Nostrofiglio

Tossinfezioni

Epatite A in gravidanza

Di Lidia Lewandowski
epatiteagravidanza

30 Settembre 2015
Che cosa è l'epatite A? Che cosa succede se viene contratta in gravidanza? Come evitarla?  Il virus si trasmette con l'ingestione di acqua e alimenti contaminati dalle feci di soggetti malati. Molluschi e frutti di mare non ben cotti sono il principale veicolo.

Facebook Twitter Google Plus More

Cos’è l'epatite A?


L'epatite A è una malattia infettiva acuta del fegato causata dal virus dell'epatite A (HAV).
E’ presente in tutto il mondo, ma è maggiormente frequente in quei Paesi dove le condizioni igienico-ambientali sono scadenti. E’ una malattia che si trasmette con l’ingestione di acqua ed alimenti contaminati dalle feci di soggetti malati (cosiddetta via oro-fecale). La principale fonte alimentare di contagio è rappresentata da molluschi e frutti di mare non adeguatamente cotti.  (Leggi anche: gravidanza, tutti gli esami da fare gratis)

 

Cosa comporta se contrattata in gravidanza?


L’epatite A nelle donne in gravidanza ha solitamente un andamento benigno e non comporta rischi per il feto. Tuttavia adottare delle corrette norme igienico alimentari consente di tutelare un buono stato di salute della gestante. 

 

Come la donna può infettarsi e quali precauzioni può adottare per evitarlo?


L’epatite virale A può essere prevenuta adottando corretti comportamenti alimentari, validi anche per prevenire altre malattie a trasmissione oro-fecale (es. salmonellosi), che tengano conto di accurate misure igieniche quali: non consumare frutti di mare crudi; lavare accuratamente le verdure prima di consumarle; lavare e sbucciare la frutta; conservare in frigorifero i cibi appena cotti se non si consumano subito; non bere acqua di pozzo; curare scrupolosamente l’igiene personale, specie delle mani; essere scrupolosamente puliti nella manipolazione di cibi e bevande; proteggere comunque gli alimenti dagli insetti. 

Dal forum: contagio epatite A

 

Guarda anche il video: alimentazione in gravidanza, i cibi da evitare