Home Giochi Filastrocche

La "Filastrocca dei perché"

di Sara Sirtori - 26.08.2020 - Scrivici

filastrocca-dei-perche
Fonte: Shutterstock
La «Filastrocca dei perché» di Mimmo Mòllica è dedicata ai mille «perché» dei bambini, indugiando non tanto sui «perché della conoscenza» quanto su quelli per «conferma». Infatti, sono spesso i luoghi comuni, i proverbi e le frasi fatte che inducono i piccoli a volere una «prova» concettuale. Perché a volte i bambini sanno già la risposta.

L'età dei perché

Perché è l'ora di andare a letto? Perché voi andate al lavoro e io a scuola? Perché? L'età dei «perché» è piuttosto precoce e dare una risposta soddisfacente per i bambini è a volte arduo. Domande e perché ci lasciano a volte spiazzati. Il compito dell'adulto non è solo rispondere, ma stimolare altri perché. L'attitudine dei bambini a porre domande - infatti - non è solo frutto della loro curiosità, del desiderio di conoscere, ma è pure un modo di (in)trattenere il genitore, l'adulto, (spesso) assorbito dagli impegni, dalle cose da fare.

E se la curiosità è autentica nel bambino, a volte il susseguirsi dei perché è un gioco «a conoscere», ma pure «a stare assieme». E non c'è niente di più bello che essere co-protagonisti dell'evoluzione del nostro bambino che attraverso i suoi «perché» ci dà prova della sua intelligenza e dei progressi compiuti.

«Filastrocca dei perché»

di Mimmo Mòllica

Perché, vorrei saper perché

chi fa da sé fa per tre,

e perché due non fa tre?

Perché, vorrei saper perché

le cinque è l'ora del tè

e invece non del caffè.

Vorrei saper perché

i miei vanno al lavoro,

mentre io vado a scuola

e non vado con loro?

Vorrei saper perché

dormo sempre di là,

mamma non è con me,

dorme col mio papà?

Vorrei saper perché

perché il conto è salato,

perché piove a dirotto

sempre là sul bagnato,

perché è inutile piangere

sopra il latte versato

e se zuppa non è

sarà pane bagnato?

Vorrei saper perché

meglio tardi che mai,

e le usanze le trovi

nel paese che vai,

ti diranno chi sei

se dirai con chi vai?

Perché ha l'orlo l'abisso

e c'è chi ha un chiodo fisso,

se il vicino non perde

perché l'erba è più verde,

chi si loda si imbroda,

chi di paglia ha la coda,

chi la vita l'ha amara,

ma sbagliando si impara?

Vorrei saper perché

da cosa nasce la cosa

ma non si sa che cosa,

e perché mogli e buoi

sono dei paesi tuoi,

perché la notte è fonda

e la terra è rotonda?

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli