Home Giochi Filastrocche

«Filastrocca della libertà di stampa»

di Mimmo Mollica - 03.05.2021 - Scrivici

giornale-bambino
Fonte: shutterstock
3 maggio: «Giornata internazionale per la libertà di stampa». In onore di questa giornata, la Filastrocca della libertà di stampa di Mimmo Mòllica

Giornata internazionale per la libertà di stampa

La libertà di stampa non è un'opinione

Il 3 maggio è la «Giornata internazionale per la libertà di stampa», proclamata il 3 maggio 1993 dall'Assemblea Generale dell'ONU. Il giorno fu scelto, dietro raccomandazione della Conferenza Generale dell'UNESCO, per promuovere l'indipendenza e il pluralismo della stampa africana, in difesa della libertà di stampa e dell'indipendenza dei media come elementi fondamentali per la difesa della democrazia e il rispetto dei diritti umani. Un richiamo esplicito alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo che stabilisce: "Ogni individuo ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione, senza interferenze, e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza frontiere".

Secondo la «Freedom House» sono 40 i Paesi considerati "non liberi", Asia e Africa sono ai primi posti, sebbene oggi le cose stiano migliorando.

Nella classifica mondiale della «libertà di stampa», pubblicata dai "Giornalisti senza frontiere", l'Italia è al 41° posto. Nella classifica mondiale, Norvegia, Finlandia, Svezia, Danimarca, Costa Rica, Paesi Bassi, Giamaica, Nuova Zelanda, Portogallo e Svizzera sono ai primi 10 posti, mentre in fondo alla lista dei 180 Paesi mondiali monitorati figurano Cina, Turkmenistan, Corea del nord ed Eritrea. L'Europa rimane il continente più favorevole alla «libertà di stampa».

Ascolta il podcast con la filastrocca

«Filastrocca della libertà di stampa»

La libertà di stampa,

davvero non si scampa,

rimane sempre viva,

pure quand'è cattiva.

Perché come ogni cosa,

banale o anche preziosa,

può essere nociva,

buonissima, creativa,

libera da padroni,

con più limitazioni,

di libere opinioni.

Se non è veramente

libera e indipendente,

o se c'è della gente

a renderla impotente,

è come incatenare

la volontà e la mente.

Per legge o per paura,

potere o dittatura,

non fa mai differenza,

è come esserne senza.

La libertà di stampa,

pure se a volte inciampa,

è un buon punto di arrivo,

ad essere cattivo

più spesso è un affarista,

ma a volte è il giornalista,

la stampa sarà solo cattiva

se della libertà è spogliata e priva.

Se la libertà di stampa non ci manca,

ma invece manca l'uomo ch'è sincero,

allora si alzerà bandiera bianca,

se l'uomo non è libero davvero.

Mimmo Mòllica ©

Aggiornato il 26.04.2021

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli