Home Gravidanza

Calendario Gravidanza: dal concepimento alla nascita

di Niccolò De Rosa - 25.06.2021 - Scrivici

calendario-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Con questo calendario della gravidanza scopriamo passo per passo i nove mesi di gestazione e tutto ciò che accade mentre si aspetta un bambino

In questo pezzo riassuntivo raccogliamo gli articoli riguardanti le 40 settimane di gravidanza - raccolte per i tre trimestri - e tutte le loro caratteristiche: dai sintomi possibili all'aggiornamento sullo sviluppo del feto.

In questo articolo

Primo trimestre di gravidanza

Inizia un'avventura lunga nove mesi.

Prima settimana di gravidanza

La prima settimana è un periodo che viene considerato "a posteriori" poiché, di fatto, nessuna donna si accorge dell'avvenuto concepimento. Infatti non solo vi è alcun sintomo né si è manifestato il ritardo del ciclo mestruale, che di solito rappresenta il primo segnale di una possibile gravidanza.

Seconda settimana di gravidanza

Sebbene sia ancora molto presto per notare cambiamenti visibili, qualcosa sta già succedendo. Il corpo femminile infatti si sta preparando all'ovulazione. Cominciano anche ad attivarsi gli ormoni che nei mesi successivi prepareranno il corpo della madre alla gravidanza e al parto.

Terza settimana di gravidanza

Con la terza settimana di gravidanza ha inizio il percorso vero e proprio della gravidanza e benché il feto sia ancora un embrione, alcune donne potrebbero già avvertire i primi sintomi (voglie, perdite ematiche ecc...)

Quarta settimana di gravidanza

In questo periodo di solito ci si accorge il salto del ciclo mestruale e si effettua il test di maternità. Nell'embrione organi e apparati hanno cominciato a formarsi.

Quinta settimana di gravidanza

Possono iniziare a a comparire i primi sintomi evidenti della gravidanza, tuttavia sono molte le donne che per lungo tempo non avvertono alcunché. È il momento di cominciare a cambiare le proprie abitudini nell'ottica della gravidanza ormai iniziata.

Sesta settimana di gravidanza

Nausee, perdite e iper-sensibilità agli odori potrebbero cambiare la routine della futura mamma. È il momento - se non lo si è già fatto -di prendere appuntamento con il tuo ginecologo per la prima visita di controllo.

Settima settimana di gravidanza

Le nausee mattutine possono diventare un compagno quotidiano, così come il turgore e l'indolenzimento del seno, la sensibilità agli odori, la pancia dura e la stanchezza. Nel feto inizia a formarzi lo scheletro.

Ottava settimana di gravidanza

In questa fase, l'embrione è ormai diventato feto e nella madre è possibile notare già un certo rigonfiamento del ventre. Può accadere di svenire, specialmente se si sta ferme in piedi a lungo.

Nona settimana di gravidanza

Con la nona settimana comincia il terzo mese di gravidanza. Mangiare poco e spesso diventa una chiave di volta per superare i frequenti attacchi di fame che potrebbero verificarsi.

Decima settimana di gravidanza

A partire dalla decima settimana è possibile effettuare il test del DNA fetale, un test di screening e non diagnostico come amniocentesi e villocentesi, che permette di individuare precocemente il rischio che il feto sia affetto da anomalie cromosomiche.

Undicesima settimana di gravidanza

In molti casi l'olfatto diventao molto più fine e sensibile di prima, un fenomeno che viene definito iperosmia gravidica. Normalmente in questo periodo poi le future madri appaiono più radiose, perché il progesterone conferisce lucentezza al volto.

Dodicesima settimana di gravidanza

Il feto è completamente formato nelle sue componenti essenziali. Gli ormoni possono giocare qualche "scherzetto" alla futura mamma.

Secondo trimestre di gravidanza

La gravidanza entra nel vivo.

Tredicesima settimana di gravidanza

I sintomi del primo trimestre dovrebbero essere spariti: rimane la frequente necessità di fare pipì. Se si interessati al percorso per la diagnosi prenatale, bisogna affrettarsi per partecipare ai test di screening. Da questa settimana il rischio di aborto spontaneo cala drasticamente.

Quattordicesima settimana di gravidanza

Curare l'alimentazione è fondamentale per tutelare la salute di madre e feto, il quale  cresce a ritmo sostenutoe ora ha sviluppato il riflesso della suzione (l'azione del "ciucciarsi il dito").

Quindicesima settimana di gravidanza

Il pancione è ormai visibile, ma ancora non impedisce i movimenti. La madre può quindi tenersi in forma praticanfo attività fisica controllata (parola d'ordine: non esagerare).

Sedicesima settimana di gravidanza

Il feto comincia a sviluppare il primo accenno di grasso corporeo e anche la mamma inizia aaumentare di peso. Dalla quindicesima settimana è possibile effettuare il test dell'amniocentesi per individuare eventuali malattie genetiche o anomalie congenite nel nascituro

Diciassettesima settimana di gravidanza

In questo periodo non è inusuale accusare crampi negli arti inferiori, soprattutto di notte, quando la posizione distesa può favorire alcuni tipi di contrazioni muscolari. Nel feto i primi dentini iniziano timidamente a spuntare all'interno delle gengive.

Diciottesima settimana di gravidanza

La stitichezza può essere un problema che però non è affatto raro durante la gravidanz. il cuore del piccolo è formago e "bussa" dai 60 ai 120 battiti al minuto.

Diciannovesima settimana di gravidanza

Durante questo periodo il feto cresce tantissimo e i movimenti della mamma si fanno sempre più difficoltosi, visto l'ingombro del pancione sempre più grande. Da questa settimana si effettua l'ecografia del secondo trimestre.

Ventesima settimana di gravidanza

Il periodo che va dalla 19esimma alla 28esima settimana prevede nuovi controlli come gli esami delle urine, la seconda visita ginecologica e la flussimetria Doppler materna (non obbligatoria ma utile).

Ventunesima settimana di gravidanza

Il piccolo scalcia con maggiore frequenza e ora la mamma può sentirlo. In questo periodo vi è il rischio - seppur statisticamente poco frequente - che una donna incinta contragga la preeclampsia (o gestosi). 

Ventiduesima settimana di gravidanza

Con la ventiduesima settimana il peso del pancione è sempre più importante e dunque fiato corto e affaticamento saranno condizioni sempre più comuni a questo punto della gravidanza. Il corpo del bimbo si riveste da una finissima peluria e nei maschietti i testicoli iniziano a scendere nello scroto.

Ventitreesima settimana di gravidanza

La mamma è stanca, affaticata e può soffrire di mal di schiena. Il feto si muove sempre èd è ricoperto dalla vernice caseosa, una sostanza che impedisce alla pelle di macerare a causa del contatto continuo con il liquido amniotico.

Ventiquattresima settimana di gravidanza

Non è raro poi che in queste settimane si possa accusare qualche problema alla vista, con occhi molto sensibili alla luce e facilmente irritabili. I piccoli polmoni del feto cominciano a produrre il surfattante, una sostanza che al momento della nascita permetterà loro di espandersi e compiere gli atti del respiro spontaneo.

Venticinquesima settimana di gravidanza

Ora il bimbo riconosce perfettamente la voce della mamma e il suo suono lo tranquillizza. La mamma però comincia a sentire il peso dell'utero in espansione.

Ventiseiesima settimana di gravidanza

Il piccolo nel pancione comincia ad aprire gli occhietti. In questa fase è fondamentale che la mamma riposi a dovere, soprattutto di notte. Tra gli esami periodici da svolgere  c'è anche quello delle urine (già fatto e da ripetere tra 24 e 27 settimane), In particolare, si prevede la ricerca nelle urine di proteine e, tra queste, di albumina.

Ventisettesima settimana di gravidanza

Arrivati al settimo mese di gravidanza il corpo comincia a prepararsi al momento del part. A questo punto della gravidanza potrebbe potrebbe già essere comparsa sul pancionela linea nigra.

