Home Gravidanza Diagnosi prenatale

Premorfologica: cos'è e quando è utile?

di Francesca Capriati - 20.05.2021 - Scrivici

premorfologica
Fonte: shutterstock
Premorfologica: cos'è l'ecografia premorfologica, quando è utile, cosa si vede e quando si fa. Differenze con l'ecografia morfologica

Premorfologica

L'ecografia morfologica riveste sempre una grande importanza ed è motivo di entusiasmo ed emozione per i futuri genitori: con questa importante ecografia è possibile studiare nel dettaglio lo sviluppo scheletrico e degli organi del feto, individuare eventuali malformazioni, datare con più precisione la gravidanza e anche scoprire, se siamo fortunati, il sesso del bambino. Ma esiste anche un altro tipo di morfologica, chiamata premorfologica, che viene effettuata prima di quella tradizionale. Vediamo quando è indicata e a cosa serve.

In questo articolo

Utilità

Quando può essere utile fare un'ecografia pre-morfologica? Questa indagine è utile in casi ad alto rischio malformativo (ad esempio un figlio precedentemente nato con anomalia) per fare una valutazione precoce dell'anatomia fetale, il che può servire ad anticipare i tempi della diagnosi. Ciò consente alla coppia di approfondire il quadro diagnostico con eventuali esami genetici o con l'amniocentesi, che richiedono sempre dei tempi più o meno lunghi.

La premorfologica può essere utile, quindi, nei seguenti casi:

  • quando le future mamme non vogliono fare l'amniocentesi e vogliono comunque avere un quadro più definito della situazione;
  • hanno fatto il test combinato e il risultato è poco chiaro: cioè né troppo alto da giustificare il ricorso ad amniocentesi, né troppo basso per stare tranquille;
  • hanno avuto precedenti gravidanza con malformazioni e anomalie, soprattutto cardiache.

Quando si fa

La premorfologica viene fatta generalmente tra le 15 e le 18 settimane: si tratta di un'ecografia transaddominale che può aiutare ad individuare eventuali anomalie fetali prima della 20a settimana di gestazione. L' esame è considerato, ad oggi, solo uno screening e non un esame diagnostico precoce. Questo perché in questa epoca gestazionale non sono ancora completate le strutture fetali, l'anatomia del bambino si modificherà ancora e alcune patologie non necessariamente saranno già visibili.

Come avviene l'ecografia premorfologica

L'ecografia è un esame del tutto innocuo per la mamma e per il bambino: gli ultrasuoni utilizzano le onde sonore, non le radiazioni come fanno i raggi X. Generalmente a questo stadio della gravidanza viene fatta per via transaddominale utilizzando, quindi, una sonda che viene passata sull'addome della futura mamma dopo aver applicato un gel apposito. Si raccomanda di avere la vescica piena per una migliore definizione.

Valori

Cosa può mostrarci questa ecografia?

  • Battito cardiaco fetale e valutazione del flusso sanguigno attraverso la placenta;
  • Misurazioni dettagliate ed esame del bambino in crescita;
  • Rilevazione di anomalie strutturali fetali;
  • L'assenza di rischi per il parto vaginale (Vasa Praevia);
  • Posizionamento accurato della placenta nell'utero;
  • Controllo del volume di liquido amniotico;
  • Esame delle strutture pelviche della madre;
  • Lunghezza della cervice.

In linea di massima, quindi, questo esame include:

  1. analisi strutturale del feto
  2. biometria per misurare le varie parti fetali, come parametri cranici, circonferenza addominale, ossa lunghe
  3. ricerca di "soft marker", che sono indicatori di cromosomopatia, e permette quindi di ricalcolare il rischio per cromosomopatie.

Differenze con la morfologica

L'ecografia premorfologica non sostituisce la morfologica, che viene eseguita tra le 21 e 22 settimane ed è un esame diagnostico. La premorfologica non consente, in questa epoca gestazionale, di evidenziare eventuali anomalie malconformative caratterizzate da difetti ancora troppo piccoli da vedere, come le patologie strutturali delle labbra, del cervello o del cuore). Inoltre non può individuare patologie che diventeranno visibili solo più avanti, come l'idrocefalia

Ciò detto, quindi, l'ecografia premorfologica serve essenzialmente a valutare il sospetto di eventuali patologie e anomalie che serviranno all'operatore più in avanti a fare uno studio più consapevole e attento di questi aspetti durante l'ecografia morfologica, ed ad avviare eventualmente un percorso diagnostico con esami e test più approfonditi e lunghi.

Fonti

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli