Nostrofiglio

Dizionario gravidanza

Aborto spontaneo

donna-aborto

15 Ottobre 2013
Si parla di aborto spontaneo quando l'interruzione di una gravidanza avviene prima dell'epoca in cui il feto ha la capacità di sopravvivere fuori dell'utero. La maggior parte degli aborti spontanei è provocata da un’anomalia genetica del feto.

Facebook Twitter Google Plus More

Si tratta dell’interruzione di una gravidanza prima dell’epoca in cui il feto ha la capacità di sopravvivere fuori dall’utero. Attualmente, grazie agli avanzamenti della medicina neonatale, tale limite risulta essere intorno alle 24 settimane di gestazione.

LEGGI ANCHE LE ALTRE VOCI DEL DIZIONARIO DELLA GRAVIDANZA

La maggior parte degli aborti spontanei è provocata da un’anomalia genetica del feto. Tra le cause non genetiche figurano i disordini ormonali materni (come il diabete o le disfunzioni della tiroide), le patologie uterine (malformazioni, fibromi) e le malattie infettive, quelle del sistema immunitario o della coagulazione.

Una minaccia di aborto consiste in perdite vaginali di sangue associate a dolori addominali simili a quelli mestruali prima della 24ª settimana.

A cura delle dott.sse Letizia Stefano, Marta Mauri, Evita Calvi, Letizia Laffranchi, Federica Quadrelli, Karina Makarenko, specialiste di ASM, l’Associazione per lo Studio delle Malformazioni Onlus, ginecologhe presso la Clinica Ostetrica e Ginecologica, Ospedale San Paolo, Polo Universitario, Milano.

Ti potrebbe interessare: Aborti spontanei, perdite in gravidanza e minaccia d'aborto

Forum: qui le mamme parlano di Aborto spontaneo

LA STORIA DA MAMMENELLARETE: INCINTA DOPO DUE ABORTI

Due aborti e tanta paura. A mio marito diagnosticano una traslocazione cromosomica bilanciata; era questa che mi causava gli aborti spontanei ripetuti. Pensavamo alla fecondazione artificiale, ma poi...

Leggi la storia Incinta dopo due aborti