Terzo trimestre di gravidanza

Comincia il terzo trimestre e il feto è più attivo che mai.

Ventottesima settimana di gravidanza

 La madre ora si muove con molta fatica e si stanca con maggiore facilità. ln attesa del parto, può essere il momento di prepararsi all'arrivo del bimbo  seguendo dei corsi pre-parto o preparando una valigia d'emergenza per ogni eventualiu corse in ospedale.

Ventinovesima settimana di gravidanza

Si avvia a terminare il settimo mese di gravidanza e ormai l'aumento di peso da parte della futura mamma dovrebbe cominciare ad essere rilevante. Da questa settimana molte donne iniziano a partecipare a un corso di accompagnamento alla nascita, appuntamento molto utile per avvicinarsi con maggiore serenità al momento del parto

Nel feto inizia l'attività del timo, una ghiandola produttrice di anticorpi che si trova nel torace. 

Trentesima settimana di gravidanza

Il corpo materna inizia a prepararso al parto, Dalle mammelle materne infatto potrebbero fuoriuscire le prime gocce di colostro, che è il liquido precursore del latte e non è raro avvertire già in questo periodo le contrazioni di Braxton-Hicks.

Trentunesima settimana di gravidanza

L'utero in espansione ora preme con forza anche sui polmoni, dunque è del tutto normale provare affanno e stanchezza. Nel feto maschio i testicoli arrivano finalmente allo scroto e l'apparato respiratorio funziona quasi del tutto in autonomia.

Trentaduesima settimana di gravidanza

In questo periodo potrebbe verificarsi un incremento delle secrezioni vaginali, ma a meno che non vi sia prurito eccessivo e bruciore, non occorre preoccuparsi

Trentatreesima settimana di gravidanza

Ora il seno materno è più abbondante e gonfio che mai, quindi può essere necessario idratare capezzoli e areole per evitare secchezza e prurito. Ora il piccolo nel pancione percepisce i suoni provenienti dall'esterno con sempre maggiore chiarezza e sviluppa il senso del gusto.

Trentaquattresima settimana di gravidanza

L'utero è nel momento di maggiore espansione e preme sulla vescica: ergo, è più frequente lo stimolo della pipì. Utile in questo periodo sottoporsi ad esami del sangue e al Test di screening per la ricerca del Virus dell'Immunodeficienza Umana (HIV)

Trentacinquesima settimana di gravidanza

Adesso il bimbo ha sviluppato praticamente lo stesso aspetto che avrà alla nascita. Se non si è già fatto, prenotare esami di controllo e visita ginecologica.

Trentaseiesima settimana di gravidanza

Ci si inoltra nel nono e ultimo mese. Se il bimbo ha già assunto la posizione posizione cefalica poi (ossia ha la testa rivolta verso il basso), significa che è già pronto ad uscire e dunque si può già cominciare a fare attenzione ad eventuali contrazioni

Trentasettesima settimana di gravidanza

Per la mamma dormire è sempre più complicato, così come camminare e muoversi con un certo agio. Se il feto non ha ancora assunto la giusta posizione nel pancione, alla madre può essere proposto il "rivolgimento manuale" per indurre il bambino a girarsi a testa in giù.

Trentottesima settimana di gravidanza

L'utero ha ormai raggiunto la massima espansione, il che potrebbe provocare qualche disturbo nella digestione. In questa fase si è molto stanche, ma è bene fare sempre un po' di movimento ogni giorno.

Trentanovesima settimana di gravidanza

Ogni giorno può essere quello buono per l'inizio del travaglio. Massima attenzione alle contrazioni tenendo bene a mente però che il travaglio è preannunciato da contrazioni regolari e piuttosto lunghe (almeno 45-50 secondi), con un'intensità crescente.

Quarantesima settimana di gravidanza

Il bimbo è pronto per nascere! Tuttavia se ancora non accade nulla, non c'è da preoccuparsi: alcuni bambini infatti aspettano fino alla quarantaduesima settimana per fare il loro ingresso nel mondo.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli