Home Giochi Filastrocche

La «Filastrocca nati con la camicia»

di Sara Sirtori - 15.10.2020 - Scrivici

nati-con-camicia
Fonte: Shutterstock
La «Filastrocca nati con la camicia» di Mimmo Mòllica fa eco ad una antica credenza: nascere con la camicia. Un modo di dire per indicare persone credute favorite dalla fortuna sin dalla nascita. Più una metafora di 'vita privilegiata' o una realtà? Eppure, anche la camicia ha la sua festa…

Buona camicia a tutti

"Nati con la camicia" è un modo di dire per indicare persone credute favorite dalla fortuna sin dalla nascita. Di antiche origini, il detto trova una particolare spiegazione nel sacco amniotico che può avvolgere un bambino al momento della nascita, che rappresenta la camicia. Più una metafora di 'vita privilegiata' che una realtà.

Eppure, anche la camicia ha la sua festa: la Giornata Universale della camicia tradizionale Romena (Sânziene per una notte), in cui si riscoprono tradizioni e usi antichi delle fate che diffondono l'amore.

Organizzata dall'Accademia di Romania di Roma, fa rivivere gli antichi rituali e riscoprire la IA, la camicia tradizionale simbolo dell'artigianato e della cultura romena. Si svolge il 24 giugno di ogni anno e racconta, con ambientazioni fiabesche, proprio la storia della camicia tradizionale romena sin dalle origini, fino alla sua rielaborazione da parte di grandi stilisti: Matisse, Yves Saint Laurent, Jean Paul Gaultier. Buona camicia a tutti!

«Filastrocca nati con la camicia»

Nascer con la camicia,

cioè con la fortuna

proprio dalla tua parte

non è mai fatto ad arte,

è che la buona sorte

spalanca a te le porte.

Un tempo ogni bambino

era caro agli dei,

ma ognuno ha il suo destino,

cari bambini miei.

C'è chi ha dei privilegi,

chi non ne ha avuti a frotte

e nasce con la camicia,

però quella da notte.

C'è quando la fortuna

ti cerca ma si sbaglia

e nasci con la camicia,

ma non della tua taglia.

O quando la fortuna

un po' troppo si sforza

e nasci con la camicia,

però quella di forza.

Poi c'è chi nonostante

non odi lavorare

camicie ne avrà tante,

ma solo da stirare.

Ma la vera fortuna

è nascer con la luna,

la luna nel cassetto,

dei sogni e dell'affetto,

la luna dell'amore

che brilla dentro il cuore.

Mimmo Mòllica ©

Domande e risposte

Perché si dice "nati con la camicia"?  

La tradizione vuole che il modo di dire "nascere con la camicia" risalga al momento del battesimo di un neonato: le famiglie più abbienti preparavano infatti una camicia battesimale da far indossare al bambino dopo la cerimonia.

Quali sono i "poteri magici" di chi nasce con la camicia?

  • In Islanda, Nuova Guinea e Sud-Est Asiatico diventano preveggenti
  • In Indonesia e Nord America potevano parlare con i fantasmi
  • Nell'antichità erano persone eloquenti

Per quali popoli l'espressione "nascere con la camicia" non è un segno di buon auspicio?

  • Nei Balcani si pensava che questi bimbi fossero destinati a diventare maghi, streghe o vampiri
  • In Scandinavia dipendeva dal colore della placenta: se era bianca, portava fortuna; se era nera o colorata, malaugurio
 

Leggi articoli su

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli