Annunci social

6 cose da sapere prima di annunciare online una gravidanza

Di Concetta Desando
16 giugno 2014
La gioia di annunciare al mondo l’arrivo di un bebè è sempre grande. Ma prima di postare foto e frasi sui social network, sarebbe bene avvisare i parenti, valutare il modo in cui dare la notizia, conoscere bene i propri follower e molto altro. Ecco una guida all’annuncio social stilata da Parenting.com

Ormai siamo tutti social e 2.0: su internet si incontrano nuovi amici e nuovi amori, ci si fidanza dopo un poke e ci si lascia con un tweet. E nonostante la moda, lanciata dai vip, di mettere online tutti i momenti particolari della propria vita, quando sta per arrivare un bebè sarebbe bene non farsi prendere dall’ansia di postare la foto del test di gravidanza e prendersi invece qualche minuto per riflettere su quale sia il modo giusto per annunciare al mondo di essere rimaste incinte. Ecco allora una “guida” all’annuncio social pubblicata su Parenting.com. (Leggi anche: "Sono incinta": 24 modi bizzarri per dirlo)

 

1. Aspettate finché non siete sicure che la gravidanza procede bene

Per alcune donne potrebbe significare attendere fino alla fine del primo trimestre, per altre magari un po’ di più se già in passato hanno avuto complicazioni. Nel malaugurato caso qualcosa dovesse andare storto, infatti, l’aver postato su Facebook la notizia della gravidanza può aggiungere dolore al dolore, con gente che, non sapendolo, chiede in continuazione: “come va?”, “come sta il piccolo?”, “cresce la pancia?”. In questo caso, è bene – senza scendere nei dettagli – pubblicare un altro post nel quale si dice brevemente che il piccolo non ce l’ha fatta, e ora avete bisogno di un po’ di tempo per metabolizzare l’accaduto.

 

2. Ditelo prima ai parenti e agli amici

Benché la notizia sia certamente eccitante e si abbia voglia di dire al mondo che sta arrivando un bimbo è il caso di dare l’annuncio prima ad amici e parenti. Di persona. Perché nel cyberspazio non c’è privacy, e le notizie si diffondono alla velocità della luce.

 

3. Controllate bene chi c’è nella vostra lista di “amici” o di follower

Di solito tra loro c’è anche un mucchio di gente che non conoscete nemmeno. O magari c’è il vostro datore di lavoro, o qualcuno con il quale non vorrete condividere la notizia finché non sarà il momento giusto (ad esempio se dovete fare un colloquio di lavoro, diffondere ai quattro venti la notizia che siete incinte non aiuterà). Quindi fate attenzione.

 

4. Valutate il modo in cui date la notizia

Se non fareste mai qualcosa di persona, non fatelo nemmeno online. Ad esempio, bussereste mai alla porta della vostra vicina di casa alzando la camicetta per mostrarle la pancia con su scritta a pennarello la data presunta del parto? Se non lo fareste, dovreste evitare di farlo anche su Facebook: è la stessa cosa, solo che è virtuale invece che reale. Ma nei giudizi della gente cambia poco.

 

5. Siate rispettose di possibili situazioni altrui

Se un’amica ha da poco perso il bambino, non è il massimo della delicatezza postare sui social network la foto del vostro test di gravidanza ed esultare. Magari, prima di farlo, avvertitela per telefono, in modo che ci sia un contatto più umano.

 

6. Siate selettive con la vostra audience

Su Facebook spesso anche gli “amici” sono perfetti sconosciuti. Quindi valutate che cosa state condividendo e con chi. Se pubblicate la foto della magliettina che avete appena comprato per il vostro piccolo, potete pure condividerla pubblicamente senza restrizioni. Se mettete online una foto delle vostre smagliature, forse è il caso di restringere la cerchia e di rendere l’immagine visibile solo a un gruppo selezionato di persone. Farlo è semplice: basta creare una lista, chiamata magari “gravidanza” comprendente i nomi di tutti coloro con i quali volete condividere le informazioni più intime, e poi condividere solo con i membri di questo gruppo questo tipo di notizie.

 

Guarda anche:

 

Le più simpatiche frasi d’auguri per la nascita di un bebè

 

Baby Shower Cakes, le torte più bizzarre per la nascita di un bebè

 

Annunci di nascita ... un po’ pazzerelli