tempo trascorso insieme ai vostri piccoli sarà di qualità e stimolante.

Cacce al tesoro per bambini

Le cacce al tesoro divertono moltissimo i bambini. Per organizzare la perfetta caccia al tesoro, si possono seguire le seguenti due tracce tematiche:

  • la caccia agli indizi: la soluzione di ciascun enigma consente ai giocatori di scoprire la tappa successiva, fino ad arrivare all'ultima, che porta al tesoro;
  • la caccia al tesoro con mappa: il gioco gira intorno a una mappa, che viene consegnata ai partecipanti all'inizio del gioco. Sulla mappa viene disegnata la cartina del luogo dove si svolge la caccia. Meta dopo meta, si raggruppano gli indizi o i pezzi di puzzle che messi insieme svelano il luogo in cui è nascosto il tesoro.

Ecco, invece, alcune cacce al tesoro stimolanti e divertenti:

  1. CACCIA ALL'INDOVINELLO. Da fare all'aperto, durata: 30 minuti circa, da fare in squadre con un adulto che fa da "direttore del gioco". Questa caccia al tesoro è adatta a bambini un po' più grandicelli (6-10 anni, all'incirca l'età della scuola primaria). E' pensata per due squadre, ma è possibile aumentare il numero moltiplicando prove e indovinelli. La si può organizzare in casa o in un giardino. Consiste nel rispondere correttamente ad alcuni indovinelli che a loro volta invitano a cercare dove è nascosto un biglietto che indica una prova da superare.
  2. CACCIA AL PALLONCINO. Da fare in casa o all'aperto, in squadre con un adulto. Età: 6-10 anni. Per l'ultima prova si possono arrotolare le schede, infilarle in un palloncino e poi gonfiarlo (un palloncino per ogni squadra), poi mettere i palloncini, uno in frigorifero e uno in forno.

Giochi da tavolo da fare in casa

Esistono giochi da tavolo particolari che favoriscono l'apprendimento dei bambini. Quali sono? Eccone alcuni che migliorano la capacità logico-matematiche, linguistiche e di risoluzione dei problemi. In più, quasi tutti i giochi da tavolo affinano i riflessi, l'intuizione e l'abitudine alla concentrazione. 

  1. PER MIGLIORARE L'ATTENZIONE E IL LINGUAGGIO PRECISO: DOBBLE (ASTERION). Tra i giochi da tavolo 'imperdibili', secondo Andrea Ligabue, ludologo, direttore del Festival Play (Modena), merita un posto di primo piano Dobble, un classico, adatto già dai 5-6 anni. Basato su un mazzo di 55 carte, ciascuna con 8 diversi disegni, in tutte le sue 5 possibili modalità di gioco richiede di essere il più veloce e abile a individuare i simboli in comune tra varie carte.
  2. SUSHI DICE (GHENOS GAMES). Sushi Dice è un buon alleato, secondo Andrea Ligabue, per allenare l'attenzione di ogni bambino e la velocità in modo divertente. Anche il colpo d'occhio è importante per vincere la sfida: a turno due giocatori lanciano i loro dadi che raffigurano i simboli di diversi ingredienti da individuare nelle 'carte Piatto' poste sul tavolo.
  3. PER ALLENARE IL SENSO DELLA SPAZIALITA': BICCHIERI SPRINT (GIOCHI UNITI). Bicchieri Sprint allena il senso della spazialità (l'orientamento e la posizione nello spazio), che rappresenta un requisito base per l'apprendimento della letto-scrittura al debutto in aula. E' un grande vantaggio, secondo Andrea Ligabue, affinare questa competenza nel corso di un gioco semplice e divertente che, tra l'altro, permette anche di esercitare riflessi e velocità.

Giochi per stimolare l'intelligenza

Secondo Maria Montessori,  stimolare e affinare i sensi amplia il campo della percezione di ogni bambino offrendo una base sempre più solida e ricca allo sviluppo dell'intelligenza. Attraverso i sensi e il movimento, il bambino esplora l'ambiente e acquisisce le idee operative necessarie per il pensiero astratto.

Ecco, quindi, alcune attività di ispirazione montessoriana da fare con il bimbo nella fascia d'età tra nido e scuola dell'infanzia.

  1. Attività per affinare il tatto con la carta. Cosa serve: un foglio di carta vetrata ruvida, un foglio di cartoncino liscio, da cui ritagliare 6 pezzi ciascuno, e un cestino dove riporli. Attività dai 2 anni in su, che si può svolgere facilmente a casa, all'aperto o in vacanza, con mamma o papà. È indispensabile sedersi comodi in una posizione dove il bimbo possa vedere bene il cestino posto di fronte a lui. Tirate fuori i rettangoli di carta vetrata e quelli di cartoncino, mettendoli in fila vicino al piccolo, annunciando che li toccherete per capire se sono ruvidi o lisci. A partire da sinistra, passate le dita delicatamente sulle diverse carte dicendo 'ruvida', ogni volta che ne sfiorate una. Disponete ogni pezzo ruvido a sinistra. A questo punto, ripetete l'operazione con la stessa sequenza cercando, però, la carta liscia che va sistemata a destra nella fila. Date al bimbo due pezzi di carta e invitatelo a toccarli con le dita ripetendo le parole 'liscio' e 'ruvido'. Poi, mescolate tutto nel cestino e lasciate che il bimbo si cimenti da solo a dividere i pezzi lisci e quelli ruvidi.
  2. Attività per affinare il tatto giocando con le stoffe. Cosa serve: 6-8 ritagli di stoffe diverse (di cui 2 uguali per ogni tipo di tessuto), un cestino o una scatola, una benda. Occorre preparare due quadrati o rettangoli da ogni tessuto (Montessori li chiama 'serie' o 'collezioni'), in modo che ci siano due pezzi di stoffa uguali da riporre nel cestino. Con gli occhi bendati o semplicemente chiusi (se non gradisce la benda), il bimbo può pescare dal cestino e, toccandoli, riconoscere i pezzi di stoffa uguale disponendoli con un po' di aiuto davanti a lui.

Attività montessoriane per bimbi da 0 a 3 anni

Cercate idee per giochi intelligenti e creativi con bimbi molto piccoli? Ecco alcune attività sensoriali e stagionali da svolgere in famiglia, per bimbi da 0 a 3 anni, seguendo la pedagogia montessoriana.

  1. Ordiniamo per ragionare bene. Materiale: un vassoio, quattro ciotole, una grande e tre piccole, quattro nocciole, quattro ghiande, quattro castagne. Come aiutare un bambino a ordinare la propria mente? Con degli esercizi di classificazione. Prendete un vassoio. Al suo interno mettere una ciotola grande con quattro nocciole, quattro ghiande, quattro castagne e tre recipienti più piccoli. Lasciate fare a vostro figlio in autonomia la classificazione della frutta secca. Quando avrà eseguito più volte e bene l'esercizio, potete proporgli di ripeterlo con gli occhi bendati.
  2. Costruiamo un sonaglino. Materiale: un anello di legno, come quello per le tende, di 3 cm di diametro, 3 nastri rossi. Tagliate 1 metro di nastro e legatelo attorno all'anello facendo un doppio nodo. Fare lo stesso con altri due nastri. Tagliate i sei pezzetti di nastro con un paio di forbici dentellate: questo sonaglino gli permetterà di iniziare ad afferrare un oggetto con la sua mano.

Attività montessoriane per bimbi da 3 a 6 anni

Tutte le attività montessoriane hanno precise finalità: l'affinamento dei 5 sensi e lo sviluppo dell'autonomia del bambino. In più, hanno un controllo dell'errore intrinseco: ciò vuol dire che i bimbi possono imparare da soli correggendo i loro errori. Infine, queste attività sviluppano una qualità per volta. Ecco alcune attività montessoriane specifiche per bimbi da 3 a 5 anni

  1. TELAI DELLE ALLACCIATURE. Si tratta di speciali telai che hanno lo scopo di insegnare al bimbo a utilizzare zip, bottoni automatici e stringhe, in modo che con l'andare del tempo impari a vestirsi da solo. In particolare, occorre creare telai di legno su cui sono montati, ad esempio, dei lembi di stoffa con da una parte l'asola e dall'altra dei bottoni. Il bimbo dovrà trovare il modo di inserire il bottone nell'asola.
  2. CILINDRI DEI RUMORI. Prendete 10 contenitori cilindrici, 5 blu e 5 rossi. All'interno di due cilindri di colori diversi mettete dei materiali che fanno uno stesso rumore e continuate finché non avrete 5 coppie di cilindri. Il bimbo bendato scuoterà un cilindro rosso e dovrà trovare tra i cilindri blu quello che fa lo stesso rumore.

Montessori, attività per prepararsi alla scuola primaria

Il piccolo sta per andare alla scuola elementare. Di seguito alcune attività ispirate alla pedagogia montessoriana per preparare il bambino a fare il suo ingresso alla scuola primaria.

  1. RITAGLIARE. Per iniziare bene la primaria è importante avere una buona motricità fine. Se il piccolo alla materna non si è esercitato molto, l'estate è il momento giusto. Potete iniziare preparandogli delle forme da ritagliare.
  2. INTRECCIARE. Un altro esercizio utile per allenare la manualità: disponete tre cordini colorati e mostrategli come intrecciarli, poi chiedetegli di continuare.
  3. LAVARE I GIOCATTOLI CON LO SPAZZOLINO. Impugnando lo spazzolino per lavare gli animali giocattolo il bambino allena la motricità e si prepara alla scrittura.

Aggiornato il 22.05.2020

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli