Ultime scoperte

Il Dna del feto dal sangue della mamma

Di Nostrofiglio Redazione
feto.1500x1000
6 luglio 2012
Conoscere il Dna del feto partendo da un semplice esame del sangue della madre. Uno studio descritto su Nature e condotto da alcuni ricercatori dell'Università di Stanford ha aperto la porta alla diagnosi prenatale di malattie genetiche senza esami invasivi per il bambino.

Il sangue di una futura mamma è un mix di Dna materno e del bambino. Partendo da questo presupposto alcuni ricercatori dell'Università di Stanford, coordinati da Stephen Quake, sono riusciti ad isolare e analizzare le cellule fetali in circolazione nel sangue di due donne incinte; hanno così ottenuto per la prima volta la mappa del Dna del feto partendo da un campione di sangue della madre.

 

Il prossimo passo di questo studio sarà l'applicazione della scoperta per un uso clinico: potrebbe quindi essere utilizzato, come sottolineano gli esperti, per realizzare una diagnosi precoce delle malattie genetiche del feto senza ricorrere a esami invasivi come l'amniocentesi (che aumenta il rischio di aborto dello 0,5-1%).

 

La maggior parte degli esami prenatali sono infatti invasivi: spesso il futuro genitore è posto davanti al rischio di dover scegliere se effettuarli correndo il rischio oppure no. In questo modo invece i ricercatori potranno individuare in anticipo se e in quali situazioni intervenire sia prima della nascita del bambino che subito dopo.