Home Gravidanza

Smagliature in gravidanza

di Alice Dutto - 12.07.2023 - Scrivici

come-prevenire-le-smagliature-in-gravidanza
Fonte: shutterstock
Come prevenire le smagliature in gravidanza: come riconoscerle e come scegliere oli vegetali, e creme. Quando iniziare con l'olio per smagliature

In questo articolo

Smagliature in gravidanza

Antiestetiche e odiatissime dalle donne, le smagliature sono causate da fattori ormonali, dal fumo o veloci aumenti o diminuzioni di peso, e la gravidanza (soprattutto dal sesto all'ottavo mese) è uno dei momenti in cui è più facile che si formino. Vediamo insieme quando compaiono e come prevenirle scegliendo creme e oli vegetali giusti.

Come riconoscere le smagliature

Nel dossier del Ministero della Salute leggiamo che le smagliature, conosciute anche come striae atrophicae o striae distense, sono una manifestazione molto frequente caratterizzata da atrofia, riduzione di spessore della cute. Le smagliature si presentano come bande lineari singole o multiple, ben delimitate, parallele tra loro, separate da tratti di cute sana.

Dal punto di vista istologico, si tratta di cicatrici causate «dalla frattura delle fibre di collagene a livello del derma, lo strato più profondo della pelle».

Addome, fianchi e seni sono le sedi più colpite dalla formazione delle smagliature.

Quando vengono le smagliature in gravidanza

Quando escono le smagliature e perché compaiono?

Erseida Arra, medico estetico del Centro Medico Santagostino di Milano spiega che in molti casi, la pelle non è sufficientemente elastica per affrontare l'aumento di volume determinato dalla gestazione così, a causa di una quantità ridotta di collagene e della rottura delle fibre elastiche, si formano le smagliature.

Come riporta il dossier dedicato alle smagliature in gravidanza del Ministero della Salute, «più del 50% delle donne in gravidanza va incontro a smagliature», in genere ne sono più colpite le donne giovani e quelle alla prima gravidanza. Anche se avete visto comparire delle smagliature sul vostro corpo durante la pubertà, potreste essere più a rischio.

E il problema principale è che, una volta formate, non si possono più cancellare. Ecco perché la prevenzione è fondamentale.

Oli e creme: quali scegliere

La dottoressa spiega che: «In farmacia si possono trovare ottime creme antismagliature (con principi attivi idratanti, ad esempio la vitamina E, ed elasticizzanti, come l'acido boswelico) da applicare quotidianamente sulle zone più soggette agli aumenti di volume: dalla pancia ai fianchi, dai glutei alle cosce, passando per il seno».

Quando bisogna cominciare ad usare l'olio antismagliature?

E' bene iniziare sin dalle prime settimane di gestazione e proseguire con applicaizoni quotidiane fino a dopo il parto.

Consigli di prevenzione

Muoversi, idratarsi e mangiare cibi sani e ricchi di vitamine e antiossidanti, ma anche uso di prodotti naturali e cosmetici. Ecco qualche consiglio di bellezza da seguire, tenendo sempre conto che se state per fare un'ecografia di controllo non dovete applicare oli e creme almeno 2-3 giorni prima dell'esame.

Ecco alcuni consigli dell'esperta:

Muoversi 

Un buon modo per evitare che la pelle subisca uno stress eccessivo è quello di fare sport, o comunque ridurre la sedentarietà e fare attenzione alla quantità di calorie ingerite per evitare di accumulare troppi chili in eccesso.

Idratazione

«Per mantenere la pelle elastica, poi, bisogna mantenere un buon livello di idratazione e quindi bere molto: almeno 1,5/2 litri di acqua al giorno» aggiunge l'esperta.

Alimentazione

È anche importante fare attenzione a ciò che si mangia: «le proteine soprattutto sono fondamentali per il benessere della pelle; attenzione poi anche ad assumere antiossidanti e vitamine, contenute in frutta e verdura di stagione, ma anche negli integratori compatibili con lo stato gravidico da assumere sotto prescrizione del ginecologo».

Rimedi naturali contro le smagliature in gravidanza

In commercio esistono poi vari prodotti naturali che possono aiutare la pelle ad affrontare lo stress della gravidanza.

«Particolarmente indicati sono gli oli vegetali che si trovano nei negozi biologici o nelle erboristerie. In particolare: l'olio di mandorle, di aloe vera, di jojoba, di cocco e di avocado che possono essere usati da soli, ma anche come mistura». Prima di utilizzarli, però, verificate di non essere allergiche a una di queste sostanze.

Il consiglio è quello di usarli sempre per avere una pelle bella e liscia, ma in particolar modo quando si aspetta un bambino.

Prima si inizia meglio è: si possono applicare quelli meno unti la mattina, mentre quelli di mandorle e avocado è meglio metterli la sera prima di andare a letto, perché sono più corposi. In questo modo non macchierete i vestiti

Smagliature, cosa fare dopo il parto

Dopo il parto, il consiglio è quello di «continuare a proteggere la pelle e occuparsi della sua bellezza continuando a idratarsi e applicare i prodotti già citati». continua la dottoressa. Ecco i consigli sulle smagliature post parto dalle mamme di mammenellarete.

Al termine dell'allattamento si può intervenire anche in modo più profondo con diversi trattamenti estetici: «alcuni prevedono l'utilizzo del laser; altri quello di peeling chimici, con agenti biorivitalizzanti; altri ancora quello di trattamenti di radiofrequenza».

Purtroppo non c'è mai una risoluzione totale delle smagliature: «il risultato, ad esempio del trattamento con il biorivitalizzante, è l'aumento dello spessore della pelle e un colore più roseo in corrispondenza delle smagliature, rendendole di fatto meno visibili, ma non potranno mai scomparire del tutto».

Revisionato da Francesca Capriati

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli