Alimentazione gravidanza

Mangiare sushi in gravidanza: perché no?

Di Angela Bisceglia
sushi-gravidanza404x300.jpg.180x120
11 dicembre 2012
Sushi in gravidanza? Sì, a patto di assicurarsi prima della freschezza e dell’innocuità del pesce. Le risposte degli esperti ai dubbi delle future mamme

Sushi: sì, se fresco e controllato

Il pesce crudo non presenta rischi per quel che riguarda l’infezione da parte di Toxoplasma gondii, ma, come è raccomandabile fare anche fuori gravidanza, è necessario assicurarsi della freschezza e dell’innocuità del pesce.

 

Il rischio del consumo di pesce crudo (oltre ad un’immediata tossi-infezione, che però si risolve nel giro di qualche ora con una comune dissenteria, senza arrecare danni al feto) sta nella presenza di un parassita noto come Anisakis, che risulta ugualmente pericoloso anche se non si è incinte.

 

 

 

Assicuriamoci quindi che il nostro sushi sia stato preparato con pesce di alta qualità, controllato, abbattuto (il pesce crudo deve essere congelato per almeno 24 ore a temperature inferiori a -20 °C) e ben conservato e godiamoci la nostra cena a base di sushi con tutta serenità!

 

Consulenza di Gabriele Piuri medico chirurgo, dottorando di ricerca in Nutrizione Sperimentale e Clinica e assistente clinico del dott. Attilio Speciani (noto immunologo e allergologo milanese, direttore scientifico del sito www.eurosalus.com) e Francesca Deriu, biologa nutrizionista e specializzanda in scienze dell'alimentazione, sempre dell’equipe del dott. Speciani.

 

Leggi lo speciale Alimentazione in gravidanza

Ti potrebbero anche interessare:

Gravidanza e tonno in scatola

Pesce in gravidanza

Entra nel forum, sezioni Dieta e Alimentazione in gravidanza e Che pesce mangiare in gravidanza