Home Giochi Filastrocche

La «Filastrocca dei vecchi»

di Sara Sirtori - 08.10.2020 - Scrivici

vecchiaia
Fonte: Shutterstock
La «Filastrocca dei vecchi» di Mimmo Mòllica gioca col tempo che ci sovrasta, un "gioco giocato splendidamente dai bambini". Ma il tempo passa uguale per tutti o è solo una dimensione dell'anima? La vecchiaia è come il buon vino? È il tempo che passa che ci fa vecchi?

Il tempo è universale?

"L'unica cura per l'acne giovanile è la vecchiaia", diceva il grande Totò.

"Il tempo è un gioco, giocato splendidamente dai bambini"? (Eràclito).

"Il tempo è solo una dimensione dell'anima" (Sant'Agostino). 

"La vecchiaia è la sede della sapienza della vita, come il buon vino che con gli anni diventa più buono" (Papa Francesco).

Lunedì 13 ottobre 1884 (136 anni addietro) fu istituito il meridiano di Greenwich, allo scopo di sincronizzare gli orologi di tutto il mondo. Misurare e uniformare il tempo, in mancanza di convenzioni internazionali, era importante ai fini dell'estensione delle reti ferroviarie e delle vie comunicazione, ma non solo. Così, nel corso della International Meridian Conference di Washington, 41 rappresentanti di 25 nazioni votarono per identificare il 'meridiano zero' (fondamentale), la linea che congiunge il Polo Nord con il Polo Sud.

Venne così istituito il "meridiano zero", ma la misurazione del tempo non era ancora perfetta. Emergevano, infatti, ancora delle imperfezioni nel criterio di misurazione del tempo, tanto che nel 1984 la linea di Greenwich venne spostata di 100 metri.

Ma è il tempo che passa uguale per tutti a farci vecchi?

La «Filastrocca dei vecchi»

Non si diventa vecchi

se gli anni son parecchi,

c'è tanta giovinezza

in un bacio e una carezza

di un caro nipotino,

e come del buon vino

migliora il suo sapore,

gli anni lo fan migliore.

Un uomo sarà vecchio

se guardandosi allo specchio

vede solo rimpianti,

delusioni abbondanti,

non crede più nei giochi

e sogni ormai ne ha pochi;

quando la nostalgia

soppianta l'allegria:

non basta qualche occhiaia

a fare la vecchiaia.

Non è una pandemia,

non è una malattia

la vecchiaia è una cura,

l'unica e più sicura,

giunta l'età senile,

per l'acne giovanile.

Mimmo Mòllica ©

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli