Nostrofiglio

Video ecografia 4D

Gli sbadigli di un feto in 4D

This-is-an-ultrasound-showing-yawn-at-27.5-weeks-gestation

26 Novembre 2012
Un nuovo studio ha scoperto che il feto nel grembo materno, sbadiglia. E, anche… molto! Lo dimostra un’ecografia in 4D di un feto alla 30esima settimana di gestazione.

Facebook Twitter Google Plus More

Non hanno solo il singhiozzo, fanno capriole, tirano calci e, un nuovo studio ha scoperto che il feto nel grembo materno, sbadiglia. E, anche… molto!

Nove mesi sono lunghi da passare, soprattutto al buio. Ma, un nuovo studio afferma che il feto non sbadiglia per noia, anzi, perché crescere è un duro lavoro! Lo dimostra

un’ecografia in 4D di un feto alla 30esima settimana di gestazione.

I ricercatori hanno valutato le scansioni in 4D di 16 feti sani, e hanno stabilito che lo sbadiglio è un processo di sviluppo che potrebbe fornire ai medici un nuovo mezzo per controllare lo stato di salute del bambino durante la gestazione.

Ma, non tutti i medici sono d’accordo con questa scoperta, alcuni dicono che, lo ‘sbadiglio’ non è altro che l’apertura della bocca di un bambino che si sta sviluppando.

Secondo i ricercatori, che hanno effettuato lo studio pubblicato lo studio sulla rivista scientifica PLoS ONE, invece, si tratta di un vero e proprio sbadiglio. Infatti, si distingue chiaramente lo sbadiglio da una semplice apertura della bocca, sulla base della durata di questo gesto.

Gli studiosi, hanno infatti utilizzato, i filamti in 4D per esaminare tutte le volte che il feto apriva la bocca, in circa la metà dei casi è stato riconosciuto uno sbadiglio.

La ricerca è stato fatta, analizzando 8 feti maschi e 8 femmine che avevano dalle 24 alle 36 settimane di gestazione. Lo sbadiglio diminuiva a partire dalla 28esima settimana e non c’era nessuna differenza tra i maschi e le femmine.

A condurre lo studio Nadja Reissland della Durham University, nel Regno Unito, ha precisato che la funzione e l’importanza degli sbadigli nei feti è ancora sconosciuta, ma i risultati fanno pensare che potrebbero essere collegati allo sviluppo del feto e, quindi, fornire un ulteriore indizio sulla valutazione della salute del bambino.

“ A differenza di noi, per i feti lo sbadiglio non è contagioso, né sbadigliano perché hanno sonno” ha detto la Reissland. “Al contrario, la frequenza degli sbadigli nel grembo materno, potrebbe essere legata alla maturazione del cervello all’inizio della gestazione”, conclude la dottoressa.